Maggio 23, 2022

GolfMag

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Campionato maschile NCAA: la Carolina del Nord elimina la testa di serie Baylor ai tempi supplementari

Campionato maschile NCAA: la Carolina del Nord elimina la testa di serie Baylor ai tempi supplementari

La squadra di basket maschile dell’Università della Carolina del Nord ha trascorso parte di dicembre a essere schiacciata dal Kentucky. Gennaio ha portato umiliazioni a Miami e Wake Forest. Febbraio includeva essere imbarazzato nella sua corte di casa dal duca e da Pittsburgh e chiedere tempi supplementari per superare la straziante Syracuse.

Poi è arrivato marzo. Tar Heels è andato da Duke e ha viziato L’ultima partita di Mike Krzyzewski al Cameron Indoor Stadium Il 5 marzo, quindi, ai supplementari di sabato a Fort Worth, hanno battuto Baylor, il numero uno del distretto orientale e campione nazionale in carica, per passare agli ottavi di finale del NCAA Tour.

Ogni vittoria firmata è dalla barra che può compensare qualsiasi brutta stagione. Ma lunedì? Come potrebbe dire Roy Williams, che si è ritirato dall’allenatore della Carolina del Nord l’anno scorso ma sabato era sugli spalti: “Guazza.”

L’ottava testa di serie Tar Heels, che ha segnato un vantaggio di 25 punti con meno di 11 minuti di gioco prima di recuperare, incontra l’UCLA venerdì a Philadelphia.

Loro, e qualsiasi altra squadra rimasta nel campionato maschile quest’anno, potrebbero avere difficoltà a comporre un’azione di maggiore suspense rispetto alla caduta del Baylor 93-86, la testa di serie numero uno da perdere quest’anno.

Sì, Baylor ha vinto con la punta e, grazie all’affondamento di Kendall Brown in un contropiede, ha segnato un vantaggio di 4-0 ogni 68 secondi. Poi l’UNC ha preso il controllo e non ha nemmeno permesso al gioco di pareggiare fino a quando non rimanevano 15,8 secondi, e Baylor è stato improbabilmente spazzato via da una prestazione di Tar Heels che sembrava più probabile che finisse nei libri dei record rispetto ai tempi supplementari.

Freshman Dontrez Styles ha sbloccato gli straordinari con un 3 pointer e UNC – questa volta – è riuscito a resistere.

“Era proprio quello che ci voleva”, ha detto Armando Bacot, una delle star della Carolina del Nord. “E’ stato decisamente estenuante”.

Nel primo tempo, e poi guidando 13 talloni, Baylor ha lottato duramente dietro l’arco e le sue palle perse hanno potenziato l’ascesa di Carolina e guadagnato 15 dei 42 punti dei Tar Heels prima dell’intervallo.

Così ha fatto RJ Davis, al secondo anno di White Plains, NY, che ha segnato 30 punti per guidare l’UNC entro la fine della giornata.

Il caos della partita di sabato è stato, per molti versi, un segno appropriato della campagna di debutto della Carolina del Nord sotto Hubert Davis, succeduto alla Williams.

I Tar Heels hanno iniziato a salire dopo aver perso 9 punti contro Pittsburgh il 16 febbraio e da allora hanno perso solo una volta, contro Virginia Tech nell’Atlantic Coast Conference Championship. Krzyzewski li ha ammirati questo mese, una volta che la sua squadra, allora al quarto posto nel paese, era giocata da giocatori come Bacot, un giovane di 6 piedi e 10 che colleziona rimbalzi con entusiasmo da un agente dell’Internal Revenue Service, e Brady Mannick, che si è trasferito da Oklahoma ed è entrato nella partita del sabato, guidando la Carolina del Nord con tre lanci.

“Sapevamo che il potenziale di questa squadra sarebbe arrivato in questa stagione e volevamo solo cambiarlo”, ha detto RJ Davis venerdì. “Sapevamo dopo aver perso contro Pete, che questo non era il modo in cui volevamo giocare. Quindi da quel momento in poi, penso che abbiamo cambiato idea e abbiamo iniziato a competere. Tutti hanno comprato i loro ruoli ed è un po’ quello che abbiamo comprato .”

Con l’aiuto di un errore fatale, Baylor è stato in grado di acquistare la maestà di essere il seme numero uno. C’è solo così tanto che la squadra può fare, però, in un pomeriggio in cui è indietro di 25 anni.

Almeno Baylor, con sede a Waco, ha evitato insulti sovrapposti durante il lungo viaggio a casa dopo una pesante sconfitta e, grazie alla vittoria su Norfolk State giovedì, è un peccato essere stato il primo campione a lasciare nella storia del campionato.

Ben poco è andato come speravano gli Orsi.

Baylor non è riuscito a gestire un canestro per quasi quattro minuti nel secondo tempo. L’UNC ha preso quella pausa e ha segnato 13 punti, risultando in una build di 24 punti.

Gran parte di questo è venuto da Manek, i cui nove punti nel primo tempo sembravano piccoli alla fine del secondo tempo, quando ne ha presi 17. Quasi sicuramente avrebbe chiuso con oltre 26 punti, ma è stato espulso con poco più di 10 minuti giocare dopo un fallo palese.

Il suo licenziamento si è rivelato essere il catalizzatore del tipo di attacco di Baylor che, meno di due ore prima, sarebbe sembrato un percorso infallibile per loro verso Filadelfia.

Colpo dopo colpo, opportunità dopo opportunità colte, i Bears sembravano la squadra che più ci si aspettava che passasse attraverso la Dickies Arena e prendesse il comando.

“Sapevamo che come squadra non ci saremmo arresi e abbiamo deciso di esercitare molta più pressione ed essere assertivi lì”, ha detto Adam Flagler, una guardia del Baylor. “Quindi, una volta entrati in quelle scintille e trappole, siamo stati in grado di fare delle fermate e ottenere degli sguardi facili, quindi abbiamo iniziato a correre”.

Hubert Davis ha detto che il successo finale di Baylor nel pressing della Carolina del Nord ha avuto due conseguenze: ha costretto Tar Heels ad accelerare e ha portato ai flip-flop.

“Non volevano andare a casa”, ha detto di Baylor.

Alla fine, a meno di 16 secondi dalla fine, i Bears pareggiano a 80, dove il punteggio rimarrà fino ai tempi supplementari.

L’indicatore 3 di Styles per iniziare consente all’UNC di riprendere il controllo. Bakut ha realizzato un tiro libero. Baylor ha effettivamente appeso fino a 78 punti rimasti, con il Tar Heel in aumento di 6 dopo una serie di tiri liberi e passaggi di entrambe le squadre.

READ  Battaglia tra Wisconsin e Michigan: Joan Howard colpisce l'allenatore in mezzo al caos dopo che Badgers ha vinto sui Wolverines

Poi, il tempo è trascorso ulteriormente e il punteggio non è cambiato molto, con Baylor, che ha preso una quota del titolo della stagione regolare della Big 12 Conference, sprecando opportunità che avrebbero potuto portarla vicino a salvare un pomeriggio e una stagione.

“Alla fine della giornata è difficile colpire la palla in quella seconda partita, entrambi non abbiamo panchine profonde e i numeri di solito lo confermano”, ha detto l’allenatore del Baylor Scott Drew. “Ma avevano due ragazzi fuori dal cancello che sparavano davvero bene”.

Drew ha detto che pensava che la sua squadra avesse mostrato “il cuore di un campione” organizzando la rimonta come ha fatto lei.

Ma la Carolina del Nord, una squadra che probabilmente non dimenticherà non molto tempo fa, è diventata il programma in cui si giocherà a marzo.

Metti via tutto il caos della stagione del Michigan. Brutto scontro nel Wisconsin E le conseguenti interruzioni, perdite rapide e una rapida uscita dalla Big Ten Conference, perché i Wolverine vincono improvvisamente quando conta.

Il Michigan, testa di serie numero 11 nel distretto meridionale, è risalito alla fine del rally di Indianapolis sabato battendo il Tennessee, terza testa di serie, 76-68.

Il Tennessee, che ha avuto una serie di vittorie consecutive al momento giusto durante i Campionati della Southeast Conference, non stava controllando il gioco come avrebbe voluto. Il suo vantaggio non ha superato i 6 punti e ha mancato 16 dei 18 tentativi da 3 punti. Il Michigan, la prossima volta che suonò a San Antonio, stava a malapena stabilendo record dietro l’arco, andando 6 su 16, ma quei punti si sono rivelati cruciali. Così hanno fatto i tiri liberi: otto degli ultimi 10 punti del Michigan sono arrivati ​​dalla linea di porta.

Hunter Dickinson ha segnato 27 punti e 11 rimbalzi per guidare i Wolverines. Eli Brooks ha aggiunto altri 23 punti per il Michigan in una partita con dozzine di cambi di vantaggio.

Il Michigan ha mostrato punti deboli, tuttavia, girando la palla 15 volte, più del doppio dei volontari e un aumento di 20 punti rispetto al Tennessee.

Baylor potrebbe aver perso, ma la Big 12 Conference è felice di aver evitato due sconfitte: KS, un forte giocatore di campionato e un’altra testa di serie in campionato, ha respinto Creighton, 79-72.

Ma i Jayhawks, il cui roster comprende sette senior e che sabato sono aumentati di 9 punti, a volte sembravano trasferirsi a Chicago, dove giocheranno dopo. Trey Alexander, una matricola alla Creighton University, ha segnato una lunga tre punti su Remy Martin lasciando la sua squadra a soli 3 punti di distanza. 73-72.

READ  Roman Abramovich, proprietario del Chelsea FC, ha beni congelati dalla Gran Bretagna

Un passaggio errato di Alexander ha dato a Ochai Agbaji, il 12° giocatore dell’anno che finirà sabato con 15 punti e otto rimbalzi, la possibilità di rubare, segnare e ricostruire il vantaggio di KS3.

La difesa just-in-time ha impedito a Creighton, che giocava senza ancoraggio difensivo dopo un infortunio di giovedì, di segnare di nuovo, mentre il Kansas ha usato quattro tiri liberi per portare il suo bottino a 79.

Agli ottavi di finale affronterà il Kansas Providence.

L’allenatore dell’UCLA Mick Cronin è arrivato a Westwood determinato a concentrarsi sulla difesa. E mentre Jaime Jaques Jr., Johnny Guzhang, Jules Bernard e Tiger Campbell possono eccellere, i Bruins danno il meglio di sé quando ringhiano e prendono senza palla.

La difesa dei Bruins ha cementato la loro memorabile corsa tra i primi quattro fino alle Final Four dell’anno scorso, portandoli a due vittorie dalla stessa destinazione sabato con il punteggio di 72-56 del St Mary’s.

St Mary’s ha realizzato sette dei suoi primi 10 tiri sul campo e aveva un vantaggio di 7 punti. Poi, dopo che l’UCLA si è raccolta durante un timeout inferiore alle 12:00 nel primo tempo, il gioco è improvvisamente cambiato, non certo per caso.

I Bruins hanno pressato, Gaels ha mantenuto 3 tiri su 16 per il resto dell’inning ed ha esteso questo sforzo difensivo per il resto della partita. Con l’approfondimento della seconda metà, la pressione costante sembrava erodere su Santa Maria. A volte il Gael sembra essere esausto.

La più grande preoccupazione per l’UCLA è arrivata con 6:58 rimanenti quando Jackies, che in passato si è slogato la caviglia, ha ruotato la caviglia destra mentre lottava per un rimbalzo.

Non ha giocato il resto del gioco e la sua disponibilità diventerà una trama importante con Bruins che si trasferirà per interpretare la Carolina del Nord a Filadelfia venerdì. Questa sarà la quinta apparizione di Sweet 16 all’UCLA negli ultimi nove anni. La partita, che vede protagonisti due scuole che hanno collezionato 17 titoli nazionali, sarà senza dubbio una delle partite più importanti del fine settimana.

Dopo aver giocato per anni all’ombra di Gonzaga nella West Coast Conference, i Gaels (26-8) hanno comunicato che potrebbero essere un avversario difficile per l’UCLA distruggendo completamente l’Indiana nella partita del primo turno giovedì sera. Sostenuto in una gara 34-5 per finire il primo tempo, hanno ottenuto una facile vittoria 82-53.

Ma Indiana, e pochi altri, stanno giocando il tipo di difesa dura che Cronin richiede. L’UCLA (27-7) è ora 22-0 in questa stagione quando tiene i concorrenti sotto i 66 punti.