Giugno 28, 2022

GolfMag

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La transizione dell’auto elettrica mette a rischio oltre 70.000 posti di lavoro in Italia, affermano sindacati e lobby

MILANO (Reuters) – Il passaggio ai veicoli elettrici metterà a rischio circa 73mila posti di lavoro in Italia, lo hanno affermato giovedì i sindacati metalmeccanici e un gruppo di lobby, chiedendo al governo di avviare discussioni sulle misure a sostegno dell’industria automobilistica.

Gli analisti affermano che il settore automobilistico in Italia potrebbe essere colpito più duramente che altrove a causa delle piccole dimensioni medie delle imprese nel paese e dell’entità degli investimenti necessari per conformarsi al piano climatico “Fit-For-55” dell’Unione Europea che elimina gradualmente i motori a combustione da 2035.

“Questo piano, se non accompagnato da un intervento (governativo), potrebbe portare a una perdita di circa 73.000 posti di lavoro in Italia, di cui 63.000 nel periodo 2025-2030”, hanno affermato il gruppo datoriale Federmeccanica e i sindacati FIM, FIOM e UILM in una rara dichiarazione congiunta.

Hanno detto che la produzione di veicoli in Italia è scesa da oltre 1,8 milioni di unità nel 1997 a 700.000 lo scorso anno, comprese meno di 500.000 auto.

“Dobbiamo tornare a produrre circa 1,5 milioni di unità all’anno”, ha affermato Francesca Re David, responsabile della FIOM.

L’industria automobilistica in Italia impiega direttamente e indirettamente 278.000 lavoratori e rappresenta circa il 6% del prodotto interno lordo del Paese, secondo i dati dell’associazione automobilistica ANFIA.

All’inizio di questa settimana, il ministro dell’Industria Giancarlo Giorgetti ha dichiarato che nelle prossime settimane presenterà proposte di incentivi a sostegno dell’industria automobilistica italiana.

I sindacati stanno anche esortando il governo a raggiungere un accordo definitivo con Stellantis, la più grande casa automobilistica del Paese, per costruire un impianto per la produzione di batterie per fornire la produzione di veicoli elettrificati in Italia.

READ  La notizia che Umberto Riva è morto all'età di 93 anni in Italia

Carlos Tavares, CEO di Stellantis, ha dichiarato che l’anno scorso il gruppo costruirà uno dei suoi stabilimenti europei di batterie a Termoli, nell’Italia centrale, ma un accordo con Roma non è stato ancora firmato.

(Reportage di Giulio Piovaccari; Montaggio di Mark Potter)