Gennaio 18, 2022

GolfMag

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Opportunità di sviluppo degli occhi per gli sviluppatori di brezza marina galleggiante in Italia

Descrizione Grazie Hexicon

Inserito il 2 gennaio 2022 23:08

Amministratore marittimo

La startup Floating Sea Wind Hexigon ha lanciato una joint venture con la società di energia rinnovabile Avaba Energy per portare le fondazioni galleggianti a doppia turbina di Hexigon nell’Oceano Italiano.

L’Italia beneficia del finanziamento UE del contratto verde, trasformando Hexicon in un mercato naturale per lo sviluppo dell’acqua di mare. Mentre l’Italia avvia un piano di trasformazione normativa per implementare un impianto eolico costiero, Avaba e Hexicon sono pronte a cercare siti adatti e consentire opportunità.

“Una parte importante del nostro modello di business è entrare rapidamente in mercati nuovi e promettenti e stabilire sia le nostre capacità di sviluppo di progetti che la tecnologia con i partner locali”, ha affermato Marcus Thor, CEO di Hexicon. “Abbiamo trovato un partner perfetto in Avaba Energy e non vediamo l’ora di supportare l’espansione della generazione di energia fossile italiana con AvenHexicon”.

L’acqua di mare galleggiante sarà una componente importante del futuro mix energetico a zero emissioni di carbonio perché la maggior parte delle risorse mondiali di acqua marina si trova in acque molto profonde sotto fondamenta stabili. Le torri galleggianti hanno le loro sfide, inclusa la manutenzione periodica dell’ormeggio e il loro costo iniziale è molto più alto del costo per i progetti stabilizzati verso il basso.

L’approccio di Hexicon all’aria di mare galleggiante è leggermente diverso. La piattaforma è centrata su un unico punto di ormeggio, che consente alla struttura di ruotare in modo orientato al vento. Ha due torri esterne inclinate, raddoppiando il numero di turbine per posto barca. Risparmia sui costi di installazione riducendo la quantità di acciaio in una capacità di megawatt, riducendo il numero di piattaforme di cavi intermedie e riducendo il numero di condotti e installazioni della piattaforma, afferma l’azienda. I siti e le loro torri inclinate sono unici, ma utilizzano turbine commerciali standard.

Attualmente in Italia non sono attivi parchi eolici costieri; La costruzione del suo primo progetto conveniente a Toronto è iniziata a settembre. Tuttavia, c’è un notevole interesse del mercato: a novembre, il ministero italiano per il cambiamento ambientale ha annunciato di aver espresso interesse per lo sviluppo di parchi eolici ad acqua di mare al largo della costa. Le parti interessate includono grandi nomi del settore come Copenhagen Offshore Partners, Eni, Fincondieri, Fred. Come Olsen, RWE, Principle Power, Saipem, Falck Renewables e Vestas.

Alcune di queste manifestazioni sono già in corso. A dicembre, Falk ha annunciato che stava collaborando con Bluefloat Energy in un progetto per installare 90 turbine galleggianti al largo della costa di Less, in Italia. Rispetto a molte proposte galleggianti, il suo progetto è relativamente vicino, con le turbine situate ad almeno sette miglia nautiche sul livello del mare.

READ  I decessi per COVID sono diminuiti in Italia, ma i casi stanno aumentando e vengono sollevati dalle feste calcistiche.