Giugno 27, 2022

GolfMag

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’italiana Eni esce dal gasdotto Russia-Turchia

Milano – Agenzie France-Press

L'italiana Eni esce dal gasdotto Russia-Turchia

La compagnia petrolifera italiana Eni ha annunciato il 1° marzo il ritiro dal gasdotto Blue Stream che collega la Russia con la Turchia, di cui detiene una partecipazione del 50%.

classe = “cf”>

Un portavoce della società ha dichiarato al Blue Stream che “Eni intende vendere le sue azioni” a seguito delle mosse delle rivali Bp e Shell di ritirarsi dai piani di fusione con la Russia dopo che Mosca ha invaso l’Ucraina.

La società controlla il gasdotto che collega i due paesi attraverso il Mar Nero – alla pari con la compagnia energetica russa Gosprom.

Un portavoce ha affermato che “l’attuale presenza di Eni in Russia è molto bassa” e che le joint venture con la compagnia energetica russa Rosneft sono legate a licenze di ricerca nell’Artico, che sono “disabilitate già da diversi anni” a causa delle sanzioni imposte alla Russia da allora 2014.

La Russia ha lanciato un’invasione dell’Ucraina il 24 febbraio, scatenando un’ondata di condanne internazionali e sanzioni occidentali contro Mosca.

Il 28 febbraio, dopo che la Russia ha lanciato l’operazione, Shell ha annunciato che avrebbe venduto la sua partecipazione in tutte le joint venture con Gazprom.
Ha anche una partecipazione del 27,5% in Sakhalin-2, un progetto petrolifero e del gas sull’isola di Sakhalin nell’Estremo Oriente della Russia.
Terminerà il 50 percento dei suoi benefici nello sviluppo del giacimento petrolifero di Salim nella Siberia occidentale e nel progetto di esplorazione di Kidan nella penisola di Kidan nella Siberia nordoccidentale.

febbraio Il 27, BP Rose ha annunciato che avrebbe ritirato la sua partecipazione del 19,75% in Napit e il CEO Bernard Looney ha dichiarato che sarebbe entrato in vigore immediatamente dal consiglio di amministrazione della società russa.

READ  Italia vs Colombia: streaming live, aggiornamenti punteggio (2-0) | 27/11/2021

classe = “cf”>

BP

La società energetica francese TotalEnergies ha annunciato il 1 marzo che non avrebbe fornito capitali per nuovi progetti in Russia, ma non si sarebbe tirata indietro rispetto ai progetti esistenti in cui ha investito.

La Russia sta preparando un decreto presidenziale volto a impedire agli investimenti esteri di lasciare il Paese, ha affermato il suo primo ministro il 1 marzo dopo che Mosca è stata colpita da una raffica di sanzioni.

“È stato redatto un progetto di decreto presidenziale per introdurre restrizioni temporanee all’uscita di beni russi in modo che le imprese possano prendere decisioni informate”, ha affermato il primo ministro Mikhail Mistin.

Italia, Eni,