Dicembre 3, 2022

GolfMag

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Avvertimento: la calotta glaciale della Groenlandia (nella foto) si sta sciogliendo dal basso verso l'alto e ora è il principale contributore all'innalzamento del livello del mare globale, secondo un nuovo studio

La calotta glaciale della Groenlandia si sta sciogliendo dal basso verso l’alto

La calotta glaciale della Groenlandia si sta sciogliendo dal basso verso l’alto e Ora è il maggior contributore all’innalzamento del livello del mare globale, avverte un nuovo studio.

I ricercatori hanno osservato tassi di scioglimento “senza precedenti” sul fondo della calotta glaciale, a causa dell’enorme quantità di acqua di disgelo che cade dalla superficie alla base.

Quando l’acqua di disgelo cade, l’energia viene convertita in calore in modo simile a come l’energia idroelettrica viene generata dalle grandi dighe.

Questo effetto È di gran lunga la più grande fonte di calore sotto la seconda calotta glaciale più grande del mondo ed è una fonte internazionale Il team di scienziati guidato dall’Università di Cambridge ha scoperto, Il che si traduce in tassi di fusione tremendamente alti alla sua base.

Avvertimento: la calotta glaciale della Groenlandia (nella foto) si sta sciogliendo dal basso verso l'alto e ora è il principale contributore all'innalzamento del livello del mare globale, secondo un nuovo studio

Avvertimento: la calotta glaciale della Groenlandia (nella foto) si sta sciogliendo dal basso verso l’alto e ora è il principale contributore all’innalzamento del livello del mare globale, secondo un nuovo studio

I ricercatori hanno osservato i tassi di fusione

I ricercatori hanno osservato tassi di scioglimento “senza precedenti” sul fondo della calotta glaciale (nella foto), causati da enormi quantità di acqua di disgelo che gocciola dalla superficie alla base.

In che modo il riscaldamento globale influisce sul ritiro del ghiaccio?

Il riscaldamento globale sta facendo aumentare le temperature in tutto il mondo.

Ciò è particolarmente evidente alle latitudini vicino ai poli.

L’aumento delle temperature, il permafrost, i ghiacciai e le calotte glaciali faticano a mantenere il tatto di fronte ai climi più caldi.

Poiché le temperature aumentano di oltre un grado rispetto ai livelli preindustriali, il ghiaccio continua a sciogliersi.

Ad esempio, lo scioglimento del ghiaccio sulla calotta glaciale della Groenlandia porta alla produzione di “laghi di acqua di disgelo”, che quindi contribuiscono all’aumento dello scioglimento.

Questo ciclo di feedback positivo si trova anche sui ghiacciai sulle montagne.

Molti di questi sono stati congelati dall’ultima era glaciale e i ricercatori stanno assistendo a un grande ritiro.

Alcune specie animali e vegetali dipendono fortemente dalle condizioni di freddo fornite dai ghiacciai e migrano ad altitudini più elevate per trovare un habitat adatto.

Ciò porta a forti pressioni sugli ecosistemi poiché più animali e più specie vivono in un’area in continua contrazione.

Oltre allo stress ambientale, la mancanza di ghiaccio sulle montagne aumenta notevolmente i rischi di frane ed eruzioni vulcaniche.

Questo fenomeno si trova in molte catene montuose in tutto il mondo.

È stato visto anche nelle regioni dell’Antartide.

L’effetto lubrificante dell’acqua di disgelo ha una forte influenza sul movimento dei ghiacciai e sulla quantità di ghiaccio scaricato nell’oceano, ma misurare direttamente le condizioni sotto più di mezzo miglio (un chilometro) di ghiaccio sul fondo è impegnativo, specialmente in Groenlandia, dove i ghiacciai sono tra i più veloci al mondo.

READ  I cannoni semoventi del telescopio spaziale Hubble celebrano 20 anni di scoperte rivoluzionarie

Gli esperti affermano che ciò rende difficile comprendere il comportamento dinamico delle calotte glaciali della Groenlandia e prevedere i cambiamenti futuri

Ogni estate, migliaia di laghi e flussi di scioglimento si formano sulla superficie della calotta glaciale quando le temperature aumentano e la luce solare aumenta ogni giorno.

Ma molti di questi laghi defluiscono rapidamente sul fondo, cadendo attraverso grandi crepe e fratture che si formano nel ghiaccio.

Con il continuo approvvigionamento di acqua da ruscelli e fiumi, i collegamenti tra il ponte e il letto rimangono spesso aperti.

Il professor Paul Kristofferson dello Scott Polar Research Institute di Cambridge ha studiato i laghi di acqua di disgelo, come e perché si stanno prosciugando così rapidamente e il loro impatto sul comportamento generale della calotta glaciale mentre le temperature globali continuano a salire.

L’attuale lavoro, che include ricercatori dell’Università di Aberystwyth, è il culmine di uno studio di sette anni incentrato sullo Store Glacier, uno dei più grandi sfiati della calotta glaciale della Groenlandia.

“Quando studiamo lo scioglimento primario delle calotte glaciali e dei ghiacciai, osserviamo fonti di calore come l’attrito, l’energia geotermica e il calore latente rilasciato quando l’acqua si congela e il calore viene perso nel ghiaccio sopra”, ha detto Kristofferson.

Ma quello che non abbiamo veramente guardato è il calore dello scarico stesso dell’acqua di disgelo.

“C’è molta energia gravitazionale immagazzinata nell’acqua che si forma in superficie e quando cade, l’energia deve andare da qualche parte”.

Per misurare i tassi di fusione alla base della calotta glaciale, i ricercatori hanno utilizzato il radio-ecoscandaglio, una tecnica sviluppata al British Antarctic Survey e precedentemente utilizzata sulle calotte glaciali galleggianti in Antartide.

“Non eravamo sicuri che questa tecnologia avrebbe funzionato anche su un ghiacciaio della Groenlandia in rapido flusso”, ha affermato il collega autore, il dottor Tun Jan Young, che ha installato il sistema radar presso lo Store Glacier come parte della sua tesi di dottorato a Cambridge.

“Rispetto all’Antartide, il ghiaccio si deforma molto rapidamente e in estate c’è molta acqua di disgelo, il che complica il lavoro”.

Le velocità di fusione alla base sono risultate pari a quelle misurate in superficie con una stazione meteorologica.

Questo nonostante il fatto che la superficie riceva calore dal sole mentre la base no.

Per interpretare i risultati, i ricercatori di Cambridge hanno collaborato con scienziati dell’Università della California Santa Cruz e del Geological Survey of Denmark and Groenlandia.

Ma molti di questi laghi defluiscono rapidamente sul fondo, cadendo attraverso le crepe e le grandi fratture che si formano nel ghiaccio (nella foto)

Ma molti di questi laghi defluiscono rapidamente sul fondo, cadendo attraverso le crepe e le grandi fratture che si formano nel ghiaccio (nella foto)

I ricercatori hanno stimato che fino a 82 milioni di metri cubi di acqua di disgelo sono stati trasportati sul fondo dello Store Glacier al giorno durante l’estate del 2014.

Hanno stimato che l’energia prodotta dalla caduta dell’acqua durante i periodi di massimo scioglimento è paragonabile all’energia prodotta dalla diga delle Tre Gole in Cina, la più grande centrale idroelettrica del mondo.

I ricercatori hanno scoperto che con un’area di fusione di quasi un milione di chilometri quadrati in piena estate, la calotta glaciale della Groenlandia produce più energia idroelettrica delle dieci centrali idroelettriche più grandi del mondo messe insieme.

“Dato quello che stiamo vedendo alle latitudini più elevate in termini di cambiamento climatico, questa forma di energia idroelettrica potrebbe facilmente raddoppiare o triplicare, e ancora non includiamo questi numeri anche quando stimiamo il contributo della calotta glaciale all’innalzamento del livello del mare”, ha aggiunto. ha detto Christophersen.

I ricercatori hanno confrontato le misurazioni della temperatura dai sensori installati in un pozzo vicino per verificare i tassi di fusione registrati dal radar.

Alla base, hanno scoperto che l’acqua ha una temperatura di 33 gradi Fahrenheit (0,88 gradi Celsius), che è inaspettatamente calda per la base di una calotta glaciale con un punto di fusione di 31 gradi Fahrenheit (-0,40 gradi Celsius).

“Le osservazioni del pozzo hanno confermato che l’acqua di disgelo sale quando colpisce il letto”, ha detto Kristofferson.

I ricercatori hanno stimato che fino a 82 milioni di metri cubi di acqua di disgelo sono stati trasportati sul fondo dello Store Glacier al giorno durante l'estate del 2014.

I ricercatori hanno stimato che fino a 82 milioni di metri cubi di acqua di disgelo sono stati trasportati sul fondo dello Store Glacier al giorno durante l’estate del 2014.

Quando l'acqua di disgelo cade, l'energia viene convertita in calore in modo simile a come l'energia idroelettrica viene generata dalle grandi dighe (nella foto)

Quando l’acqua di disgelo cade, l’energia viene convertita in calore in modo simile a come l’energia idroelettrica viene generata dalle grandi dighe (nella foto)

Il motivo è che il sistema di drenaggio primario è molto meno efficiente delle fratture e dei canali che portano l’acqua attraverso il ghiaccio. Una bassa efficienza di drenaggio si traduce in un riscaldamento per attrito all’interno dell’acqua stessa.

Quando abbiamo estratto questa fonte di calore dai nostri calcoli, le stime della velocità di fusione teorica erano di due ordini di grandezza interi.

“Il calore generato dall’acqua che cade scioglie il ghiaccio dal basso verso l’alto e il tasso di scioglimento che stiamo segnalando è completamente senza precedenti”.

READ  Allineamento telescopio Webb Consente all'immagine di mostrare una stella

I ricercatori hanno affermato che il loro studio fornisce la prima prova concreta del meccanismo di perdita della massa di ghiaccio, che non è stato ancora incluso nelle proiezioni globali dell’innalzamento del livello del mare.

Mentre alti tassi di scioglimento sono specifici del calore generato nei percorsi di drenaggio subglaciale che trasportano l’acqua superficiale, il volume di acqua superficiale prodotta in Groenlandia è enorme e in crescita, quasi tutto drena sul fondo.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Atti dell’Accademia Nazionale delle Scienze.

Il livello del mare potrebbe aumentare fino a 4 piedi entro il 2300

Gli scienziati hanno avvertito che il livello del mare globale potrebbe aumentare di 1,2 metri (4 piedi) entro il 2300 anche se raggiungiamo gli obiettivi climatici di Parigi del 2015.

Il cambiamento a lungo termine sarà guidato dallo scioglimento dei ghiacci dalla Groenlandia all’Antartide che è destinato a ridisegnare le coste globali.

L’innalzamento del livello del mare minaccia le città da Shanghai a Londra, fino alle zone più basse della Florida o del Bangladesh e a interi paesi come le Maldive.

È fondamentale ridurre le emissioni il più rapidamente possibile per evitare un aumento ancora maggiore, ha affermato un team di ricercatori guidato dalla Germania in un nuovo rapporto.

Entro il 2300, il rapporto prevede che il livello del mare aumenterà di 0,7-1,2 metri, anche se quasi 200 paesi raggiungeranno pienamente gli obiettivi previsti dall’accordo di Parigi del 2015.

Gli obiettivi fissati dagli accordi includono la riduzione a zero delle emissioni di gas serra nella seconda metà di questo secolo.

Ha aggiunto che il livello degli oceani aumenterebbe inesorabilmente perché i gas industriali rilasciati dal calore intrappolato rimarrebbero nell’atmosfera, sciogliendo più ghiaccio.

Inoltre, l’acqua si espande naturalmente quando viene riscaldata oltre i quattro gradi Celsius (39,2 gradi Fahrenheit).

Ogni cinque anni di ritardo oltre il 2020 nel picco delle emissioni globali significa un ulteriore aumento del livello del mare di 20 centimetri (8 pollici) entro il 2300.

“Il livello del mare è spesso segnalato come un processo davvero lento per il quale non si può fare molto… ma i prossimi 30 anni sono davvero importanti”, ha affermato l’autore principale Dr. Matthias Mengele, del Potsdam Institute for Climate Impact Research di Potsdam . Germania.

Nessuno dei 200 governi che hanno firmato gli accordi di Parigi è sulla buona strada per mantenere i propri impegni.