Giugno 28, 2022

GolfMag

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’Italia revoca alcune misure Covid, per riaprire ulteriormente

Covid in Italia: quasi l’88% della popolazione italiana di età superiore ai 12 anni è stata vaccinata.

Roma:

Il governo italiano ha deciso mercoledì di allentare diverse restrizioni anti-Covid, anche per le scuole, poiché il premier Mario Draghi ha promesso di “continuare ad avanzare su questa strada di riapertura”.

Tra i cambiamenti annunciati c’era la fine della didattica a distanza per gli studenti delle scuole primarie e secondarie, indipendentemente dal numero di risultati positivi nella loro classe.

Negli asili, le classi ora passeranno all’apprendimento a distanza solo quando cinque o più studenti risultano positivi, rispetto a uno in precedenza.

Secondo una nota del suo ufficio, Draghi ha detto al Consiglio dei ministri che ha adottato le nuove misure che la scuola era “sempre stata una priorità di questo governo”.

Al di là dell’istruzione, “la durata del pass vaccinale per chi ha avuto tre dosi – o due dosi per chi è guarito – diventerà illimitata”, ha aggiunto Draghi.

In precedenza il pass di vaccinazione nazionale era valido solo per sei mesi.

I viaggiatori provenienti da Paesi con regole vaccinali diverse dall’Italia potranno ora utilizzare anche un semplice pass sanitario – in base al quale è sufficiente un test negativo – per accedere a luoghi come hotel e ristoranti dove prima era richiesto un pass vaccinale.

“Nelle prossime settimane, continueremo ad avanzare su questo percorso di riapertura”, ha detto Draghi.

“I dati sulle vaccinazioni sono molto incoraggianti”.

“Vogliamo un’Italia più aperta”, ha detto, aggiungendo che il governo annuncerà un calendario per l’ulteriore revoca delle restrizioni in base all’andamento del virus.

READ  Sei Nazioni Rugby | Splendida Italia vinta dallo sforzo del compianto Podovani

Quasi l’88 per cento della popolazione italiana di età superiore ai 12 anni è stata vaccinata e circa 34 milioni di persone hanno ricevuto una terza dose.

In una riunione del Consiglio dei ministri lunedì, il governo ha esteso le regole che rendono obbligatorio l’uso della maschera all’esterno e chiudendo tutti i locali notturni fino al 10 febbraio.

(Questa storia non è stata modificata dallo staff di NDTV ed è generata automaticamente da un feed sindacato.)