Ottobre 6, 2022

GolfMag

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il rublo russo è sceso a un nuovo minimo a Mosca con l'inasprimento delle sanzioni

Il rublo russo è sceso a un nuovo minimo a Mosca con l’inasprimento delle sanzioni

Le monete in rubli russi sono viste davanti alle banconote in dollari statunitensi in questa illustrazione presa il 24 febbraio 2022. REUTERS/Dado Ruvic/Illustration/Files

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Reuters) – Il rublo russo è sceso al minimo storico a Mosca mercoledì a 110 dollari al dollaro e la borsa è rimasta chiusa mentre il sistema finanziario russo ha vacillato sotto il peso delle sanzioni occidentali imposte per l’invasione dell’Ucraina da parte di Mosca.

Il rublo è sceso del 4,7% a 106,02 contro il dollaro negli scambi di Mosca, registrando 110,0 in precedenza, un minimo storico. Dall’inizio dell’anno ha perso circa un terzo del suo valore rispetto al dollaro.

È sceso del 2,6 per cento per chiudere la giornata a 115,40 contro l’euro.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

“La volatilità del rublo rimane estremamente elevata, il che potrebbe essere causata dall’instabilità delle vendite di valuta estera da parte degli esportatori combinata con il continuo aumento dei livelli di pressione sugli attori del mercato e in particolare sulle famiglie”, ha affermato Raiffeisen in una nota.

Per il terzo giorno consecutivo, il rublo è stato più debole fuori dalla Russia, scambiato a 112 contro il dollaro sulla piattaforma di trading elettronico EBS, ma ancora lontano dal minimo storico di 120 toccato lunedì.

La Russia ha risposto raddoppiando i tassi di interesse al 20% e dicendo alle aziende di trasferire l’80% dei loro guadagni in valuta estera nel mercato interno, poiché la banca centrale, o CBR, ora soggetta alle sanzioni occidentali, ha interrotto gli interventi in valuta estera.

READ  "Paese più favorito": Biden annuncia che gli Stati Uniti si muoveranno per abolire lo status della Russia

Un rublo più debole influenzerà il tenore di vita in Russia e incoraggerà l’inflazione già elevata, mentre le sanzioni occidentali dovrebbero portare a carenze di beni e servizi di base come automobili o voli. Per saperne di più

Diverse società globali hanno annunciato l’intenzione di uscire dalla Russia, mentre i rating creditizi del Paese sono sotto pressione a causa della crisi.

L’agenzia di rating del credito Moody’s ha dichiarato: “Il posizionamento dei rating sovrani russi sotto esame per il declassamento del rating è stato lanciato a causa dell’ulteriore operazione militare russa in Ucraina iniziata il 24 febbraio 2022, e gli effetti creditizi negativi sulla posizione creditizia della Russia riflettono sanzioni aggiuntive e più severe in corso imposto”.

JP Morgan ha affermato che una profonda recessione è in arrivo per la Russia e la banca sta rivalutando le sue prospettive macro regionali.

“Le ultime azioni rivolte alla RBC hanno completamente cambiato il quadro”, ha affermato JPMorgan.

“L’ampio avanzo delle partite correnti della Russia avrebbe potuto accogliere ingenti deflussi di capitali, ma con le conseguenti sanzioni CBR e SWIFT, oltre alle restrizioni esistenti, è probabile che i guadagni delle esportazioni russe vengano interrotti e che i deflussi di capitali siano immediati”.

Diverse banche russe sono state bandite dalla rete finanziaria globale SWIFT, che facilita i trasferimenti interbancari.

Mentre le famiglie e le imprese in Russia si affrettano a convertire il rublo in forte calo in valuta estera, le banche hanno alzato i tassi di interesse sui depositi in valuta estera.

Sberbank, il più grande finanziatore russo (SBER.MM) Offre di pagare il 4% sui depositi fino a $ 1.000, mentre la più grande banca privata Alfa Bank offre l’8% sui depositi in dollari per tre mesi. Per i depositi in rubli, Sberbank offre un rendimento annuo del 20%.

READ  L'Europa impone sanzioni alla Russia per la crisi ucraina e coordina la pressione con gli Stati Uniti

Sberbank ha dichiarato mercoledì di essersi ritirata da quasi tutti i mercati europei, incolpando i grandi deflussi di denaro e le minacce ai suoi dipendenti e proprietà, dopo che la Banca centrale europea ha ordinato la chiusura del suo braccio europeo. Per saperne di più

Mosca descrive le sue azioni in Ucraina come una “operazione speciale” che, a suo dire, è progettata non per occupare territorio ma per distruggere le capacità militari del suo vicino meridionale e arrestare quelli che considera pericolosi nazionalisti.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Segnalazione di Reuters. Montaggio di Andrew Heavens, Edmund Blair e Jane Merriman

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.