Giugno 28, 2022

GolfMag

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Italian Wine affair- Il New Indian Express

Servizio di notizie espresso

Così come ogni tipo di cibo emerge dalla propria terra, la cucina italiana è innumerevoli volte progettata per soddisfare il palato indiano. Abbiamo pizze con pollo al burro, pasta keema o potresti aver provato invece la pizza Creative Cone.

Ma in questo festival fusion, dov’è il vero sapore italiano? Forse, un vero piano di sapori italiano potrebbe aiutarti. Sostenuto dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e coordinato da Assochamerostero, il Progetto True Italian Taste (nell’ambito della Straordinary Italian Taste Campaign) mira a “promuovere e preservare l’agroalimentare italiano autentico in Europa, Stati Uniti, Australia e Asia. “

Con questo piano in mente e per fornire una deliziosa diffusione, la Camera di commercio e industria indo-italiana (IICCI) ha ospitato venerdì una cena a base di vino italiano presso l’Hyatt Regency di Chennai.

La cucina genuina dello chef Gianfranco Tuttolani è stata abbinata ai vini autoctoni per la gioia e la conoscenza dei consumatori dall’enologo Luca Bernardini. “Vogliamo mostrare e promuovere l’Italia attraverso la lente di due ingredienti principali, il cibo e il vino. In Italia non separiamo il vino dal cibo. C’è anche un proverbio che dice ‘il vino senza vino è la colazione’. In questo modo, noi vogliono promuovere la magia della cultura italiana: l’arte o il calcio.Non solo, francamente”, ricorda Luca.

Di notte, i vini delle zone di Venito (nordest) e Buglio (sudest) venivano serviti con abbondanza di cibo delizioso: amoch cagnolino, due tipi di pasta (tra cui cannelloni fatti con le crepes; polo come in Abruzzo), polo. Diablo con patate, branzino alle erbe con ortaggi a radice e delizioso strudel.

READ  Rashid Al Mulla degli Emirati Arabi Uniti punta ad espandere il primato in Italia

“La pasta ripiena veniva dal nord, i cannelloni dalla mia zona e il pesce dal sud. Quindi, sono andato in giro per l’Italia e ho cercato di mescolare i sapori del cibo italiano”, spiega lo chef. La cena è iniziata con una semplice presentazione di Luca, che, insieme al banchetto, ha spiegato i vini ai commensali.

“Uniamo uno spumante leggero (Prosecco) con la fame. Poi andiamo con un altro bianco, ma ancora (Essencia); uniamo con verdure e pesce. Poi andiamo con uno un po’ più forte – dalla Puglia (e un limoncello ) con tutto il corpo. In generale, quando si cena con vini diversi, bisogna fare progressi complessi, una delle poche regole da seguire.

Tuttavia, l’esperto di vini, Luca, non si avvicina alla coppia con gli occhi cupi perché nota cosa c’è dietro e oltre: raccontando la storia dell’uva, del produttore e della regione che lo produce. L’alcol, perché fa parte di ciò che assaggi, osserva. Quelli alla festa possono sicuramente testimoniarlo.