• Facebook
  • Twitter
  • YouTube
  • Instagram

© 2020 golfmag.it Tutti i diritti riservati

Come mai lo swing di Rory McIlroy sprigiona così tanta potenza


Lo swing di Rory McIlroy è sicuramente uno dei più belli sotto l'aspetto visivo ma anche uno dei più potenti. Dopo averlo visto in TV vincere 4 majors ora è possibile imparare attraverso la tecnologia GEARS 3D, in un modo del tutto innovativo.


Proviamo ad analizzare ora lo swing di Rory

Dal address alla massima estensione del suo backswing, Rory ruota i fianchi lontano dall'obiettivo di circa 42 gradi e gira le spalle di circa 116 gradi-due gradi in più rispetto a quello di John Daly, uno dei golfisti più potenti sul TOUR. La differenza di 75 gradi tra la sua spalla e il giro dell'anca crea una quantità enorme di potenza, in altre parole, l'energia potenziale che Rory può scatenare nella palla all'impatto. Questa non è semplicemente teoria o congettura: dall'alto verso l'alto, i fianchi di Rory si distendono più di 100 gradi (in un batter d'occhio, non meno). Più impressionante, le sue spalle vanno da 114 gradi chiusi a

35 gradi aperti verso il bersaglio. Tutto ciò che la velocità di rotazione è ciò che aiuta la sua testa del bastone raggiungere verso l'alto di 122 mph.


Si inclina all'indietro, quindi si solleva

McIlroy utilizza un driver TaylorMade M5 di 9 gradi, ma ciò non significa che sia il loft con cui si posiziona nel set up. Rory posiziona la palla più indietro - appena dentro il tallone sinistro - rispetto alla maggior parte dei professionisti del Tour. Normalmente, questo tende a deludere la faccia al suo indirizzo e a promuovere un angolo di attacco più verso il basso. Non per Rory, che compensa la sua posizione di palla indietro, inclinando il suo corpo in un modo unico.


I numeri di GEARS 3D dicono che: Rory si posiziona con le mani dietro la palla e con la parte superiore del corpo inclinata di 13 gradi rispetto al bersaglio. Durante il downswing, Rory fa scivolare i fianchi in modo aggressivo verso il bersaglio, ma mantiene la testa dietro la palla.

In questo modo il suo corpo si inclina di 13 gradi dall'obiettivo al setup a ben 34 gradi quando raggiunge l'impatto. Il risultato è un potente colpo verso l'alto di 6 gradi.

Secondo GEARS, il movimento verso l'alto consente a McIlroy di contattare la palla di circa 0,1 pollici più in alto sulla faccia del bastone, che impedisce di ottenere del backspin.

"Il modo in cui Rory comprime la palla crea condizioni ideali per un alto volo di palla, a tutto campo", afferma Brian Bazzel, Vice Presidente di Global Product Creation di TaylorMade.


 Quindi una combinazione di tecnica, duro lavoro ed un talento naturale ha portato McIlroy ad essere uno dei migliori col drive nella storia del golf.

Per maggiori informazioni andate su https://www.gearssports.com