Maggio 23, 2022

GolfMag

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Russia potrebbe essere inadempiente sul suo debito entro pochi giorni

La Russia potrebbe essere inadempiente sul suo debito entro pochi giorni

La metà delle riserve estere del paese – circa 315 miliardi di dollari – sono state congelate a causa delle sanzioni occidentali imposte in seguito Invasione dell’UcrainaLo ha detto domenica il ministro delle finanze russo Anton Siluanov. Di conseguenza, ha detto, Mosca pagherà i creditori dei “paesi ostili” in rubli fino alla revoca delle sanzioni.

Le agenzie di rating del credito considereranno probabilmente la Russia in default se Mosca andrà in default sul suo debito emesso in dollari o euro in altre valute come il rublo o lo yuan cinese. Un default potrebbe spingere i pochi investitori stranieri rimasti fuori dalla Russia e isolare ulteriormente l’economia al collasso del paese.

L’insolvenza potrebbe arrivare già mercoledì, quando Mosca dovrà versare oltre 117 milioni di dollari in pagamenti di interessi su titoli di Stato denominati in dollari, secondo JPMorgan Chase. Sebbene la Russia abbia emesso obbligazioni che possono essere rimborsate in più valute dal 2018, questi pagamenti devono essere effettuati in dollari statunitensi.

Kristalina Georgieva, amministratore delegato del Fondo monetario internazionale, ha affermato domenica che l’insolvenza della Russia non è più “altamente improbabile”.

“La Russia ha i soldi per pagare il suo debito, ma non può arrivarci”, ha detto durante un’intervista a Face the Nation della CBS.

La scorsa settimana, l’agenzia di rating Fitch ha declassato il debito russo, affermando che la volontà e la capacità di Mosca di onorare il proprio debito erano state minate e che un default era “imminente”. L’agenzia di rating ha anche avvertito che la Russia potrebbe tentare di rimborsare i creditori in alcuni paesi con i rubli.

READ  Perché gli Stati Uniti hanno rifiutato il piano della Polonia di inviare aerei da combattimento in Ucraina

Gli analisti di Capital Economics hanno affermato che il default si è già riflesso nel prezzo delle obbligazioni in dollari russi, che sono crollate per essere scambiate a soli 20 centesimi per dollaro.

I pagamenti degli interessi di mercoledì hanno un periodo di grazia di 30 giorni. Ma le agenzie di rating del credito potrebbero dichiarare il default della Russia prima della fine di quel periodo se Mosca chiarisse che non ha intenzione di pagare.

L’ultima volta che la Russia è andata in default sul suo debito interno è stato quando il paese è scivolato in una crisi finanziaria a causa del crollo dei prezzi delle materie prime nel 1998. L’ultimo default della valuta estera è arrivato nel 1918, quando il leader bolscevico Vladimir Lenin ha ripudiato le obbligazioni emesse dal governo zarista.

cosa è successo dopo

Il governo russo ha preso in prestito relativamente poco. JPMorgan ha stimato di avere circa $ 40 miliardi di debito in valuta estera alla fine dello scorso anno, di cui circa la metà detenuto da investitori stranieri.

Ma è difficile valutare le potenziali conseguenze dell’inadempienza. La crisi finanziaria globale del 2008 e la pandemia di coronavirus hanno mostrato come gli shock negativi possano diffondersi nel sistema finanziario e nella moderna economia globale interconnessa.

Secondo la Banca dei regolamenti internazionali, le banche internazionali devono più di 121 miliardi di dollari alle entità russe. Le banche europee hanno crediti totali per oltre $ 84 miliardi, con Francia, Italia e Austria le più esposte e le banche statunitensi hanno debiti per $ 14,7 miliardi.

Georgieva ha detto domenica che è improbabile che si sviluppi una crisi finanziaria “in questo momento”, affermando che le esposizioni delle banche occidentali sono “sistematicamente irrilevanti”.

READ  La Cina cerca di unire l'opinione pubblica a sostegno della Russia

Anche se Mosca interrompesse i pagamenti agli investitori stranieri su tutto il suo debito sovrano, nel 2020 un’insolvenza di circa 60 miliardi di dollari, incluso il debito in rubli detenuto all’estero, sarebbe nella stessa situazione dell’Argentina, un evento sfavorevole per i mercati.

Ma gli analisti di Capital Economics hanno avvertito che un importante istituto finanziario potrebbe essere particolarmente vulnerabile al debito russo, il che potrebbe causare un più ampio contagio finanziario. Il secondo rischio è che l’insolvenza possa portare le società russe a non pagare i pagamenti.

Vladimir Potanin è il più ricco uomo d’affari russo La scorsa settimana ha chiesto a Mosca di allentare le restrizioni in valuta estera in modo da poter pagare gli interessi su obbligazioni e prestiti esteri. In caso contrario, c’era il rischio che il paese sarebbe completamente inadempiente sul suo debito estero, che ha stimato in circa 480 miliardi di dollari.

Gli analisti di Capital Economics hanno scritto: “Per la Russia, il costo principale è la sua esclusione dai mercati dei capitali globali, o almeno il costo dei prestiti più elevato per molto tempo. Ma le sanzioni lo hanno fatto comunque”.