Ottobre 22, 2021

GolfMag

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’Italia ha perso il governo italiano che l’inchiesta dovrebbe essere estesa oltre l’eruzione iniziale

I parenti delle vittime del virus corona in Italia stanno spingendo per un’inchiesta pubblica completa sulla gestione dell’epidemia da parte del governo, poiché il Centro europeo per la prevenzione e il controllo (ECDC) ha mostrato i primi casi di Covid-19 registrati in 16 paesi europei dopo l’Italia.

L’Europa ha il secondo maggior numero di morti ambite (131.335) (137.763) dopo l’Italia e il Regno Unito, il primo paese occidentale ad annunciare un’eruzione.

Il primo focolaio locale della malattia è stato rilevato il 21 febbraio 2020 nella città di Kodogno, in Lombardia, a sud di Milano. Tuttavia, una commissione parlamentare istituita per indagare sulla gestione del governo del virus corona si concentrerà solo fino al 30 gennaio 2020. Un giorno prima della dichiarazione di emergenza nazionale.

L’indagine esaminerà i focolai iniziali in paesi come la Cina e l’esatta natura delle misure adottate da quegli stati e dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) in tutto il mondo per prevenire le epidemie.

Originariamente era destinato a esaminare la risposta del governo all’epidemia in modo più dettagliato, soprattutto perché ha lottato per controllare il numero in rapida crescita di infezioni e decessi nelle prime fasi. Ma la data limite è stata imposta dopo gli emendamenti dei politici del Partito Democratico di centrosinistra, del Movimento Cinque Stelle (M5S) e della Lega di estrema destra, che ha sostenuto la commissione a luglio.

Migliaia di parenti in lutto hanno firmato nei giorni scorsi una petizione per ampliare le indagini prima che venga emesso il timbro di gomma la prossima settimana.

“Dobbiamo sbarazzarci di questi emendamenti calunniosi, che colpiranno solo le famiglie delle vittime che vogliono sapere cosa è successo”, ha detto Consuelo Locatti, un avvocato che rappresenta più di 500 famiglie che hanno intentato un’azione legale contro il governo. Ha affermato che un’indagine approfondita sarebbe utile in termini di apprendimento dagli errori e di una migliore preparazione del paese per future epidemie.

READ  Il ladro sospettato di aver vinto il Gratta e vinci è stato fermato all'aeroporto di Roma dall'Italia

Locatti ha indicato i documenti dell’ECDC visti dal Guardian, che mostrano che 16 paesi in Europa hanno registrato la prima infezione Govt-19 tra le persone di ritorno dall’Italia. I contagi sono stati registrati tra il 22 febbraio 2020 e il 7 marzo 2020, pochi giorni prima che l’Italia entrasse in piena serrata nazionale.

Un altro documento, datato 24 febbraio 2020 e contenente i verbali della riunione del Comitato europeo per la protezione della salute, recita: “No exit screening [is] Attualmente prodotto in Italia. “

Locatti ha dichiarato: “La gente è partita senza controllare i nostri confini, il che ha contribuito alla diffusione del virus in altre parti d’Europa – un fatto grave che emergerebbe se venisse condotta un’indagine approfondita”.

Gli unici due partiti che hanno votato contro gli emendamenti all’inchiesta sono stati il ​​Partito Democratico, il M5S e la Lega, e il partito italiano Viva, un piccolo alleato nella coalizione di governo, che include i fratelli di destra dell’opposizione italiana.

Secondo il verbale tratto dal dibattito prima che la commissione votasse gli emendamenti l’8 luglio, Lisa Noja, vicepresidente di Italia Viva, ha affermato che “bisogna fare uno studio approfondito per capire cosa è successo nelle prime fasi dell’epidemia. ” Per non ripetere gli stessi errori. “

Tra i parlamentari dissenzienti c’erano Brescia e Bergamo, città lombarda, duramente colpita dall’inizio dell’epidemia, e Piero Fascino dei Democratici. “Estendere l’oggetto dell’inchiesta pubblica sulla gestione dell’epidemia da parte delle autorità italiane [would have fed] La polemica sullo strumento è già emersa nei mesi scorsi», ha detto Fasino.

La commissione presenterà i suoi risultati in occasione delle elezioni politiche del 2023 e del referendum regionale in Lombardia, attualmente guidato dalla Lega.

“Se questo tipo di indagine scopre che c’erano delle responsabilità, è chiaro che ci sarà un compromesso nei risultati delle elezioni”, ha detto Lokatti. “Stanno cercando di assumersi la responsabilità man mano che vengono fuori ulteriori informazioni, ma non possono più giocare a questo gioco”.

Paulo Kaziragi, che vive vicino a Bergamo e ha perso tre parenti a causa del Govt-19 nel marzo 2020, era una delle persone che chiedevano un risarcimento al governo per le azioni civili a Roma e ha firmato la petizione, sollecitando un’indagine completa.

“Abbiamo bisogno di un’indagine più completa perché abbiamo bisogno di giustizia per le vittime innocenti dell’impreparazione del nostro Paese”, ha detto. “Ci hanno detto che era tutto sotto controllo, invece i documenti mostrano che non è così.