Dicembre 3, 2022

GolfMag

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le case automobilistiche hanno interrotto la produzione sulla scia dell'invasione russa e anche altre società si stanno spingendo

Le case automobilistiche hanno interrotto la produzione sulla scia dell’invasione russa e anche altre società si stanno spingendo

25 febbraio (Reuters) – Diverse aziende, tra cui la casa automobilistica Volkswagen, lo sono (VOWG_p.DE) Warren (RENA.PA) Nokian Tyres Company per la produzione di pneumatici (PNEUMATICI.HE)Venerdì, ha delineato i piani per chiudere o trasformare le operazioni di produzione dopo l’invasione russa dell’Ucraina.

Dopo l’invasione all’inizio di questa settimana, le forze russe hanno spinto la loro avanzata venerdì mentre i missili hanno colpito Kiev e le autorità hanno affermato che si stavano preparando per un’offensiva volta a rovesciare il governo. Per saperne di più

Giovedì gli Stati Uniti hanno annunciato radicali restrizioni all’esportazione contro la Russia, ostacolando il suo accesso alle esportazioni globali di beni che vanno dall’elettronica commerciale e dai computer ai semiconduttori e alle parti di aeromobili. Ciò può comportare un cambiamento nei piani di produzione o la ricerca di linee di approvvigionamento alternative. Per saperne di più

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

L’invasione è stata un fattore in cui le società di consulenza JD Power e LMC Automotive hanno ridotto le loro vendite globali di auto nuove previste per il 2022 da 400.000 veicoli a 85,8 milioni di unità. L’industria automobilistica stava già affrontando una carenza di automobili a causa della carenza globale di semiconduttori. Per saperne di più

“La già scarsa offerta di automobili e i prezzi elevati in tutto il mondo saranno ulteriormente sotto pressione in base all’intensità e alla durata del conflitto in Ucraina”, ha affermato Jeff Schuster, capo delle previsioni globali dei veicoli presso LMC.

Ha aggiunto: “È probabile che i prezzi più elevati del petrolio e dell’alluminio influenzeranno il desiderio e la capacità dei consumatori di acquistare automobili, anche se l’inventario migliora”. “Abbiamo apportato riduzioni significative delle aspettative per Ucraina e Russia a causa dell’escalation del conflitto tra i due paesi e delle implicazioni associate alle sanzioni contro la Russia”, ha aggiunto.

Il conflitto potrebbe spingere i prezzi del petrolio sopra i 100 dollari al barile, il che aumenterà la pressione inflazionistica sui consumatori europei e americani, ha affermato Colin Langan, analista di Wells Fargo, in una nota di ricerca. Ha affermato che mentre i consumatori erano disposti a pagare un prezzo superiore all’etichetta per le auto nuove, i prezzi del gas persistentemente elevati potrebbero influenzare la ripresa a lungo termine.

READ  I dipendenti Meta dicono addio a vantaggi come la lavanderia in loco

La Volkswagen tedesca ha dichiarato che interromperà la produzione per alcuni giorni in due stabilimenti tedeschi dopo un ritardo nella produzione di componenti in Ucraina. Per saperne di più

La francese Renault ha dichiarato che sospenderà alcune operazioni negli stabilimenti di assemblaggio di automobili in Russia la prossima settimana a causa di colli di bottiglia logistici causati dalla carenza di pezzi di ricambio. Non ha specificato se la sua catena di approvvigionamento sia stata colpita dal conflitto, ma una portavoce ha affermato che la misura è il risultato del rafforzamento del confine tra la Russia e i paesi vicini attraverso il quale le parti vengono trasportate su camion. Per saperne di più

La casa automobilistica è tra le società occidentali con la maggiore esposizione alla Russia, guadagnando l’8% dei suoi guadagni principali, secondo Citibank.

“Le interruzioni sono principalmente causate dall’inasprimento dei controlli alle frontiere nei paesi di transito e dalla necessità forzata di modificare una serie di rotte logistiche esistenti”, ha affermato l’unità russa della compagnia, senza nominare quale paese.

La casa automobilistica russa AvtoVAZ (AVAZ_p.MM)La società controllata da Renault ha anche affermato che potrebbe sospendere alcune linee di assemblaggio in uno stabilimento nella Russia centrale per un giorno, lunedì, a causa della continua carenza globale di componenti elettronici. Anche Avtovaz non ha menzionato l’invasione nella sua dichiarazione. Per saperne di più

Il produttore di pneumatici finlandese Nokian ha affermato che stava spostando la produzione di alcune importanti linee di produzione dalla Russia alla Finlandia e agli Stati Uniti per prepararsi a possibili ulteriori sanzioni dopo l’invasione. Per saperne di più

Gestione del disturbo

Negli ultimi due mesi, il produttore statunitense di componenti per auto ha sostituito parti ad alto volume dall’Ucraina a favore di prodotti di volume inferiore “quindi siamo stati in una posizione migliore per gestire le interruzioni”, ha affermato giovedì il CEO di Aptiv Kevin Clark. Per saperne di più

La giapponese Sumitomo Electric Industries, che impiega circa 6.000 persone in Ucraina per la produzione di cavi, ha affermato di aver sospeso le operazioni nei suoi stabilimenti e sta parlando con i clienti della possibilità di sostituire le forniture da altre parti. Per saperne di più

READ  Le buste paga private statunitensi stanno aumentando fortemente; Gennaio aggiustato nettamente al rialzo

Ford Motor Company (FN) Ha una joint venture al 50% in Ford Sollers, che ha tre stabilimenti di assemblaggio in Russia secondo il sito web di Ford. Ford ha dichiarato in una dichiarazione di essere “profondamente preoccupata” per la situazione e di voler “gestire qualsiasi impatto” sulla sua attività in tempo reale.

La casa automobilistica statunitense ha anche affermato che seguirà tutte le leggi relative alle sanzioni commerciali, ma ha rifiutato di discutere se gli impianti di Sollers siano stati interessati.

Mentre il produttore francese di ricambi auto Valeo (VLOF.PA) Ha affermato che l’impatto diretto sull’azienda è minimo e l’invasione potrebbe ridurre i volumi di produzione del settore e aumentare i prezzi dell’energia o delle materie prime.

Per le case automobilistiche, una delle preoccupazioni della catena di approvvigionamento creata dal conflitto in Ucraina è incentrata sui metalli palladio, platino e rodio utilizzati nei convertitori catalitici per i sistemi di lavaggio dei gas di scarico.

La Russia produce circa il 38% del palladio mondiale, esclusi i materiali riciclati, ha affermato Mark Wakefield, co-presidente della società di consulenza globale AlixPartners specializzata nell’industria automobilistica.

“È difficile pensare a un’azienda automobilistica globale in cui il palladio non provenga dalla Russia”, ha affermato.

Wakefield ha affermato che le case automobilistiche non dovrebbero affrontare un’immediata carenza di palladio, perché ci sono azioni del metallo a Londra. C’è un “viaggio di sei mesi prima che il palladio trovi la sua strada nell’auto”, ha detto.

Wakefield ha affermato che i prezzi dell’alluminio stavano aumentando prima del conflitto in Ucraina. L’interruzione delle forniture di alluminio russe aumenterà la pressione sui costi sulle case automobilistiche.

Nippon Steel, il più grande produttore di acciaio giapponese, ha dichiarato venerdì che si assicurerà dei sostituti per le materie prime che acquista dalla Russia e dall’Ucraina in caso di interruzione dell’approvvigionamento.

Nippon Steel acquista il 14% dei suoi pellet di minerale di ferro, che sono piccoli pellet di polvere di minerale di ferro utilizzati nella produzione di acciaio, da quei paesi. I funzionari hanno affermato che ha spostato le fonti in Brasile e Australia e l’impatto dovrebbe essere minimo.

READ  L'Agenzia internazionale per l'energia propone 10 modi per ridurre la domanda globale di petrolio con l'aumento dei prezzi del gas

Produttore di attrezzature agricole Deere & Co (tana) Venerdì, ha affermato di aver chiuso il suo ufficio in Ucraina nelle ultime settimane per precauzione. Impiega circa 40 persone in Ucraina.

Nel frattempo, la Russia ha affermato che sta parzialmente limitando l’accesso a Meta Platforms Inc (FB.O) Facebook l’ha accusata di “censurare” i media russi. Per saperne di più

Delta Airlines Inc (da nord)Venerdì ha dichiarato di aver sospeso il suo servizio in codeshare con la compagnia aerea russa Aeroflot, che non opera servizi per l’Ucraina o la Russia. (AFLT.MM) Per saperne di più

Ring, la società di sicurezza domestica di Amazon.com Inc, ha affermato di coordinarsi strettamente con i suoi partner Squad in Ucraina “per supportare la sicurezza e il benessere della squadra e delle loro famiglie”. Secondo i dati di LinkedIn, Squad impiega più di 700 persone, alcune delle quali hanno lavorato nel braccio di ricerca di Ring Ukraine fino a un anno fa.

Amazon non ha fatto ulteriori commenti sulla sua presenza in Ucraina o Russia, o su come, se del caso, le misure commerciali statunitensi avrebbero influenzato la sua attività.

Kinross Gold Corporation, con sede a Toronto (K.TO) Ha detto che la sua miniera d’oro sotterranea di Kobol, situata nell’estremo nord-est della Russia, funzionava normalmente. Quasi tutti i dipendenti dell’azienda nel paese sono russi, ha affermato la società, e Kupol ha immagazzinato in loco forniture per un anno, dato che opera in una regione fredda.

Kinross ha aggiunto che sta rivedendo le ultime sanzioni contro la Russia per vedere come potrebbero influenzare le operazioni.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Segnalazione aggiuntiva di Ben Klayman a Detroit; Segnalazione aggiuntiva di Jill Guillaume a Parigi, Tom Sims a Francoforte, Joseph White a Detroit, Ernest Scheider a Houston e Jeffrey Dustin a San Francisco; Montaggio) di Matthew Lewis

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.