Ottobre 22, 2021

GolfMag

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il Made in Italy deve aggiornarsi?

Dalla Monte si affida a un venditore per acquistare lavoro per la sua attività e gestire i rapporti con i marchi. “Non ho la struttura per gestire accordi e specifiche con i marchi”, spiega. “Il mio lavoro è in fabbrica. Per me è facile prendere un ordine senza pensare ad altro.

fattore cinese

La concorrenza di molte aziende cinesi in Veneto, che spesso taglia gli angoli, è agguerrita. Secondo le stime di Confordiano Veneto, le piccole imprese di proprietà cinese rappresentano circa il 35 per cento del PIL della regione.

Il ruolo della Cina nella catena di approvvigionamento è importante ma solleva ogni sorta di domande. «I cinesi sono fondamentali per svolgere certi tipi di produzione in bassa quantità e qualità», afferma Giuliano Cecco, presidente della Confederazione del Veneto, associazione regionale delle piccole imprese.

I marchi di lusso di solito vengono lasciati all’oscuro e le aziende cinesi non sanno se il subappalto della produzione viene appaltato. Il venditore gestisce la catena di approvvigionamento e può scegliere di sorvolare o nascondere determinati dettagli. Lo sfruttamento dei cinesi e di altri lavoratori stranieri è preoccupante. A luglio, la polizia veneta ha scoperto una rete di imprese che utilizzava lavoratori stranieri, compresi pakistani maltrattati. Sono in discussione anche le pratiche occupazionali nel settore della moda.

Perché i giovani italiani non entrano nel mondo della moda? Questo è un lavoro duro e impegnativo, dice Laura Dalla Monte. Non riuscivo a trovare giovani che venissero a lavorare in azienda. Molte delle donne che lavorano qui sono vicine alla pensione e non so come aggiungere nuovi dipendenti all’azienda, nessuno dei giovani interessati.

Alcune aziende italiane cercano di attirare nelle loro aziende lavoratori cinesi di talento, mentre altre cercano partnership dirette direttamente con aziende cinesi. “Le aziende cinesi sono guidate da imprenditori di seconda generazione che rispettano le regole”, afferma Rambaldi di FashionArt. “Sono ancora una minoranza, ma ci sono”.

READ  L'Italia valuta la riforma delle tariffe elettriche con l'aumento dei costi energetici

Più in dettaglio, le aziende italiane in Veneto che offrono marchi di lusso vogliono migliorare il loro rapporto con i marchi. L’obiettivo è costruire una fiducia a lungo termine, creare un ambiente vantaggioso per tutti in cui investire con determinazione in dipendenti e macchinari.

In questo momento, con ordini pesanti da eseguire in doppio tempo, rimane un sogno per industrie artigianali come Confession Alice di Laura Dalla Monte. “I miei lavoratori sono stanchi e siamo sotto pressione da settimane”, dice. “Voglio premiarli e dare loro soldi extra per il loro impegno. Ma se le cose non cambiano, non è possibile.

Commenti, domande o feedback? Mandaci una email feedback@voguebusiness.com.

Maggiori informazioni su questo argomento:

Lunga visione di Vogue Business: progettare una startup di moda

Risolvere i maggiori problemi della moda: alta produttività e alti consumi

Non in stock: quando aiuta – e fa male – un marchio