Dicembre 6, 2022

GolfMag

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Francia schiaccerà l’Italia in uno scontro unilaterale a Parigi

La Francia inizia la sua ricerca per il primo titolo del Sei Nazioni dal 2010 con un’apertura ideale contro l’Italia perenne allo Stade de France domenica.

I favoriti pre-torneo dovrebbero fare un lavoro leggero con gli Azzurri in quanto una squadra dotata di talento per tutto il tempo cerca di fare il passo successivo nel loro viaggio insieme, la destinazione ovviamente è un successo Coppa del mondo di rugby campagna in casa nel 2023 che sperano finisca con il sollevamento del trofeo.

I francesi dovranno però partire con il piede giusto senza il loro allenatore Fabien Galthie, che venerdì era in pista confermato positivo al Covid.

Ma con la qualità di Antoine Dupont, Cameron Woki e molti altri nel loro arsenale contro una squadra italiana che non vince il Sei Nazioni dal 2015, affrontare l’assenza del loro capo non dovrebbe essere un problema poiché i Les Bleus cercano di segnare i loro rivali per il titolo mentre aggrava i guai dell’Italia.

L’ultima volta che si sono incontrati

Era un comodo Vittoria per 50-10 della Francia a Roma nel 2021 mentre Dylan Cretin, Gael Fickou, Artur Vincent, Brice Dulin, Dupont e Teddy Thomas (due) hanno tutti attraversato il campo, con Matthieu Jalibert al 100% dal tee quando ha ottenuto sei trasformazioni e un rigore in una dimostrazione spietata nel round di apertura .

Per l’Italia è un’altra partita che si sono trovati ben al di sotto di un Sei Nazioni rivale in quanto solo la meta di Luca Sperandio e la scarpa di Paolo Garbisi hanno turbato i marcatori. Ovviamente avrebbero perso le restanti quattro partite del campionato mentre la Francia ha concluso con tre vittorie e due sconfitte per finire seconda.

Ciò che dicono

Il centro francese Fickou questa settimana ha parlato del rispetto e dell'”amore” che sono cresciuti nella loro squadra e di come sono progrediti come gruppo negli ultimi anni.

“I ragazzi si amano davvero in questa squadra! Hai visto come Teddy Thomas e Damian Penaud si sono abbracciati poco prima dell’inizio dell’ultima partita di Racing-Clermont? È ‘falso’? No, è solo una profonda, vera amicizia”, ha detto a Midi-Olympique. “Non c’è nessun vizio in questa squadra. Non vedo un solo ragazzo disonesto, lo giuro!

“Negli ultimi due anni abbiamo vissuto cose belle insieme, cose che legano insieme una squadra. Non mi piace sentire che questa generazione ha più talento della precedente. Non è vero. quando ho iniziato nella squadra francese, c’erano già ragazzi incredibili, giocatori di rugby bravi come quelli di oggi.

READ  40 La migliore cuscini natalizi del 2022 - Non acquistare una cuscini natalizi finché non leggi QUESTO!

“Ma l’atmosfera nella squadra era meno buona, prima”.

Nel frattempo, l’allenatore dell’Italia Crowley ammette di essere stato felice della preparazione del torneo poiché questa volta cercano di porre fine alla loro siccità.

“Il lavoro svolto in queste settimane di preparazione, verso l’esordio al Sei Nazioni, è stato intenso e di qualità”, ha detto prima di un duro primo incontro.

“C’è tanta energia nel gruppo e la consapevolezza di scendere in campo in uno dei tornei più importanti del mondo del rugby e dello sport. Concentrati sulla nostra prestazione: sarà importante essere chiari nei momenti chiave della partita”.

Giocatori da guardare

È difficile non guardare oltre quanto sopra Antoine Dupont e Cameron Woki poiché entrambi gli uomini sono tra i primi ad essere nominati Giocatori del campionato. Dupont si è già affermato come un mediano di mischia leader nel mondo del gioco con la sua intelligenza, servizio, potenza e velocità sul campo che lo rendono un incubo per le difese dell’opposizione. Se licenzia per Les Bleus questo fine settimana e nelle prossime settimane, è difficile guardare oltre il titolo francese nel 2022.

Woki nel frattempo è pronto a prendere d’assalto il Sei Nazioni di quest’anno poiché la sua forma per Bordeaux-Begles e Francia è stata eccezionale negli ultimi tempi. Dotato di ritmo e capacità per andare con i tipici punti di forza dell’attaccante, è probabile che domenica causerà numerosi problemi all’Italia e lo stesso vale per l’imminente opposizione della Francia.

In assenza del solito terzino Matteo Minozzi per infortunio, l’Italia utilizzerà il suo giocatore più anziano Edoardo Padovani (28) nella maglia numero 15 questa settimana. Essendo un giocatore più versatile di Minozzi, offre maggiori opzioni in attacco, avendo esperienza di mediano d’apertura e centro oltre che di terzino. Questo potrebbe vedere l’Italia di Crowley utilizzare Padovani come primo ricevitore in alcune fasi per diversificare il proprio stile di gioco e per dare a Paolo Garbisi più spazio su cui lavorare quando riceve palla.

Sull’ala opposta a Monty Ioane c’è l’uncapped Tommaso Menoncello da Benetton. Il 19enne è in grado di giocare al centro e sull’ala, ma a causa della sua abilità nel segnare meta, Crowley ha deciso di metterlo fuori. Essere un adolescente e iniziare contro una squadra che ha appena battuto la Nuova Zelanda e che è favorita per vincere il Sei Nazioni è un’impresa incredibile e la dice lunga sulla fiducia che Crowley ha in lui. Aspettati che questa fede ripaghi quando Menoncello inizia quella che è destinata a essere una carriera internazionale che passerà alla storia italiana.

READ  Germania e Italia mantengono vive le speranze di ATP Cup

Principali testa a testa

La domenica vede l’ennesima battaglia intrigante del numero 10. di Francia Romain Ntamack contro quello italiano Paolo Garbisi sarà il match-up nella mente di tutti. I giovani mediani d’apertura sono entrambi maturi oltre i loro anni e incredibilmente sfumati nel gioco del rugby.

Ntamack è più che a suo agio nel dinamico attacco francese di Galthie, avendoci giocato da quando si è diplomato alla squadra senior di Les Bleus nel 2019. Il suo compagno di mediano, il volto familiare di Dupont con cui gioca a rugby per club al Tolosa, crea spazio e tempo per Ntamack e il resto della linea di fondo con cui lavorare e da lì Ntamack distribuisce e calcia in modo efficace.

Garbisi è più che capace di essere il giocatore che è Ntamack, ma potrebbe ritrovarsi trattenuto ancora una volta da Crowley (il suo ex allenatore alla Benetton), che sceglie di non programmare calci nei suoi piani di gioco. Ciò potrebbe ostacolare la capacità di Garbisi di controllare la posizione in campo e gestire il gioco così come fa a Montpellier. Tuttavia, ha dimostrato la sua capacità di avere successo con Crowley prima di trasferirsi a Montpellier. Con l’aiuto e la flessibilità aggiunti da Padovani, abbiamo potuto vedere l’Italia sfondare la linea francese più di quanto Shaun Edwards vorrebbe.

In definitiva, la chimica di Ntamack con Dupont è ciò che gli darà il sopravvento sulla giornata, insieme al suo cast di supporto esperto. Questo non significa che non possiamo aspettarci una prestazione stellare da Garbisi, inoltre è probabile che i terzini italiani avranno bisogno di più esperienza nei Test per sbloccare tutto il potenziale di questo attacco italiano.

Predizione

Una clamorosa vittoria francese. E ‘così semplice. I Bleus sono quasi al culmine come squadra e presentano alcuni dei più grandi giocatori e allenatori di questo pianeta. L’italiana di Crowley potrebbe reggere all’inizio come ha fatto contro la Nuova Zelanda, ma i francesi li abbatteranno, è inevitabile.

Le giovanili di questa squadra italiana si riveleranno un vantaggio quando si tratta di Sei Nazioni in fondo alla linea per l’intesa costruita, ma per ora è un enorme ostacolo. Hanno semplicemente bisogno di più tempo insieme per avvicinarsi ai francesi. L’esperienza della Francia li demoralizzerà nel secondo tempo, quando tutto sembrerà perso: i punti potrebbero finire per accumularsi in questa fase.

READ  Covid: l'Italia ha raggiunto l'obiettivo di vaccinare completamente l'80% delle persone di età superiore ai 12 anni

Tuttavia, non è tutto rovina e tristezza, ci saranno più aspetti positivi per l’Italia, una squadra che ha escluso gli All Blacks per la squadra più lunga di tutte nel 2021. Li abbiamo visti iniziare a emergere nel 2021 quando hanno eliminato l’Inghilterra, ma il loro tempo sta ancora arrivando, e arriverà, non solo contro i golia del rugby della Francia. Le loro squadre di fascia d’età hanno brillato negli ultimi anni, e man mano che quei giocatori emergono nella squadra senior, le scintille volano, ma in questo momento siamo in una fase di transizione tra l’Italia che conoscevamo e la potenza del rugby italiano a venire. Francia per 35.

Risultati precedenti

2021: La Francia ha vinto 50-10 a Roma
2020: La Francia ha vinto 36-5 a Parigi
2020: La Francia ha vinto 35-22 a Parigi
2019: La Francia ha vinto 47-19 a Parigi
2019: La Francia ha vinto 25-14 a Roma
2018: La Francia ha vinto 34-17 a Marsiglia
2017: La Francia ha vinto 40-18 a Roma
2016: La Francia ha vinto 23-21 a Parigi
2015: La Francia ha vinto 29-0 a Roma

Le squadre:

Francia: 15 Melvyn Jaminet, 14 Damian Penaud, 13 Gael Fickou, 12 Jonathan Danty, 11 Gabin Vilière, 10 Romain Ntamack, 9 Antoine Dupont, 8 Gregory Aldritt, 7 Dylan Cretin, 6 Anthony Jelonch, 5 Paul Willemse, 4 Uronini Atonio, 2 Julien Marchand, 1 Cyril Baille
Sostituzioni: 16 Peato Mauvaka, 17 Jean-Baptiste Gros, 18 Demba Bamba, 19 Romain Taofifenua, 20 Francois Cros, 21 Maxime Lucu, 22 Yoram Moefana, 23 Thomas Ramos

Italia: 15 Edoardo Padovani, 14 Tommaso Menoncello, 13 Juan Ignacio Brex, 12 Marco Zanon, 11 Monty Ioane, 10 Paolo Garbisi, 9 Stephen Varney, 8 Toa Halafihi, 7 Michele Lamaro (c), 6 Sebastian Negri, 5 Federico Ruzza, 4 Niclo Cannone, 3 Tiziano Pasquali, 2 Gianmarco Lucchesi, 1 Danilo Fischetti
Sostituzioni: 16 Epalahame Faiva, 17 Ivan Nemer, 18 Giosue Zilocchi, 19 Marco Fuser, 20 Giovanni Pettinelli, 21 Manuel Zuliani, 22 Callum Braley, 23 Leonardo Marin

Data: domenica 6 febbraio
Luogo: Stade de France, Parigi
Calcio d’inizio: 16:00 locali (15:00 GMT)
Arbitro: Mike Adamson (SRU)
Assistenti arbitri: Nika Amashukeli (GRU), Damon Murphy (RA)
TMO: Brett Cronan (RA)