Ottobre 22, 2021

GolfMag

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Omicidio Regini: l’Italia avvia inchiesta su sospetti egiziani News

Quattro alti funzionari delle forze di sicurezza egiziane dovrebbero comparire a Roma giovedì dopo anni di indagini sull’assassinio di Giulio Regini.

Lo studente laureato di 28 anni è scomparso il 25 gennaio 2016 al Cairo. Nove giorni dopo, il suo corpo mostrava segni di tortura sul ciglio dell’autostrada nella capitale egiziana.

Avvocati italiani presenteranno il loro caso contro tre membri dell’Agenzia per la sicurezza nazionale (NSA) egiziana e un ufficiale dei servizi di polizia del Cairo nel bunker del carcere di Repibia.

Il generale Tariq Sabeer, il colonnello Usham Helmi e il colonnello Athar Kamal Mohammad Ibrahim sono accusati di rapimento, mentre il maggiore Makti Ibrahim Abdel Sharif è stato accusato di “causare lesioni personali gravi” e “omicidio efferato”.

Nessuno verrà all’udienza.

Perché non ci sono sospetti?

La loro assenza sarà al centro del giudizio dell’Alta Corte sul fatto che la loro assenza sia considerata volontaria.

Un’indagine può procedere senza la presenza dell’indagato se vengono dimostrate prove sufficienti che le autorità italiane hanno fatto tutto il possibile per denunciare le accuse. Gli avvocati italiani hanno più volte chiesto la residenza legale dei quattro, ma le autorità egiziane non hanno ascoltato la richiesta.

Una fonte vicina al caso ha detto ad Al Jazeera che “questa fase è molto importante perché la mancata cooperazione dell’Egitto dimostra che è stato in grado di bloccare con successo le indagini”.

Nel frattempo, i media italiani hanno riferito mercoledì che l’ufficio del presidente del consiglio sarebbe diventato parte civile per il processo e che quattro primi ministri al potere dalla morte di Regini sarebbero stati chiamati a testimoniare.

READ  Sull'orlo del lutto, la squadra di pallavolo maschile canadese lascia 5 set di thriller per l'Italia

L’avvocato della famiglia di Regini, Alessandra Palerini, avrebbe annunciato la sua intenzione di chiedere la testimonianza del presidente egiziano Abdel Fattah el – CC.

Prove “vaghe”

Regini era una studentessa di dottorato di ricerca sui sindacati indipendenti presso l’Università di Cambridge e ha svolto un ruolo chiave sullo sfondo della rivoluzione del 2011 che ha estromesso il presidente Hosni Mubarak.

Gli avvocati italiani, che affermano di aver seguito Regene 40 giorni prima della sua scomparsa, ritengono che lo studente sia giunto all’attenzione della NSA perché ha offerto a Mohamed Abdullah, presidente dell’Associazione dei venditori ambulanti, di aiutarlo a richiedere una borsa di studio di 10.000 (13.000 dollari). Da una ONG britannica.

I risultati sono venuti alla luce lo scorso dicembre quando gli avvocati italiani Michael Prestibino e Sergio Kolojoko hanno presentato prove “vaghe” in un rapporto molto dettagliato su quanto accaduto prima e dopo la scomparsa di Regene.

Uno dei cinque testimoni chiave citati dai pubblici ministeri era un impiegato della NSA di 15 anni che ha descritto di aver visto uno studente italiano all’interno della stanza numero 13 dell’ufficio dell’agenzia a Lazogli. La vecchia villa è un sito regolarmente portato da stranieri sospettati di complottare contro la sicurezza nazionale del paese.

“Quando sono entrato [room 13,] Ho notato che le catene di ferro venivano usate per legare le persone, era mezzo nudo, la parte superiore del suo corpo era segnata con la tortura … era in delirio “, ha detto il funzionario ai pubblici ministeri italiani.

Dopo che quattro agenti sono stati nominati e accusati, altri 10 si sono rivolti ad avvocati italiani. Di questi, tre testimoni sono stati ritenuti credibili e sono stati ufficialmente inclusi nel caso.

READ  Lake District Shelter è quasi quattro volte il prezzo del Lago di Carta in Italia
Nel marzo 2016, le autorità egiziane hanno affermato che le forze di sicurezza avevano ucciso cinque membri di una banda criminale in possesso di un ricercatore. [File: Egyptian Interior Ministry/AP]

“Non hanno immunità”

Gli attivisti affermano che l’impunità è diffusa in Egitto, il primo caso in cui membri della Nsa sono stati ritenuti responsabili.

Le forze di sicurezza “si sentono invincibili e non possono essere toccate”, ha detto ad Al Jazeera Hussein Baumi, un ricercatore focalizzato sull’Egitto per Amnesty International. “Questo test invia il messaggio molto importante che non hanno immunità e che dovrebbero essere ritenuti responsabili.

“Ma l’indagine dice che ci sono altri luoghi per la giustizia, soprattutto non operanti all’interno dell’Egitto”.

I gruppi per i diritti hanno a lungo accusato il governo L-CC di torturare i prigionieri politici e di attuare una diffusa repressione del dissenso. Il Cairo ha negato tali accuse.

In un rapporto pubblicato nel 2020, la Commissione egiziana per i diritti e le libertà ha documentato 2.723 casi di “sparizioni forzate” dal 2013.

Qual è il prossimo?

Gli avvocati italiani si sono più volte lamentati dei loro omologhi egiziani, accusandoli di non collaborare e di barare.

Nessuno è stato accusato in Egitto e gli esperti legali affermano che è improbabile che gli autori escano di prigione perché il Cairo e Roma non hanno condiviso il trattato di estradizione.

Nel marzo 2016, le autorità egiziane hanno affermato che cinque membri di una banda criminale sono stati uccisi in una sparatoria, affermando di avere alcuni beni dell’investigatore. Ma i funzionari italiani hanno respinto la mossa come un insabbiamento.

Due anni dopo, i pubblici ministeri italiani affermano che l’Egitto ha smesso di collaborare dopo che è stato annunciato che cinque membri dell’apparato di sicurezza egiziano erano indagati. L’Italia alla fine ha accusato quattro agenti.

READ  La variante delta Covit-19 è prevalente in Italia, ha affermato l'agenzia sanitaria

A dicembre, l’avvocato egiziano Hamada al-Savi Annunciato Chiudendo temporaneamente le loro indagini che il Cairo non perseguirà un procedimento penale “perché il colpevole è sconosciuto”.