Ottobre 6, 2022

GolfMag

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Brunello Cuccinelli tiene polli e molti libri nella sua villa italiana del 17° secolo

Costumista Brunello Cucinelli Cresciuto in un antico casale in pietra fuori dalla città di Castell Rிகgon in Umbria, Italia. Non aveva elettricità né acqua corrente ed era condivisa con 13 persone I membri della famiglia allargata Cucinelli, possono sentirsi un po’ affollati. Tuttavia, “questa è una bella casa per me”, dice Cusinelli, 68 anni, che ha bei ricordi di aver giocato con i suoi fratelli e parenti nel camino della grotta della cucina e di essere scivolato nella stalla dal basso per rubare il latte direttamente davanti alla scuola. Di

In un certo senso, la vita di Cucinelli è ora, come CEO e direttore creativo del suo omonimo marchio di moda, a miglia di distanza da quella fattoria. Tuttavia, dice che gli anni in cui ha vissuto lì gli hanno instillato valori come l’amore e l’interesse per la famiglia e l’apprezzamento per il duro lavoro. Non è andato molto lontano neanche geograficamente. Solomio si trova a circa 14 miglia a sud di Castell Rigon, casa di Cusinelli dal 1982 e sede della sua attività dal 1985. Si è trasferito in città per la prima volta da adolescente con l’intenzione di attirare sua moglie, Federica Penta, che lì è nata e cresciuta. (Si sono incontrati per la prima volta come passeggeri sullo stesso scuolabus.) “Vado in giro a vederla”, dice con un sorriso. Cucinelli fonda il suo marchio, che inizia a produrre maglioni da donna in cashmere e lana tinti, e la coppia si fidanza, dopo il matrimonio, e dopo aver vissuto nel vicino paese di Ferro de Cavallo, si unisce a Penta a Solomio.

Da allora, il marchio, che è diventato pubblico nel 2012, si è espanso nella maggior parte dei continenti e nelle aree di vendita al dettaglio, inclusi abbigliamento per bambini e arredamento per la casa, sebbene sia ancora popolare tra i cappotti sportivi dal linguaggio morbido e dal design intricato e i siliconi individualmente. Riunione di Valle. Dopotutto, è quasi impossibile separare l’etichetta da Solomio. Quasi il 10 per cento nel villaggio I residenti lavorano per il marchio con una certa abilità, che ricorda le antiche corporazioni artigianali europee. Cucinelli ha lasciato il segno anche nell’architettura della città. Una volta lì, ristrutturò il castello in pietra di Solomio del XIV secolo, che per qualche tempo ospitò gli uffici principali del marchio. Nel 2008 apre a Solomio un teatro pubblico commissionato da Cusinelli e progettato in stile teatrale rinascimentale – un concerto dei primi lavori di Händel previsto per marzo – e successivamente realizza un parco industriale per il marchio nella valle sottostante la città. Un uliveto, completo di frutteti e vigneti.

READ  Tui cancella i voli per Spagna, Malta e Italia

A poche vie dal centro cittadino, ai margini di una collina, la casa di Cucinelli e Penta, una villa seicentesca a tre piani, con facciata color crema e tetto in tegole di terracotta, fu originariamente costruita per un nobiltà. Famiglia. Anche questo era un piano per Cucinelli. La coppia ha acquistato una proprietà di 250 acri macchiata di cipressi che comprende una piccola chiesa nel 1990, e Cuccinelli ha trascorso quattro anni a ristrutturarla in stile umbro, restaurando accuratamente pavimenti, tetti e tetti in pietra. Ampie finestre curve. Per decorare le stanze, ha scelto per la biblioteca scaffali per libri del XVI secolo scolpiti con colonne greche, robuste sedie da tavolo e da pranzo del XV secolo e oggetti antichi in legno come comodi e stravaganti divani con ripiani neutri. Le creme che sono arrivate a definire il look di Brunello Cucinelli erano bianche e marroni. Commentando pensatori come Vitruvio e Andrea Palladio, Cusinelli ha detto: “Ho cercato di tenere presenti le parole dei grandi maestri che ci hanno insegnato ad ascoltare il genio logi o l’anima o lo spirito di un luogo.

Sebbene Cuccinelli sia cresciuto e non leggesse molto, in età adulta divenne un tumultuoso autobiografo e più di 3.000 titoli erano allineati sui pesanti scaffali di legno della sua biblioteca. La stanza ha un caminetto e a Cucinelli piace rannicchiarsi con un libro ogni sera prima di andare a letto, prendendo appunti mentre va. Inoltre rende omaggio ai suoi eroi storici con il busto in marmo bianco di Carrara che è esposto in tutta la casa e nel parco. Ad esempio, la biblioteca conserva i ritratti di Marco Aurelio, Alessandro Magno e Saffo, mentre sulla terrazza sono attaccati uomini del Rinascimento come Galileo e Leon Batista Alberti. Cucinelli ha anche diretto busti di uomini moderni, tra cui Nelson Mandela e Barack Obama. Ogni pezzo è scolpito a mano dall’artigiano Stefano Giannoni a Pitrasanda, in Toscana, che lavora il marmo delle stesse cave che un tempo fornì a Michelangelo. Gli uomini collaborano da 23 anni e attualmente Giannoni ha abbastanza commissioni da Cucinelli per tenersi occupato fino al 2026.

READ  40 La migliore reborn bambole del 2022 - Non acquistare una reborn bambole finché non leggi QUESTO!

Questo tipo di relazione a lungo termine non sorprende chi conosce Cucinelli personalmente. Gran parte della sua vita è guidata dalla coerenza, al di sotto della sua routine quotidiana. “Ci sono centinaia di rituali nella nostra famiglia”, dice. Ad esempio, ogni domenica si sveglia alle 6:30 e va alla pasticceria locale, dove compra una partita di brioche appena sfornata per ogni famiglia della sua famiglia: le sue figlie, Carolina e Camila, e le loro famiglie, come quella di Cucinelli padre Umberto, che il prossimo mese compirà 100 anni, abita a pochi passi. Cucinelli lascia una borsa in ciascuna delle maniglie delle porte e poi torna a casa. Altre abitudini possono essere fatte risalire alla sua infanzia: lui e Federica coltivavano le proprie verdure nell’orto della villa, allevando conigli e galline. Dato che Cucinelli era un ragazzo, i loro nipoti aiutano a raccogliere le uova. Inoltre a Cucinelli piace passare le serate senza luci elettriche. “Di notte vivo a lume di candela”, dice. “Sono seduto in silenzio davanti al camino e bevo pensieri meravigliosi.”