Giugno 28, 2022

GolfMag

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le azioni scendono, i prezzi del petrolio salgono mentre la Russia attacca l'Ucraina

Le azioni scendono, i prezzi del petrolio salgono mentre la Russia attacca l’Ucraina

Un uomo che indossa una maschera protettiva, in mezzo allo scoppio della malattia del coronavirus (COVID-19), cammina attraverso una scheda elettronica che mostra l’indice Nikkei giapponese e i prezzi degli indici del mercato azionario in diversi paesi al di fuori di un intermediario a Tokyo, Giappone, 22 febbraio 2022 REUTERS/Kim Kyung-Hoon

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

  • L’MSCI Asia, Giappone escluso, è sceso di oltre il 3%, il livello più basso da novembre 2020
  • I futures sulle azioni europee puntano a un’apertura al ribasso nettamente
  • L’Ucraina afferma che la Russia ha lanciato un’invasione su larga scala
  • L’oro è il più alto dal 2021, il petrolio sfonda i 100 dollari
  • Voli civili vietati in Ucraina

SHANGHAI (Reuters) – I rendimenti delle azioni globali e delle obbligazioni statunitensi sono scesi giovedì, mentre i prezzi del dollaro, dell’oro e del petrolio sono aumentati drasticamente quando le forze russe hanno lanciato missili contro diverse città ucraine e sbarcato truppe sulla costa meridionale. Per saperne di più

Poco dopo che il presidente Vladimir Putin ha annunciato di aver autorizzato quella che ha definito un’operazione militare speciale, prima dell’alba si sono sentite esplosioni nella capitale ucraina, Kiev, e il governo ucraino ha accusato Mosca di aver lanciato un’invasione su vasta scala. Per saperne di più

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha affermato che gli Stati Uniti e i loro alleati imporranno “gravi sanzioni” alla Russia dopo gli attacchi. Per saperne di più

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Sembra che il crollo delle azioni in Asia continuerà in Europa e negli Stati Uniti, con un forte balzo dei prezzi delle materie prime, che si aggiungerà alle preoccupazioni per l’inflazione e ai rischi per la crescita economica.

READ  Funzionari affermano che il sindaco ucraino rapito è stato liberato in "operazione speciale"

I future tedeschi Euro Stoxx 50 e DAX sono scesi di oltre il 3,5% nelle prime operazioni, mentre i futures FTSE sono scesi del 2%.

S&P 500 e-minis sono scesi del 2,3% e i futures Nasdaq sono scesi del 2,8%, mettendo l’indice statunitense sulla strada giusta per confermare che si trova in un mercato ribassista.

Una chiusura di almeno il 20% dalla chiusura record del 19 novembre di 16.057.437 punti confermerebbe che il Nasdaq era in un mercato ribassista, secondo una definizione ampiamente utilizzata. Quello sarebbe il suo primo mercato ribassista dal 2020, quando l’epidemia di coronavirus ha travolto i mercati finanziari globali.

Giovedì la Borsa di Mosca ha annunciato la sospensione di tutte le negoziazioni. Per saperne di più

In Asia, l’indice MSCI delle azioni dell’Asia Pacifica al di fuori del Giappone (MIAPJ0000PUS.) È sceso di oltre il 3,2% al livello più basso da novembre 2020. Azioni australiane (.AXJO) Perde oltre il 3% e ottime patatine cinesi (.CSI300) perso il 2%.

Nikkei a Tokio (.N225) Era inferiore del 2,1%.

“Il mercato ha sempre cercato di giudicare se la (Russia) si fermerà al Donbass, e sembra chiaro che si stia dirigendo verso Kiev, che è sempre stato uno degli scenari peggiori, perché ora abbiamo una lunga notte per cercare di capire fino a che punto è male, le sanzioni che vengono imposte, perché ora deve esserci un nuovo round di sanzioni contro Putin e il governo russo”.

“Questo è il posto peggiore, o lo scenario ribassista per i mercati, ed è quello che stiamo vedendo. Non ci sono acquirenti qui per correre il rischio e ci sono molti venditori, quindi questo mercato sta subendo un duro colpo”.

READ  Ecco gli yacht russi che vengono sequestrati mentre le sanzioni sono affondate

I mercati degli asset hanno visto un forte aumento della volatilità durante l’aggravarsi della crisi, con l’indice di volatilità Cboe, noto come indicatore della paura di Wall Street, in rialzo di oltre il 55% negli ultimi nove giorni. (.VIX)

I futures sul greggio Brent, che mercoledì hanno oscillato tra alti e bassi bruschi mercoledì, sono balzati di oltre il 3,5% giovedì per superare i 100 dollari al barile per la prima volta da settembre 2014.

Il West Texas Intermediate è balzato del 4,6% a $ 96,22 al barile, il livello più alto da agosto 2014.

Il prezzo spot dell’oro è balzato di oltre l’1,7% al livello più alto dall’inizio di gennaio 2021.

L’intensificarsi delle vendite di azioni è arrivata dopo che le azioni statunitensi hanno già subito il colpo mercoledì, con il Dow Jones Industrial Average (.DJI) È sceso dell’1,38% appena al di sopra del livello che avrebbe confermato la correzione. S&P 500. Indice (.SPX)Che ha confermato la correzione del giorno prima, ha perso l’1,84% a 4225,5.

Gli investitori sono anche alle prese con la prospettiva di un imminente inasprimento della politica da parte della Federal Reserve statunitense volto a combattere l’aumento dell’inflazione, che secondo gli analisti della NAB potrebbe essere esacerbato dallo shock dell’offerta di materie prime.

Mentre le aspettative per un forte aumento di 50 punti base alla riunione della Fed di marzo si sono raffreddate, i futures sui fondi Fed continuano a puntare ad almeno sei aumenti dei tassi quest’anno. FEDWATCH

Nonostante ciò, giovedì le minacce geopolitiche immediate hanno pesato sui rendimenti statunitensi, spingendo il rendimento del benchmark statunitense a 10 anni in forte calo all’1,8681% dalla chiusura degli Stati Uniti dell’1,977% mercoledì. Anche il rendimento a due anni è sceso all’1,5% da una chiusura dell’1,6%.

READ  La Russia potrebbe essere inadempiente sul suo debito entro pochi giorni

La fuga globale verso la sicurezza ha rafforzato il dollaro, che è balzato di oltre lo mezzo percento di un paniere di altri importanti partner commerciali a 96,715.

L’euro è sceso dello 0,8% nella giornata a $ 1,1220.

Il rublo russo è sceso violentemente al ribasso dopo aver registrato piccoli guadagni all’inizio della sessione. L’ultima volta è scesa del 5,77% al di sopra del calo del 3% rispetto al dollaro mercoledì.

Il selloff si è diffuso sui mercati delle criptovalute, spingendo per la prima volta in un mese Bitcoin sotto i 35.000$.

“I mercati ora stanno valutando in modo più appropriato il rischio che accada qualcosa di orribile. Questo, combinato con l’incertezza, è un ambiente orribile in cui vivere. Nessuno vuole correre rischi quando fa trading”, ha affermato Rob Carnell, capo della ricerca Asia Pacifico presso ING. .

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Segnalazione aggiuntiva di Andrew Galbraith a Shanghai; Rapporti aggiuntivi di Kevin Buckland a Tokyo, Sinad Karo e Noel Randewicz a New York, Elon John a Hong Kong e Wayne Cole a Sydney; Montaggio di Shree Navaratnam e Kim Koogill

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.