Agosto 20, 2022

GolfMag

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L'Europa impone sanzioni alla Russia per la crisi ucraina e coordina la pressione con gli Stati Uniti

L’Europa impone sanzioni alla Russia per la crisi ucraina e coordina la pressione con gli Stati Uniti

Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha affermato che le forze russe in tutta l’Ucraina sono ancora in posizione per un’invasione su larga scala dell’Ucraina senza preavviso, dopo che i rappresentanti della NATO hanno incontrato martedì i funzionari ucraini. “Ogni indicazione è che la Russia continua a pianificare un attacco su larga scala contro l’Ucraina”, ha detto, aggiungendo: “Non è mai troppo tardi per non lanciare un attacco”.

Se Putin invia truppe oltre la linea di comunicazione, “penso che sia il prezzo pieno delle sanzioni europee”, ha detto. Natalie TucciDirettore dell’Istituto per gli Affari Internazionali in Italia. “Ma se si attiene solo ai territori occupati, ci sarà probabilmente un dibattito lungo e divisivo”.

La Tucci ha aggiunto che l’UE non può permettersi di non raggiungere un accordo. Quindi, se Putin non si spinge oltre adesso, è possibile che anche la Polonia e gli Stati baltici, nonostante le loro forti opinioni sulla punizione dura e rapida del Cremlino, accettino una serie parziale di sanzioni, così come l’Ungheria, che è più professionale. – La Russia, ma ha sempre accettato sanzioni contro Mosca, pur lamentandosi.

“L’ironia della situazione è che peggio è per l’Ucraina, più facile è per noi restare uniti”, ha detto la signora Tucci.

“Il pacchetto di sanzioni dell’UE è stato compilato con cura per evitare divisioni”, ha affermato. Emre Baker, il direttore europeo di Eurasia Group, una società di consulenza sui rischi. “Passare rapidamente alla prima serie di misure mirate aiuterà a rafforzare l’unità, aprendo la strada a misure più sostanziali con sanzioni successive”.

READ  Cina Russia: 4 modi in cui la Cina rende silenziosamente la vita più difficile alla Russia

Ciò che il blocco ha concordato finora è una serie parziale di sanzioni, per lo più legate al riconoscimento russo delle enclavi separatiste. Le sanzioni non includono elementi chiave come le società energetiche russe, che ora saranno più controverse tra gli Stati membri con una dipendenza variabile dal gas naturale e dal petrolio russi.

Le sanzioni prendono di mira 27 persone ed entità, comprese organizzazioni politiche, militari, commerciali e finanziarie, nonché “propagandaisti” associati alla decisione di riconoscimento.