Ottobre 26, 2021

GolfMag

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Al Festival di Cannes, l’Italia ha vinto tutto

La vittoria dell’Euro calcio italiano è stata celebrata a gran voce domenica in Italia sulla Costa Azzurra, dove il festival più importante del mondo è benedetto con una benedizione di film dalla penisola, che segna la rinascita del cinema italiano.

La Salsa Rosa Pizzeria, decorata in un triangolo italiano, ha ricevuto molti sorrisi e incoraggiamenti quando ha lasciato il mercato di Cannes domenica. Finale di calcio europeo.

Vai in Italia, Prendili! Un autista ha gridato e ha abbassato il finestrino del suo furgone.

Appoggiarsi pesantemente a Cannes Assuri Non dubitare mai. A breve distanza in auto lungo la costa italiana, molti dei locali qui hanno almeno un nome italiano, almeno quando non provengono dal paese.

“Semplicemente ci è venuto in mente allora Era L’Italia, fino a molto tempo fa”, ha affermato Giuseppe Esposito, titolare di Salsa Rosa, trasferitosi dalla natia Napoli in Riviera una decina di anni fa. “E’ nato in Caribaldi Road”, ha aggiunto, indicando la vicina Nizza – in seguito chiamata Nissa.

Il ristorante Salsa Rosa a Cannes è pieno di tricolori italiani. © Benjamin Todman, Francia24

Pavlo Sorrentino, un assiduo frequentatore della migliore vetrina della città, creerà il set perfetto per una scena spazzatura in un film di Cannes, esplodendo la tecnologia tecnologica con un mix tecnologico di sole, mare, splendidi vestiti e cuccioli da spiaggia. Festival di Cannes.

I registi italiani hanno una lunga e tumultuosa storia al più importante festival cinematografico del mondo, dove seguono solo i francesi e gli americani nel numero di successi della Palma d’Oro. L’Italia ha vinto l’ultima volta l’ambito premio 20 anni fa, ma è ancora visibile ovunque sullo schermo e fuori.

READ  Leonardo d'Italia punta a quotare l'unità TRS quando le condizioni di mercato sono giuste

Il dialogo dei critici italiani è introvabile nelle lunghe file per le proiezioni stampa. Secondo FRANCIA 24 Fotografo da red carpet, Gli italiani dominano anche le frenetiche sessioni fotografiche, con le star che gesticolano febbrili e intonano “Girati! grato! “(Indietro!) E” Kardami! ” (Guardami!).

Tata Moretti, già vincitrice della Palma d’oro, ha fatto parte del festival cinematografico più prestigioso del mondo sin dal suo primo concorso, “X-Bombo” nel 1978. 1994 Premio per il miglior regista per “Dear Diary” e sette anni dopo il più grande premio del cinema è “Son’s Room”.

A Salsa Rosa, Esposito ricorda un giorno in sella all’auto di un regista – “una vecchia Renault 4 amara” – tra Napoli e Roma, negli anni ’80.

“Moretti sarà sempre a Cannes”, ha detto. “È un’azienda qui.”

Più tardi, Moretti ha presentato il suo ultimo film al Boyce des Festival, il suo ottavo concorso in assoluto. Adattato dal libro dello scrittore israeliano Eshkol Nevo sulla vita del condominio di Tel Aviv, portano la storia dei “Tre siti” in Italia e fanno vivere Margherita Pi, Alba Roewacher, Ricardo Scamarcio e Moretti in un condominio romano. Lo strato capovolto dagli eventi.


Lavorando senza la sceneggiatura originale per la prima volta nella sua lunga vita, Mauretti riesce a combinare magnificamente le diverse trame del film. Ma “Three Sites” è ostacolato dalla mancanza di un potente tema di base e non limita il potenziale emotivo dei suoi capolavori. È stato a lungo acclamato e acclamato dalla critica al Grand Theatre Lumiியேre – non si applica molto alla gara della Palma d’Oro perché giurati e critici lo penseranno allo stesso modo.

READ  L'Italia batte la Repubblica Dominicana per vincere il tiro olimpico nella finale OQT - Qualificazioni olimpiche FIBA ​​Belgrado, Serbia 2020

‘Ribellione’ del cinema italiano

Mentre Moretti è l’unico italiano nella grande competizione di quest’anno, altre sezioni di Cannes sono state stratificate con film che escono dalla serratura.

Un altro attore anziano di Cannes, il caro Marco Belloccio, presenterà il suo documentario personale “Marx Can Wait” in una proiezione speciale questo fine settimana. Due anni dopo la sua settima apparizione nella competizione, riceverà la Palma d’Oro onoraria “Traditore”.

L’esordiente Laura Samani è nella selezione settimanale della critica parallela al mito del “piccolo corpo”, con quattro ingressi italiani alla Quinzaine des Réalisateurs. Tra questi c’era “Futura”, un ritratto dell’Italia vista attraverso gli occhi dei giovani, co-diretto da Alice Rohrebacher (fama “Felice come Lazaro”). Jonas Carbignano torna con “A Sierra”, l’ultimo episodio della trilogia teatrale nel sud Italia, iniziata “Mediterraneo”.

Come il film francese protagonista quest’anno, l’industria cinematografica italiana ha attraversato molte epidemie. Ora è destinato a subire una massiccia iniezione di denaro nell’ambito del Fondo per il ripristino di emergenza dell’UE, che finanzierà la conversione degli iconici studi cinematografici di Cincinnati di Roma, ancora i più grandi d’Europa.


Mentre il cinema italiano sta vivendo un’esplosione di creatività, una nuova generazione di registi è desiderosa di abbracciare temi e generi diversi. Tra questi c’è Haider Rashid, uno spettacolo teatrale espatriato ambientato al confine turco-bulgaro intitolato “Europa” che sarà proiettato questa settimana alla Quinzaine des Réalisateurs.

“I film italiani sono molto nuovi nell’affrontare questo tipo di argomento”, ha detto Rashid a France 24, descrivendo il suo film come “molto diverso in termini di stile, linguaggio e temi”.

READ  Dato che non puoi viaggiare in Italia, porta calore a casa di Buglia con la collezione di pasta party di Alex e Trahans

Un anno e mezzo dopo il regista italo-iracheno era felicissimo di essere a Cannes, dove l’Italia è stata duramente colpita dall’epidemia nei paesi. Ha espresso la speranza che il cinema italiano continui ad aprire nuove strade nei prossimi anni.

“Il cinema italiano ha una storia enorme ed è stato a lungo un sistema di tendenze nel linguaggio del cinema”, ha detto. “A volte ci dimentichiamo, i migliori artisti del passato [Roberto] Rosellini o [Vittorio] De Cicca, c’è stata una vena ribelle. Bisogna riscoprirlo. “

Ciò significa che Rashid continuerà a introdurre più diversità nel cinema italiano e trarrà ispirazione dal cinema francese, ha affermato. Ha aggiunto: “La popolazione del paese sta cambiando molto velocemente e dobbiamo vedere più differenze nel quadro”.