Ottobre 26, 2021

GolfMag

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Giornata campale per valutare i vitigni freschi in Italia

Il tema del seminario è stato “Interventi per migliorare la viticoltura in Sicilia”.

Un momento di visita al dominio di una delle aziende OP Opus di Massaron

16.1 “Questa iniziativa fa parte di un processo pianificato per supportare l’attuazione e la gestione del partenariato europeo per l’innovazione (EIP) nel campo della produzione agricola e della sostenibilità.”

Capofila del progetto è l’Organizzazione dei Produttori Siciliani (OPAS), che, attraverso il Programma di Sviluppo Rurale per la Sicilia 2014-2020, riceve il supporto scientifico del Dipartimento di Agraria, Alimentazione e Ambiente dell’Università degli Studi di Catania (Di3A), Ricerca Centro per la coltivazione dell’olivo, della frutta e degli agrumi (CREA-OFA) e Centro per la ricerca economica di ingegneria applicata (CSEI) di Catania. Altri partner sono un’azienda che fornisce assistenza tecnica, Irtec SBA, un’azienda di trasformazione, Fonsicilia e sei aziende agricole: Astudo Guidano, La Bellua, de Pietro Cicario, Cefra. Societ Agricola, Turley Claudio e DiStefano Gabriella.

Tutte le piante nominate sono soggette a valutazione. Clicca qui per accedere all’album fotografico completo

La giornata di lavoro è divisa in due parti, inclusa una gita sul campo per valutare nuovi suggerimenti all’interno del progetto e una presentazione dei risultati chiave del progetto Innovitis. Durante la visita sul campo, guidata dal presidente dell’Opas Nuncio Pusaka e dal direttore scientifico del progetto Elizabeth Nicolosi, i partecipanti hanno potuto osservare le uve proposte sia senza semi che senza semi. Anche le varietà con semi di erbe sono molto interessanti perché i semi non sono visibili in bocca.

“Poiché le varietà precoci, medie e tardive sono coltivate nello stesso sito, le varietà sono mature. Quindi ad oggi non è possibile valutare tutte le caratteristiche di ogni referenza, ma questo evento aiuta prima di tutto a conoscere il nostro lavoro nel suo insieme”, ha detto Elizabeth Nicolosi.

READ  Due persone sono morte in un uragano nell'isola italiana di Pantelleria

“La grande diversità genetica dell’appezzamento, frutto di 5 anni di controinterrogatorio e selezione, è una grande fonte di ricchezza per l’intera filiera vitivinicola Massoron. Valutiamo la produzione e le caratteristiche genetiche. Comunichiamo quotidianamente. E selezionare varietà che non richiedono molta manodopera da parte degli agricoltori”, ha affermato Francesco Scolo, scienziato D3A.

“Di3A ha trasferito sul campo più di 700 varianti genetiche da progetti di incroci realizzati nel 2017 e nel 2018. Undici piante madri sono state utilizzate in diverse combinazioni, ma almeno una pianta madre senza semi. Sviluppate pensando alla qualità dei frutti. Dai primi risultati di 200 o più varianti genetiche, alcuni incroci (Clicca qui per visualizzare l’album fotograficoMolto affidabile per consistenza, gusto, pezzatura, colore della buccia e forma dell’acino e del grappolo. Anche le varianti genetiche sono state selezionate in base al periodo di maturazione. ”

Il settore vitivinicolo è in rapida evoluzione e continui profondi cambiamenti che interessano le tecniche di coltivazione e le attività di commercializzazione. Paese leader in Europa sia per produzione che per export, l’Italia deve oggi competere con altre regioni manifatturiere emergenti, oltre che con i blocchi dell’emisfero australe, che in passato non coincidevano con i raccolti dell’emisfero settentrionale, e più recentemente cominciano a conformarsi ai prodotti europei, aumentando così la concorrenza.

Questo tipo di iniziativa sarà molto vantaggioso in quanto darà al settore manifatturiero italiano maggiori opportunità di penetrazione nel mercato nazionale ed estero.