Agosto 20, 2022

GolfMag

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

oregonlive’s Logo

I registri del tribunale mostrano il famigerato CEO Andrew Widhorn, residente a Portland, sotto inchiesta per presunta frode, riciclaggio di denaro e tentata evasione fiscale.

LOS ANGELES — Le autorità federali stanno indagando su Andrew Wedderhorn, CEO della società proprietaria delle catene di ristoranti Fatburger e Johnny Rockets, e stanno esaminando le azioni di un membro della famiglia nell’ambito di un’indagine sulle accuse di frode in titoli e telematica, riciclaggio di denaro e tentata evasione fiscale, risulta dagli atti giudiziari.

Durante le indagini, gli agenti federali a dicembre hanno fatto irruzione nella casa di Beverly Grove in cui vivono il figlio di Wedderhorn Thayer e la nuora Brooke Wedderhorn, secondo i documenti del mandato di perquisizione depositati in tribunale.

Il nome di Brooke non è menzionato negli atti del tribunale esaminati dal Los Angeles Times. È la figlia maggiore dell’ex attrice e star di “Real Housewives of Beverly Hills” Kim Richards, e il suo matrimonio nel 2014 con Thayer è stato datato nel reality show di Bravo.

Gli agenti hanno sequestrato telefoni, dispositivi di archiviazione digitale, documenti fiscali e altri documenti dalla casa della coppia, secondo i documenti del tribunale.

Gli investigatori federali hanno anche chiesto il permesso a un giudice di perquisire la più grande villa di Wedderhorn a Beverly Hills, sebbene i documenti del tribunale non indichino se quel raid abbia avuto luogo. Lo hanno anche avvistato l’anno scorso mentre portava a spasso i suoi cani vicino alla proprietà.

In una dichiarazione giurata di novembre che delinea le indagini, un agente speciale dell’FBI concentrato su complessi crimini finanziari ha affermato che Wedderhorn, 56 anni, “ha ideato e implementato uno schema fraudolento” per evitare di pagare le tasse e ha ricevuto “milioni di dollari in prestiti fittizi” attraverso le imprese. .

La dichiarazione giurata identifica anni di acquisti con carta di credito da parte di Wiederhorn, dei suoi figli e di altri parenti: $ 183.500 in una gioielleria londinese; $ 150.000 apparentemente per un acconto su Rolls-Royce; Più di $ 100.000 a un avvocato divorzista di Beverly Hills – e afferma che sono stati “pagati in primo luogo” da conti di proprietà di un affiliato del marchio FAT quotato in borsa.

Il deposito sostiene anche che Wiederhorn ha generato milioni di punti premio American Express incanalando i soldi dell’azienda attraverso il conto PayPal di suo figlio.

L’agente ha concluso che c’era una probabile causa della “prossima condotta criminale” di Wiederhorn, comprese irregolarità fiscali, false dichiarazioni di investitori e reati di frode “relativi alle spese personali che Wiederhorn fa pagare dalla FAT …”

READ  Il gas raggiunge i 4 dollari al gallone per la prima volta dal 2008

Lo stato dell’indagine non è chiaro. Nessuna accusa è stata mossa contro nessuno o contro FAT Brands, di cui Wiederhorn è il maggiore azionista.

Il suo avvocato, Douglas Fox di Gibson, Dunn & Crocher, ha dichiarato venerdì in una dichiarazione che “il signor Federhorn nega categoricamente queste accuse e a tempo debito dimostreremo che il governo ha i suoi fatti sbagliati”.

Questi prestiti erano completamente legittimi e sono stati esaminati e approvati in modo indipendente. Inoltre, le dichiarazioni dei redditi del signor Wiederhorn sono state preparate e approvate da professionisti fiscali indipendenti e stava effettuando pagamenti nell’ambito di uno schema approvato dall’IRS.

“Non possiamo commentare in modo più specifico le accuse perché, nonostante le nostre richieste, il governo si è rifiutato di fornirci copia della dichiarazione giurata”.

Un portavoce dell’ufficio del procuratore degli Stati Uniti ha rifiutato di commentare. Laura Emeller, portavoce dell’FBI a Los Angeles, ha affermato di non poter né confermare né smentire l’indagine.

“Il governo ha notificato a FAT Brands la sua indagine e la società sta collaborando pienamente”, ha affermato FAT Brands, con sede a Beverly Hills, alla fine di venerdì.

L’indagine arriva quasi due decenni dopo che Federhorn è stato coinvolto per la prima volta in crimini finanziari. Nel 2004, si è dichiarato colpevole presso il tribunale distrettuale degli Stati Uniti in Oregon con l’accusa di aver pagato un bonus illegale a un collega e di aver presentato una falsa dichiarazione dei redditi. Ha trascorso 15 mesi nella prigione federale di Sheridan, nell’Oregon, e ha pagato una multa di 2 milioni di dollari.

Il giorno prima che si dichiarasse colpevole, la compagnia che guida, Fog Cutter Capital, gli ha assegnato una ricompensa di $ 2 milioni e ha accettato di continuare a pagarlo mentre era in prigione.

L’accordo ha spinto l’editorialista del New York Times Nicholas Kristof a premiare Wiederhorn con il suo “Greed Award” inaugurale, scrivendo: “Non riesco a pensare a un consiglio di amministrazione che abbia mai insultato i principi del governo societario pagando più del dovuto un CEO anche mentre era seduto in prigione .” .”

Una volta rilasciato, Wiederhorn ha intrapreso una campagna di pubbliche relazioni per ripristinare la reputazione sua e della sua famiglia, inclusa un’apparizione in “Undercover Boss” al Fatburger Restaurant di Mesa, in Arizona.

READ  Le azioni asiatiche sono rimbalzate, ma i mercati osservano i rischi a lungo termine tra Russia e Ucraina

Wiederhorn ha detto al Los Angeles Times nel 2017. “Ho sempre negato con veemenza di aver commesso qualsiasi illecito apposta. Sono così grato per questo. Mi sentivo come se avessi pagato la multa. L’ho fatto quella volta. Ho fatto tutto ciò che dovevo fare per far sparire questo e metterlo dietro di me”.

Quell’intervista è arrivata subito prima che Wiederhorn presentasse al pubblico FAT Brands, con l’obiettivo di espandersi da quasi 300 ristoranti a 500 negli Stati Uniti e all’estero. Da allora l’azienda è cresciuta fino a raggiungere più di 2.000 punti vendita, la maggior parte dei quali in franchising, acquisendo il bar sportivo Twin Peaks, la catena di ristoranti italiani Fazoli’s, Round Table Pizza e Marble Slab Creamery, tra gli altri marchi.

Wiederhorn ha persino preso in considerazione l’acquisto di Del Taco, ma ha deciso che “sarà solo un sacco di lavoro”, ha detto a un podcast di servizio di ristorazione l’anno scorso.

Questa massiccia espansione è avvenuta in un contesto di rabbia da parte di alcuni investitori. Nel giugno 2021, ha intentato una causa contro gli azionisti di FAT Brands nel Delaware accusando Wiederhorn di “saccheggiare” la società e “dissanguare i suoi soldi”. La causa ha citato prestiti a lui che sono stati successivamente ceduti e diversi membri della famiglia Wiederhorn che erano sul libro paga e con stipendi a sei cifre.

Gli avvocati di Wiederhorn e la società hanno risposto che la causa non ha affermato di aver fatto qualcosa di sbagliato.

Non è chiaro cosa abbia spinto l’ultima indagine dell’FBI, i cui agenti sembrano aver annoiato i conti bancari, i prestiti e le tasse di Wiederhorn.

Parte dell’indagine descritta nella dichiarazione giurata ha esaminato se Wiederhorn avesse presentato una falsa dichiarazione dei redditi, rilevando incongruenze tra le domande di prestito. La sua dichiarazione dei redditi del 2018 ha registrato un reddito di $ 403.311 e nel 2017 $ 395.508, secondo un deposito del tribunale.

Ma nelle domande per un prestito auto e per l’acquisto di una casa nel 2018, ha riferito di guadagnare $ 200.000 al mese, o circa $ 2,4 milioni all’anno.

La dichiarazione giurata fa molti riferimenti allo “stile di vita di lusso” del Wiederhorn – un conto di $ 24.739 al Byblos Hotel di St Tropez e $ 29.913 all’Hotel Arts di Barcellona – mentre l’Internal Revenue Service ha rivendicato le tasse sul reddito non pagate negli ultimi dieci anni.

READ  I prezzi del gas negli Stati Uniti stanno salendo sopra i 4 dollari al gallone

Wiederhorn ha diversi “accordi rateali” per pagare le tasse. Le note di deposito con cui si atteneva al suo attuale piano rateale, ma a novembre 2021 doveva quasi $ 3 milioni in imposte sul reddito personale, multe e interessi.

L’agente dell’FBI ha anche spiegato come credeva che i soldi di Wiederhorn fossero stati “trasferiti” da FAT Brands e dalle sue affiliate tramite carte di credito che mostravano gli acquisti da Dolce & Gabbana, Giorgio Armani e Restoration Hardware.

Una delle carte di Wiederhorn conteneva sottoconti per carte di credito emesse ai suoi sei figli, a sua madre, al personale domestico personale, alla sua ex moglie e ad altri. Le loro tariffe includono “spese significative, apparentemente personali”, come fatture del medico, vestiti, scarpe, materassi, generi alimentari, servizi di tutoraggio e cura degli animali domestici.

Da ottobre 2017, data dell’offerta pubblica iniziale di FAT Brands, fino a maggio 2019, circa 5 milioni di dollari sono andati dalla società o dalle sue affiliate per coprire vari saldi di carte di credito Wiederhorn, secondo un deposito del tribunale.

Thayer Wiederhorn, un dirigente di FAT Brands, è stato specificamente citato in relazione a un presunto schema per incanalare milioni di dollari in fondi aziendali attraverso le commissioni di American Express su un conto PayPal che porta il suo nome. L’agente dell’FBI osserva che l’obiettivo ovvio era ottenere punti premio per le carte di credito di suo padre.

I registri del tribunale descrivono lo schema come “transazioni di andata e ritorno”, in cui il denaro viene trasferito dal conto PayPal di Wiederhorn ai suoi conti personali della Bank of America e di nuovo a FAT o alle sue affiliate.

Un agente dell’FBI ha calcolato un costo di oltre $ 250.000 in commissioni PayPal tra circa $ 9 milioni spostati “avanti e indietro”.

L’agente dell’FBI ha scritto che questa commissione di $ 250.000 è stata spesa “senza alcun legittimo scopo legittimo”, ma “per promuovere lo schema fraudolento di Weederhorn”.

(La ricercatrice del Times Carrie Schneider ha contribuito a questo rapporto.)

© 2022 Los Angeles Times. visita latimes.com. Distribuito da Tribune Content Agency, LLC.