Dicembre 8, 2021

GolfMag

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

KKR adotta un approccio da 12 miliardi di dollari per rilevare Telecom Italia

Di Elvira Polina, Valentina Ja e Pamela Barbaglia

MILANO (Reuters) – Telecom Italia (DIM) ha acquisito un approccio da 10,8 miliardi di euro (12 miliardi di dollari) da KKR, finanziata dagli Stati Uniti, che mira ad acquisire privatamente il più grande gruppo telefonico italiano.

L’azione di KKR arriva mentre l’amministratore delegato di TIM Luigi Gubitosi lotta per sopravvivere alla tempesta di fuoco del principale investitore Vivandi a seguito di due profit warning in tre mesi.

KKR ha fissato un obiettivo di prezzo di 0,505 euro per la sua potenziale offerta di acquisto, un premio del 45,7% sul normale prezzo di chiusura delle azioni di venerdì. KKR offrirà lo stesso prezzo per lo stock di risparmio di TIM.

Il cda di TIM, guidato dall’ex dirigente di banca Salvador Rossi, si è riunito per diverse ore domenica pomeriggio, ma in un breve comunicato non ha fornito alcuna indicazione sul sostegno all’approccio. Ha descritto l’azione di KKR come “amichevole” e mirava a ottenere il sostegno dell’azienda e del governo.

Il Tesoro italiano ha affermato che l’interesse straniero per le società italiane è “una buona notizia per il Paese” e che il mercato valuterà quanto sia accurato il piano di KKR.

Il governo seguirà da vicino gli sviluppi concentrandosi sui piani di immobilizzazione di TIM, che saranno cruciali per determinare se eserciterà i propri poteri di veto.

Roma ha poteri anti-acquisizione specializzati per tutelare le aziende di importanza strategica dalle aste estere.

Un nuovo proprietario dovrà accettare un debito complessivo di 29 miliardi di di TIM.

Scolpire

Gubitosi ha firmato KKR in un accordo da 1, 1,8 miliardi l’anno scorso, dando al fondo con sede a New York una partecipazione del 37,5% in FiberCop, che collega la rete dell’ultimo miglio di TIM con le case delle persone.

READ  Il Made in Italy deve aggiornarsi?

Il piano di KKR è vedere TIM costruire una rete stabile di asset regolamentati dal governo sul modello di quelli utilizzati dalla società di rete energetica Terna o dalla società di rete del gas SNAM, hanno detto due fonti vicine alla questione domenica scorsa.

Il governo vuole che qualsiasi piano per la fase di TIM sia finalizzato a garantire investimenti e posti di lavoro adeguati per completare l’emissione della banda larga in tutta Italia il più rapidamente possibile, ha affermato il Tesoro in una nota.

Kupitosi sta iniziando a cercare modi per estrarre denaro dalle risorse di TIM, soprattutto quando riconsidera il suo piano di unire la fase di linea fissa di TIM – la sua risorsa più preziosa – con il rivale della fibra ottica OpenFiber.

Sotto gli auspici del precedente governo, il progetto non ha funzionato sotto il presidente del Consiglio Mario Draghi.

Roma si prepara a utilizzare miliardi di euro in fondi di recupero dell’UE per aumentare la connettività a banda larga in Italia, riconoscendo la necessità di sollevare l’ex monopolio delle telecomunicazioni e trovare un modo per proteggere i suoi 42.500 lavoratori domestici.

Prezzo “Molto Basso”

A Vivendi, che sta cercando di cambiare Kupitosi, è stato detto da qualcuno vicino al gruppo mediatico francese che l’offerta di KKR non ha valutato abbastanza TIM.

Un portavoce ha detto che Vivendi era pronta a lavorare con funzionari e aziende italiane per il successo a lungo termine di DIM, affrontando forti perdite di capitale sulla sua partecipazione del 24% in DIM dopo aver pagato una media di 1.1.071 per azione.

READ  L'italiano Sony Colebrelli vince la Parigi-Rupex

Chi è vicino alla questione ha affermato che Vivendi vede in Kupitosi una soluzione a breve termine al DIM. Domenica il piano di KKR era di acquistare Gubitosi per qualche altro mese, ha detto qualcuno.

Le società di private equity CVC e Advent hanno esplorato potenziali piani per TIM, lavorando con l’ex CEO di TIM Marco Patuano e attualmente ricoprendo il ruolo di consulente senior di Nomura in Italia.

Un portavoce dei due fondi ha negato qualsiasi coinvolgimento con Vivendi e si è detto pronto a lavorare con tutte le parti interessate su una soluzione per rafforzare TIM.

Per presidiare un asset strategico come una tassa fissa, l’investitore statale ha preso una quota del 9,8% in CDP, diventando il secondo investitore in TIM dopo Vivandi.

Il debito di rete fissa di DIM è un asset chiave da supportare, che venerdì è stato declassato al di sotto del livello di qualità dell’investimento dall’agenzia di rating del credito S&P.

Il fatturato di TIM si è ridotto di un quinto negli ultimi cinque anni a causa dell’aggressiva concorrenza interna di competitor come Iliad, Vodafone, Wind Tre e Fastweb.

(1$ = 0,8859 euro)

(Relazione aggiuntiva di Agnieszka Flock a Milano e Giuseppe Fonde a Roma; montaggio di Andrew Heavens, David Evans e Keith Weir)