Ottobre 22, 2021

GolfMag

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gli agricoltori hanno paura della loro terra perché sulle montagne d’Italia si stanno diffondendo le noccioline

Giacomo Andreocci, che gestisce una piccola fattoria biologica sulle montagne a nord di Roma, ha detto di sentirsi parte di una razza morente, grazie alla crema al cioccolato che milioni di persone volevano.

Nei terreni che coltiva nel comune di Vignanello erano coltivate diverse cultivar tra cui olivo, vite e nocciole.

Ma recentemente, sotto la direzione di Ferrero, l’azienda italiana che ha creato Nutella, molte delle valli circostanti sono state convertite alla coltivazione intensiva di arachidi, con singole aziende agricole che trasformano prati, piccole aziende agricole e viti in filari.

“La coltivazione delle nocciole è esplosa enormemente, innescando un rapido cambiamento nell’ecosistema che ci circonda, e la natura non può più sostenerla”, ha detto Androchi, che ha coltivato i raccolti su un sentiero della fattoria.

“I noccioleti ormai sono piantati ovunque… Assorbono tutte le risorse della nostra terra.

Ferrero, produttore di Noodella, mira ad aumentare la produzione italiana di nocciole del 30 percento a 90.000 ettari entro il 2025 © Chris Radcliffe / Bloomberg

I cambiamenti che spaventano Andreas includono temi globali che vanno dalla sicurezza alimentare e le catene di approvvigionamento internazionali alle crescenti preoccupazioni ambientali.

La decisione di Ferrero di ridimensionare alcune delle sue noci dalla Turchia, il suo principale fornitore e il più grande produttore mondiale, ha invitato i produttori a ridurre le catene di approvvigionamento, aumentare la produzione locale e aumentare la stabilità e il monitoraggio dei diritti dei lavoratori.

“I consumatori in generale sono più consapevoli di come viene realizzato il loro prodotto e da dove proviene”, ha affermato Ishan Das, un commerciante di noci del Regno Unito presso Freeworld Trading.

Ma il cambiamento di Ferrero ha suscitato preoccupazioni ambientali e ha diviso le comunità locali in opportunità di accoglienza per massimizzare i propri redditi, per coloro che credono che la monocultura risultante creerà uno stallo ambientale.

Le nocciole si coltivano intorno a Vignanello fin dagli anni ’60. Ma ribattezzato Progetto Nocciola Italia, o Progetto Nocciola Italiana nell’ambito del piano 2018, Ferrero aumenterà la produzione nazionale del 30% entro il 2025 a 90.000 ettari.

Sta aumentando la pressione sul più grande acquirente mondiale di nocciole per aumentare gli acquisti locali, con i politici italiani che criticano un gruppo di proprietà privata per fare affidamento su merci turche. Ferrero ha dovuto affrontare la concorrenza del gruppo alimentare italiano Barilla, che è prodotto con “100 per cento nocciole italiane”.

Ferrero ha affermato che il suo piano di ristrutturazione si concentrerà su aree in cui le piantagioni di arachidi potrebbero essere integrate con altre colture e vorrebbe prevenire l’abbandono dei terreni agricoli incolti.

Grafico del legno che mostra la produzione mondiale di arachidi nel 2019

Ma gli ambientalisti sottolineano che questo ha portato gli agricoltori locali a coltivare alberi di noci che non crescono naturalmente vicino al mare. L’agricoltura intensiva può ridurre i livelli delle acque sotterranee e saccheggiare gli habitat degli organismi autoctoni.

“Più seguiamo questo approccio, più ci muoviamo verso uno stato di irreversibilità”, ha affermato Cofredo Filipek, ricercatore ambientale presso l’Università di Tucson a Viterbo.

Secondo gli ambientalisti, le singole colture aiutano a diffondere malattie e parassiti delle piante, determinando un maggiore uso di pesticidi ed erbicidi. Tuttavia, il piano nazionale di rilancio del governo italiano prevede 8 6,8 miliardi di componenti agricole, parte delle quali mira ad aumentare l’agricoltura biologica, migliorare la biodiversità e ridurre l’uso di prodotti chimici.

“Quando c’è biodiversità…” dice Fernando Testa, tecnico agrario che lavora a Vignanello.

Ferrero nega con veemenza che le sue azioni danneggino l’ambiente.

“La coltivazione della nocciola non ha distrutto le campagne italiane; infatti, il Paese ha una lunga storia di coltivazione dell’uva spina ed è uno dei maggiori paesi produttori. Le nocciole italiane sono utilizzate dalle aziende di molti settori”, si legge in una nota alla Finanziaria. Volte.

La società ha affermato di aver riunito professionisti agricoli e scientifici per affrontare le sfide della sostenibilità e promuovere pratiche migliori attraverso il suo programma di sostenibilità. Molti agricoltori italiani hanno accolto con favore il reddito in crescita della frutta a guscio.

“Questo dibattito è surreale”, ha detto Lorenzo Pasana dell’Associazione Italiana Agricoltori Goldiretti. “Il raccolto singolo non è nuovo, che si tratti di grano, mais o vite.

I produttori protestano contro Ferrero a Roma nel 2018: si ritiene che le singole colture diffondano malattie e parassiti delle piante, con conseguente aumento di pesticidi ed erbicidi © Stefano Montesi / Corbis / Getty Images

La filiera globale della frutta a guscio è in discussione in Italia mentre affronta una ricerca in crescita. Durante Ferrero-Waldner Monitora la coerenza Nella sua distribuzione, i coltivatori di mandorle della California hanno affrontato una battuta d’arresto nell’uso attivo dell’acqua, mentre le catene di approvvigionamento di lenticchie di anacardi dall’Africa all’Asia meridionale hanno sollevato preoccupazioni sulle pratiche di lavoro.

Coltivare più noci in Italia consente a Ferrero di ridurre alcune filiere e aumentare la sua capacità di tracciabilità. Attualmente acquista un terzo del raccolto annuale della Turchia, con le nocciole che rappresentano il 65-70% della produzione mondiale e le fonti provenienti da Cile e Georgia.

Ma con la crescita dell’industria petrolifera italiana, c’è un’ulteriore pressione sugli agricoltori per mantenere prodotti di alta qualità.

“Il mercato ha bisogno di essere costantemente nutrito. Vuole la nocciola perfetta, la vuole veloce”, ha detto Marcello Lacrimanti, che ha iniziato a coltivare nocciole nel 2017 a Vignanello.

Andreosi, che ha ispezionato le fattorie intorno a lui, ha detto che capiva le motivazioni dei suoi vicini, ma temeva cosa significasse.

“Da un punto di vista economico, in questo momento [this] La cosa migliore là fuori. Quando si tratta di una grande azienda, la comunità locale si concentra su un prodotto che ne tragga beneficio. Si creano posti di lavoro e ricchezza “, ha detto.

Ma cosa lasciamo alle generazioni future? Se continuiamo a saccheggiare la terra come facciamo, non ci sarà altro che deserto.

Capitale del clima

Il cambiamento climatico incontra affari, mercati e politica. Esplora la copertura di FT qui.

Sei interessato agli impegni di sostenibilità ambientale di FT? Scopri di più sui nostri obiettivi basati sulla scienza

READ  Niccolò perde l'Italia Under 21