Dicembre 8, 2021

GolfMag

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Turisti britannici tenuti in ostaggio in Italia, rilasciati dalla polizia dopo aver inviato richiesta di aiuto dal codice famiglia

Un uomo britannico tenuto in ostaggio da una banda in Italia per otto giorni è stato rilasciato dopo che la polizia ha fatto irruzione nella sua proprietà.

Il nome del 25enne londinese, che non è stato rilasciato, è stato trovato mercoledì sera in un condominio nella provincia centrale di Maserata, hanno detto gli investigatori.

È stato ammanettato e scalzo in una stanza al suo indirizzo a Monte San Quisto, a circa 106 miglia a sud-est di San Marino.

L’uomo sarebbe stato rapito da una banda di quattro persone e ha chiesto 7.000 (£ 5.918) per essere rilasciato.

Hanno permesso alla vittima di chiamare i suoi genitori per ottenere i soldi, a quel punto ha segnalato che era tenuto prigioniero usando un messaggio in codice, ha detto la polizia.

Il padre dell’uomo ha contattato il National Crime Bureau (NCA) del Regno Unito, che ha lanciato l’allarme con le autorità italiane.

Tre uomini e una donna sono stati arrestati in seguito alla notizia del rapimento del tenente colonnello Massimiliano Mencasini della Divisione Maserata dell’Unità Speciale dei Carabinieri Rosa.

“Era tenuto in una stanza buia di un appartamento, ammanettato e scalzo”, ha detto Mencasini.

“Stiamo ancora lavorando per far luce su questo caso”, ha aggiunto.

La polizia ha detto che la vittima era in buone condizioni fisiche nonostante gli fossero stati dati pezzi di cibo per più di una settimana, ma è stata “testata psicologicamente” dall’incidente.

Sean Kelly, direttore operativo dell’Unità Abduction and Extortion (AKEU) dell’NCA, ha dichiarato: “Abbiamo lavorato a stretto contatto con le autorità italiane da quando è stato segnalato il rapimento di un uomo britannico.

READ  Prima l'Inghilterra, ora l'Italia. I problemi normativi della contabilità sono solo all'inizio

“I funzionari dell’NCA in Italia e gli esperti dell’AKEU, in collaborazione con la polizia del Regno Unito, hanno fornito uno stretto supporto alla polizia dei Carabinieri nell’ambito delle sue indagini in corso. Siamo lieti che questo incidente sia stato risolto con successo.

La vittima ha raccontato alla polizia di aver viaggiato per l’Italia da giugno e di aver viaggiato in diverse città, tra cui Nazareth, Sorrento, Firenze e Bologna.