Giugno 28, 2022

GolfMag

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le azioni scendono, i prezzi del petrolio salgono mentre i mercati vacillano a causa dell'attacco della Russia all'Ucraina

Le azioni scendono, i prezzi del petrolio salgono mentre i mercati vacillano a causa dell’attacco della Russia all’Ucraina

Il petrolio è balzato a 105 dollari al barile, i futures europei sul gas naturale sono aumentati del 50% e gli indici azionari globali sono scesi giovedì. La Russia ha invaso l’Ucrainaper espandere le turbolenze di mercato dovute ai timori di un attacco su larga scala.

L’impatto sui mercati finanziari e delle materie prime dell’attacco notturno della Russia è stato immediato e ampio, a cominciare dall’Asia, con l’Hang Seng di Hong Kong che ha perso il 3,2%. In Germania, il DAX è in calo di oltre il 4% e il più ampio Stoxx Europe 600 è in calo di circa il 3,5%.

A Wall Street, l’S&P 500 è sceso del 2,5% nelle prime contrattazioni, prima di rimbalzare leggermente quando il panico iniziale sembrava essere in qualche modo attenuato. A metà mattina, l’indice era sceso di circa l’1,5%.

Il prezzo del greggio Brent, il benchmark globale, è sceso dal suo massimo intraday, ma è ancora in aumento di oltre il 6% a circa $ 103 al barile. Il greggio West Texas Intermediate è balzato del 5,5% a oltre $ 97 al barile.

Contratti future sul gas nel primo mese nei Paesi Bassi, uno standard europeo per il gas naturale, È aumentato di circa il 50 per cento a oltre 135 euro per megawattora. La Russia fornisce oltre un terzo del gas dell’UE, parte del quale passa attraverso i gasdotti in Ucraina. Un anno fa, il gas veniva venduto a circa 15 euro per megawattora.

A Mosca, le azioni sono crollate e il rublo è sceso a un minimo storico rispetto al dollaro. L’indice azionario russo MOEX è sceso del 30%. La borsa valori russa ha sospeso brevemente le negoziazioni all’inizio di oggi.

READ  Aggiornamenti in diretta Covid-19: test, autorizzazioni mascherine e novità Omicron

L’umore nei mercati globali è stato ampiamente teso negli ultimi giorni a causa dell’aumento delle tensioni sull’Ucraina. L’invasione, e le conseguenti sanzioni contro la Russia, potrebbero avere ampie implicazioni per le materie prime, inclusi petrolio, gas naturale, grano e minerali. L’Europa è fortemente dipendente dalla Russia per l’energia e parti del Medio Oriente e dell’Africa ricevono la maggior parte del loro grano dalla Russia e dall’Ucraina. Anche se le catene di approvvigionamento rimangono intatte e le esportazioni russe non sono interessate dalle sanzioni, si teme che Putin possa tagliare punitivamente le forniture.

Poche delle esportazioni russe vanno direttamente negli Stati Uniti, ma le turbolenze ovunque potrebbero aumentare i prezzi, prolungando l’inflazione che è già durata più a lungo del previsto. La Fed ha segnalato che si sta preparando ad aumentare i tassi di interesse, con l’obiettivo di rallentare l’inflazione rallentando la spesa e dando all’offerta il tempo di recuperare. Ma anche tassi più elevati smorzeranno la crescita, e farlo mentre i mercati sono già in calo rischia di prolungare la deflazione.

Con il perdurare delle pesanti sanzioni finanziarie contro la Russia, le azioni bancarie sono scese più rapidamente dei mercati in generale. Le azioni delle banche europee con le maggiori operazioni russe sono diminuite: le azioni dell’austriaca Raiffeisen sono scese del 19%, mentre l’italiana UniCredit e la francese Société Générale hanno perso circa l’11% del loro valore.

Negli Stati Uniti, Goldman Sachs, JPMorgan Chase e Citigroup sono tutti in calo di circa il 4% negli scambi iniziali.

READ  Il gas raggiunge i 4 dollari al gallone per la prima volta dal 2008

I prezzi delle compagnie aeree negli Stati Uniti e in Europa sono diminuiti drasticamente. United Airlines e Air France KLM sono in calo di oltre il 7%, mentre IAG, la società madre di British Airways, è in calo di circa il 6,5%.

Le azioni statunitensi sono in calo da settimane, poiché gli investitori sono preoccupati per la rapidità con cui la Federal Reserve aumenterà i tassi di interesse e l’S&P 500 è ora in calo di oltre il 12% quest’anno.

I titoli tecnologici in particolare sono scivolati via dai loro massimi, e mercoledì sera il Nasdaq Composite, ricco di tecnologia, era del 18,8% al di sotto del record di novembre. Giovedì, l’indice è sceso di un altro 0,7%.

Anton TroyanovskyE il Austin Ramsey E il Jason Karian Contribuire alla redazione dei rapporti.