I Celtics battono i Cavaliers e tornano alle finali della Eastern Conference

BOSTON — I Boston Celtics, con 25 punti, 10 rimbalzi e nove assist di Jayson Tatum, hanno sconfitto i Cleveland Cavaliers 113-98 in Gara 5 delle semifinali della Eastern Conference mercoledì sera, avanzando alle finali della Eastern Conference per la terza stagione consecutiva . .

I Celtics si sono guadagnati la sesta trasferta alle Eastern Conference Finals in otto anni, la seconda volta che riescono a raggiungere l’impresa (sempre nel 1980-88) e si uniscono ai Philadelphia 76ers (1977-85), Los Angeles Lakers (1980-91), Chicago Bulls (1989-98), Detroit Pistons (2003-08) e Golden State Warriors (2015-22) lo fanno da quando l’NBA è passata al formato a due conferenze nella stagione 1970-71.

Boston ora attende il vincitore dell’altra semifinale della Eastern Conference tra New York Knicks e Indiana Pacers, che New York conduce 3-2 in vista della gara 6 di venerdì a Indianapolis, con le finali della conference programmate per iniziare al TD Garden domenica pomeriggio o pomeriggio. . Martedì notte.

Tuttavia, per gran parte del primo tempo di mercoledì sera, sembrava che non fosse così, nonostante Cleveland avesse giocato senza la guardia stellare Donovan Mitchell (stiramento al polpaccio sinistro); Il portiere Caris LeVert (contusione all’osso del ginocchio sinistro), sostituto di Mitchell nella formazione titolare in Gara 4; E il centro titolare Jarrett Allen, che ha saltato la sua ottava partita consecutiva a causa di un livido alla costola.

Cleveland ha guidato per parti del primo tempo – principalmente grazie a una buona prestazione al tiro dell’ex Celtic Marcus Morris, che ha segnato 14 punti su 6 su 8 nei primi 24 minuti – prima che Boston alla fine passasse in vantaggio per 58-52. Porta a metà del tempo.

READ  Chiusura della MLB: progressi compiuti, la lega estende la scadenza autoimposta alle 17:00 ET martedì

È stato l’ultimo esempio di come i Celtics abbiano giocato in modo molto diverso in casa rispetto a quello in trasferta negli ultimi playoff. Entrando nella partita di mercoledì, Boston era 14-14 al TD Garden dall’inizio dei playoff del 2022: il maggior numero di partite giocate (28) senza un record di vittorie in casa in tre stagioni nella storia della NBA, secondo Stats & Info. Ciò include l’eliminazione di Gara 2 della serie del primo turno di Boston contro i Miami Heat e di questa serie contro Cleveland nonostante entrambi gli avversari abbiano perso i principali contributori agli infortuni.

In trasferta, Boston è imbattuta (4-0) in questi playoff e 18-7 in totale nelle ultime tre stagioni.

Dopo un inizio lento, Boston ha finalmente trovato un po’ di trazione – e un po’ di energia nel suo pubblico di casa – grazie a diverse performance frenetiche di Al Horford, a sole due settimane dal suo 38esimo compleanno e nel bel mezzo della sua 17esima stagione NBA. . Dopo aver tirato 4 su 22 da 3 punti nelle prime quattro partite della serie, incluso 0 su 10 in entrambe le partite a Cleveland, Horford ha segnato sei punti in Gara 5, mantenendo ripetutamente vivo il gioco con la sua energia. .

Horford ha anche difeso spesso la guardia dei Cavaliers Darius Garland in isolamento, soprattutto nel quarto quarto, dove ha giocato un ruolo nel mantenere Garland – che ha segnato 30 punti in Gara 4 – a 11 punti al tiro 4 su 17 e 9 assist mercoledì. Horford è stato sostituito per l’ultima volta nell’ultimo minuto davanti a una standing ovation.

Cleveland ha resistito grazie alla grande partita di Evan Mobley, che ha disputato la sua migliore partita offensiva fino ad oggi segnando 33 punti al tiro 15 su 24, insieme a Morris, che ha segnato sette punti totali nelle prime quattro partite della stagione. Ha terminato la quinta partita della serie con 25 punti al tiro 10 su 13.

READ  Maria Sakkari affronta Coco Gauff in una notte strana e selvaggia nel deserto

Ma dopo che Morris ha segnato una tripla con 10:59 rimanenti nel quarto tagliando il vantaggio dei Celtics a 86-83, Boston ha risposto con un parziale di 15-4 nei quattro minuti successivi, coronato dal tiro di Tatum con 6:45 rimanenti. Ciò ha portato i Celtics in vantaggio di 14 e ha fatto ruggire la folla.

Da lì, il vantaggio di Boston non è mai sceso sotto il nove, e la partita sostanzialmente è finita quando Tatum ha colpito Jrue Holiday sotto canestro per un layup aperto con 2:15 rimasti per portare il vantaggio a 14, dando inizio alla festa per Boston. Per un’altra trasferta ai quarti di finale NBA.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto