Dicembre 3, 2022

GolfMag

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Bandiere WindEurope che consentono di nuovo emissioni dopo la gara in Italia

2 febbraio (Renewables Now) – L’ente dell’industria eolica WindEurope martedì ha espresso ancora una volta la preoccupazione che l’Italia non sarebbe in grado di rispettare i suoi impegni europei in materia di energia e clima perché i problemi di autorizzazione continuano a influenzare l’esito delle aste locali di energia rinnovabile.

“L’Italia è il primo esempio in Europa di come un cattivo permesso porti a un basso accumulo di energie rinnovabili. Né l’obiettivo dell’UE sulle rinnovabili per il 2030 né gli obiettivi nazionali dell’Italia per l’energia eolica contano se non ci sono abbastanza progetti autorizzati che possono partecipare alle aste “, ha affermato Giles Dickson, CEO di WindEurope.

La dichiarazione è arrivata pochi giorni dopo che il Gestore dei Servizi Energetici GSE SpA italiano ha assegnato solo 975 MW di rinnovabili nella sua settima asta per progetti su scala industriale, di cui 392 MW di eolico onshore. La capacità totale assegnata corrisponde a poco meno del 30% dei 3.313 MW messi a disposizione.

WindEurope indica la situazione dei permessi come la ragione principale della continua corsa delle aste sottoscritte in Italia. Secondo Dickson, non c’è nessun altro paese in Europa che abbia più problemi a consentire nuovi parchi eolici.

L’associazione osserva che attualmente sono necessari in media cinque anni per un progetto eolico onshore in Italia per ottenere un’autorizzazione a causa di colli di bottiglia strutturali. D’altra parte, la direttiva dell’UE sulle energie rinnovabili richiede agli Stati membri di concedere tali approvazioni entro due anni per i progetti greenfield e fino a un anno per gli schemi di ripotenziamento.

WindEurope elenca alcuni passi che l’Italia e qualsiasi altro Paese devono intraprendere nell’ambito della riforma strutturale delle loro procedure di autorizzazione, tra cui l’aggiunta di più personale nelle autorità di autorizzazione, il chiarimento delle responsabilità tra le diverse autorità, l’introduzione di procedure di autorizzazione più digitali e il miglioramento della pianificazione territoriale nel suo insieme . L’associazione suggerisce inoltre che gli sviluppatori dovrebbero avere maggiore flessibilità quando menzionano la selezione delle turbine nella documentazione per evitare di ritrovarsi con una tecnologia obsoleta quando ottengono il permesso.

READ  40 La migliore calze da sci del 2022 - Non acquistare una calze da sci finché non leggi QUESTO!

L’Italia si è impegnata ad avere 19,3 GW di energia eolica entro la fine del decennio, il che significa che dovrà aggiungere 1 GW all’anno entro il 2030, senza nemmeno tener conto del nuovo obiettivo del 40% di energie rinnovabili fissato dall’UE per quell’anno.

“Al ritmo attuale, l’Italia non sta costruendo abbastanza nuovi parchi eolici per soddisfare gli impegni europei in materia di energia e clima. Dopo un’altra asta sottoscritta, l’arretrato di capacità di energia eolica non aggiudicata continua ad accumularsi “, ha affermato Dickson.