La polizia di Milano perquisisce le abitazioni di quattro persone coinvolte nelle proteste contro i pass governativi

Venerdì la polizia italiana ha fatto irruzione nelle case di quattro persone a Milano che si erano unite al movimento No Green Pass, un gruppo misto che da settimane protesta contro l’ordinanza nazionale di autorizzazione sanitaria per il virus Corona.

Tutti e quattro, i cui nomi non sono stati immediatamente resi noti, sono indagati per presunte molestie ai giornalisti che hanno pubblicato la notizia. Dimostrazioni. I raduni sono diventati un luogo comune in molte città italiane, interrompendo il traffico e sconvolgendo la vita quotidiana.

Alberto Noble, avvocato antiterrorismo di Milano che coordina le indagini, ha confermato che le perquisizioni erano state condotte.

Le proteste contro il controllo del virus corona sono diventate all’ordine del giorno in Italia, come in molti paesi europei. Questa settimana, il ministero dell’Interno ha incaricato le autorità locali di vietare le proteste in alcune aree e di adottare misure per affrontare i manifestanti indisciplinati.

“Si tratta di bilanciare i diritti – il diritto a dimostrare, ma il diritto al lavoro, il diritto allo studio e la propria salute”, ha detto il ministro degli Interni Louisiana Lamorgis in una dichiarazione rilasciata mercoledì sera, delineando i risultati.

Manifestanti in diverse città – Milano, Padova e Trieste, Soprattutto – ci sono state frequenti manifestazioni il sabato pomeriggio in cui hanno bloccato il traffico e limitato l’accesso ai negozi del centro. I manifestanti si oppongono alla richiesta del governo che tutti i lavoratori ottengano un certificato chiamato Green Pass per dimostrare di essere stati vaccinati contro il virus o di essere risultati negativi di recente o di dover affrontare una sanzione e un congedo non retribuito.

Finché l’emergenza epidemica in Italia è in vigore, alle forze dell’ordine locali è stato chiesto di identificare le aree in cui le riunioni di massa non dovrebbero aver luogo in ogni città. In molti casi, queste aree includono affollate aree commerciali del centro.

READ  40 La migliore luci natale esterno del 2022 - Non acquistare una luci natale esterno finché non leggi QUESTO!

Il memorandum del ministero afferma che i sindaci e i funzionari locali possono decidere se sono necessarie mascherine o se è necessaria una pausa della comunità durante le riunioni che si incontrano all’interno della loro giurisdizione.

Sebbene il memorandum non bandisse completamente le proteste, Stefano Buser, che guidava un gruppo di lavoratori portuali che hanno trasformato la città portuale nordorientale di Trieste in un centro di protesta, ha affermato che è stato progettato per “sopprimere le proteste”.

Ha detto che le proteste a Trieste sono state pacifiche e riconosciute dai funzionari della città.

“Sarò sempre a manifestazioni riconosciute”, ha detto Mr. ha detto Buser. “Dobbiamo essere i primi a far rispettare la legge”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto