Settembre 27, 2022

GolfMag

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

È morto il pioniere della moda italiana Nino Cerutti

Postato su: Cambiato:

Roma (AFP) – È morto all’età di 91 anni il principale stilista italiano Nino Cerutti.

Cheruti, che si è vestita per molte star di Hollywood al suo apice, ha introdotto lo stile “casual chic” negli uomini quando ha creato la prima giacca strutturata negli anni ’70.

È morto all’ospedale di Versailles, nel nord-ovest di Pitmond, dove è stato ricoverato per un intervento chirurgico alla pelvi, ha riportato il quotidiano italiano Corriere della Sera sul suo sito web.

Cheruti è stata una delle figure di spicco dello stile di abbigliamento maschile del 20° secolo, con un look elegante e sobrio allo stesso tempo.

“Gli uomini dovrebbero essere più indipendenti nella loro eleganza e più eleganti nella loro libertà”, ha detto una volta.

Alto e snello, Cerutti insistette sempre per provare prima le sue opere, molte delle quali conservava nel 1881 presso il lanificio fondato dal nonno nella città settentrionale di Piello.

“Indosso sempre gli stessi vestiti – me stesso”, ha detto una volta.

Sabato ha reso omaggio allo stilista.

“Ci ha lasciato un colosso tra gli imprenditori italiani”, ha detto Gilberto Piccetto, viceministro allo sviluppo economico.

“Il miglior uomo d’Italia”

Nato a Piello nel 1930, Cheruti sognava di diventare giornalista.

Cheruti ha aperto il suo primo negozio a Parigi nel 1967 e ha reso il suo marchio di lusso famoso in tutto il mondo.
Cheruti ha aperto il suo primo negozio a Parigi nel 1967 e ha reso il suo marchio di lusso famoso in tutto il mondo. Ralph GATTI AFP / File

Ma dopo la morte del padre all’età di 20 anni, fu costretto ad abbandonare gli studi filosofici per rilevare la fabbrica tessile di famiglia.

READ  Amazon ha raggiunto un accordo con i sindacati in Italia

Negli anni ’60 conosce Giorgio Armani e lo assume come stilista maschile.

I due hanno formato una profonda identità nel mondo della moda prima che Armani si separasse dalla sua casa di moda nel 1975.

Sabato, Carla Capasa, responsabile della Camera Nazionale della Moda Italiana, ha pianto la scomparsa del “più grande uomo d’Italia”.

Ha definito lo stilista che si vede spesso nel suo caratteristico maglione giallo alle sue sfilate, “un grande inventore, creatore visionario e pioniere di molte realtà oggi”.

“Lascia una grande tradizione: il coraggio di investire e di fidarsi dei giovani. Si fida del giovanissimo Giorgio Armani”.

Cerutti ha aperto il suo primo negozio a Parigi nel 1967, lanciando il suo marchio di lusso sulla strada della fama mondiale.

“I vestiti saranno lì solo dal momento in cui qualcuno li indossa. Voglio che questi vestiti continuino a vivere e ad immergersi nella vita”, ha detto.

‘Filosofo dell’abbigliamento’

Quando gli studenti francesi si ribellarono nel maggio 1968, rivoluzionò la civiltà dicendo a modelli maschili e femminili di sfilare in uniforme.

Si dice che i pantaloni diano alle donne la libertà.

Ha creato la sua prima linea di abbigliamento femminile negli anni ’70, due decenni dopo che un quinto delle sue entrate era un ramo dell’azienda.

Poi è passato a profumi, orologi, scarpe e gioielli.

Soprannominato il “Filosofo dell’abbigliamento” dagli attori americani Richard Guerre e Robert Redford e dalla star francese Jean-Paul Belmonto.

Ha anche fatto apparizioni speciali nei film di Hollywood “Cannes Man” (1996) e “Holy Man” (1998).

Negli anni ’90, la sua casa di moda chiese alla Ferrari di essere lo stilista ufficiale della scuderia di Formula 1.

READ  40 La migliore pannelli finta pietra per esterno del 2022 - Non acquistare una pannelli finta pietra per esterno finché non leggi QUESTO!

Lottando per continuare il mondo altamente competitivo della moda di lusso come azienda indipendente, nel 2001 ha venduto il marchio “Cerutti 1881” a investitori italiani. Successivamente è stata acquisita dall’US Investment Fund e successivamente dal gruppo cinese Trinity.

Dopo la vendita, è tornato nella casa di famiglia a Piello.