Ottobre 26, 2021

GolfMag

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

UNESCO: l’Italia impone ‘buone notizie’ sulle navi a Venezia

Roma: Il Nazioni Unite Istituzione Culturale, che stava valutando di dichiarare Venezia un debole Patrimonio mondiale Il sito ha elogiato mercoledì l’imposizione dell’Italia sulle grandi navi da crociera nel centro di Laguna.
UNESCO La decisione di martedì del governo italiano di negare l’accesso ai giganteschi transatlantici fino al 1° agosto è “un’ottima notizia e un passo importante che contribuirà in modo significativo alla conservazione di questo sito unico del patrimonio”, ha twittato il direttore generale Audrey Assoule.
A partire dal prossimo mese, le navi oltre una certa dimensione o peso o oltre un certo livello di inquinamento non potranno più operare Canale Guideca, Una grande arteria marina a Venezia, o un corso d’acqua nei pressi di Piazza San Marco, centro storico di una città ecologicamente fragile.
Fino a quando non verrà selezionato e sviluppato un sito di attracco permanente per le grandi navi da crociera, le navi da crociera potranno spostarsi verso l’alto a Marquez, un sobborgo industriale di Venezia.
L’UNESCO, con sede a Parigi, il mese scorso ha raccomandato di aggiungere Venezia alla Lista del patrimonio mondiale dei siti pericolosi. La proposta doveva essere presa in considerazione durante un incontro dell’UNESCO a Fuzhou, in Cina, alla fine di questo mese.
Da anni i manifestanti protestano a Venezia con cartelli che dichiarano “no grandi navi”, a volte viaggiando vicino a navi da crociera in piccole imbarcazioni, che sembrano giganti che tagliano la città mentre le persone si dirigono verso la costa.
Forse sorprendentemente, uno di coloro che hanno elogiato l’azione del governo italiano è stata l’associazione di categoria del settore marittimo.
“Come industria, siamo molto positivi e accogliamo con favore la decisione del governo”, ha affermato Francesco Calietti, direttore per l’Italia dell’International Association of Cruise Lines.
Kaliti ha affermato che il gruppo commerciale ha discusso per circa 10 anni per un’alternativa al Canale di Quito ed è stato quindi lieto che il governo abbia promesso di trovare un’area di attracco alternativa permanente per le navi più grandi.
“Non abbiamo mai voluto restare con Guideca”, ha detto, respingendo le affermazioni degli attivisti dell’opposizione di Cruise Line.
“Questa (pubblicità) è di gran lunga maggiore del danno negativo che può causare all’industria” I singoli viaggiatori provano l’emozione di viaggiare lungo il canale, ha detto Kalidi.
Per eventuali problemi logistici, potrebbe esserci un divieto di viaggio immediato, che non è immediatamente chiaro.
Calietti ha affermato che molte aziende non hanno incluso Venezia nei loro viaggi nella lotta del turismo per riguadagnare vapore dopo un viaggio vietato dall’infezione da virus corona.
Il governo italiano, in un ordine del gabinetto approvato martedì, ha stanziato fondi per compensare le persone colpite dal blocco degli affari pesanti sul turismo, oltre a utilizzare i soldi per tagliare temporaneamente Margera fino a quando non verrà trovata una soluzione permanente.
Ha dichiarato il Canale Guido a Venezia e le vie d’acqua nei pressi di San Marco “monumento nazionale” in protezione di emergenza.
Il Fondo Ambiente Italiano, O FAI, è uno dei gruppi di lunga data per il divieto. Ha ricevuto l’azione del governo con sentimenti contrastanti.
“Siamo lieti di essere a Venezia”, ​​ha dichiarato al quotidiano italiano Courier della Cera Andrea Carandini, presidente della FAI e famoso archeologo ed educatore italiano. “Ma non siamo contenti della piscina nel suo contesto generale”.
Per movimentare navi così grandi, ha detto, “sarebbe necessario scavare canali, il che significa che più acqua entrerebbe nel lago, trasformando così un sistema del tutto complesso in Margherita e Venezia”.

READ  'Parte d'Italia che vola intorno al mondo': l'ascesa e la caduta di Alitalia