Dicembre 8, 2021

GolfMag

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il nuovo film italiano punta i riflettori sul sovrano “distrutto” dei Medici neri

Nonostante sia stato il primo capo di stato nero nell’Europa occidentale moderna, la storia di Duke è relativamente sconosciuta. De Cindo spera che il nuovo film faccia emergere vagamente la sua presenza.

Pertanto, la produzione è stata parte di una più ampia spinta a riconoscere gli italiani storicamente neri, aiutando così le persone che vivono oggi in Italia ad accettare la loro lotta.

Alessandro de’ Medici, soprannominato ‘Il Moro’ per il suo colore della pelle scura, divenne il primo Duca di Firenze nel 1530. Sua madre era una donna africana schiava presso la casa dei Medici e suo padre era Lorenzo de Piero de Medici o Giulio d’Medici, che in seguito divenne Papa Clemente VII.

I Medici sono una famiglia di banchieri e una dinastia politica molto potente. Ma anche così, Alessandro D’Medici non viene allevato facilmente come figlio di uno schiavo nero considerando la sua “bassa nascita”.

Nel 1530 Carlo V e papa Clemente VII stipularono un trattato e incoronarono a Firenze il duca di Alessandro de’ Medici. Sei anni dopo, il suo regno fu rapidamente rovesciato dall’assassinio del cugino Lorenzino di Medici.

De Cindo, in primo piano Netflix serie TV Bridgeton Come giovane madre del duca di Hastings, ora fa della vita di Alessandro de Medici il fulcro di Morrow nel suo dramma in costume.

“In Italia c’è la tendenza a dire ad alta voce che non puoi essere italiano se sei nero. Quindi, quando ho scoperto la storia di Alessandro de Medici, ho dovuto raccontarla”, le dice De Cinto. Riunione dell’appello finanziario Per finanziare il film.

In quanto tale, il cortometraggio è più di un semplice commento al passato. Alessandro de Medici, come molti importanti italiani di colore, è largamente escluso dai libri di storia.

READ  L'Argentina domina l'Italia buggy a Treviso

“Nonostante l’importanza della posizione che ricopriva, la storia di Alessandro sembra essere stata messa in un angolo e il suo aspetto sembra ancora discutibile”, ha detto de Cinto. Il sociologo Moro Valerie commenta che capitoli come The Duke of Black Duke fanno parte di una “storia ancora da scrivere”.

In una conferenza alla NYU Florence, Valerie parla degli straordinari italiani neri dimenticati dopo che il fascismo degli anni ’30 ha ridefinito gli italiani come ariani e cattolici. Da allora, sostiene Valerie, l’identità italiana è indissolubilmente legata al bianco.

Questo sterminio degli italiani neri del passato ha un profondo impatto sulle esperienze delle persone che vivono oggi nel Paese. Cresciuto in una piccola città del nord Italia, de Cinto è nato da una madre delle Seychelles e un padre italiano bianco, che è stato spesso interrogato come un “italiano nero”.

Le leggi sulla cittadinanza italiana intensificano la lotta poiché la cittadinanza viene concessa a persone di origine italiana piuttosto che nate sul suolo italiano. Pertanto, più di un milione di persone nate o cresciute in Italia non hanno la cittadinanza italiana.

Questo modo di concedere la cittadinanza rafforza l’idea che “gli italiani sono bianchi” nella coscienza pubblica. “Le persone che hanno la ‘fortuna’ di ottenere la cittadinanza per nascita, ma con caratteristiche non bianche, vengono trattate quotidianamente come immigrate nel proprio paese”, afferma de Cinto.

De Cinto, interpretato dall’attore Alberto Boubacar Malancino, un italiano di colore, Duke. Il suo gruppo comprende molte donne nere e afro-italiane.

Secondo de Cinto, aiuta a sfidare i problemi attuali che questa popolazione deve affrontare nella società italiana. “Normale: questo è importante”, dice. “Normalizzare che i bambini con un background di immigrazione hanno talento […] Normalizza che la gioventù nera può avere una vita migliore; […] Normalizzazione della rappresentazione; Normalizza che il nero non è una sostanza criminale, pericolosa e malvagia.

READ  Forti nevicate danneggiano i veicoli in Italia, testimoni oculari condividono video horror

La tomba di Alessandro de Medici si trova nei Sacristi nuovi nella Basilica di San Lorenzo, Firenze, senza iscrizione né nome. De Cinto dice che spera di invertire questa devastazione con il cortometraggio (che potrebbe essere trasformato in un film o in una serie). “Vogliamo ricordare questa discendenza afro che ha fatto parte della storia. Un duca, non uno schiavo”.