• Facebook
  • Twitter
  • YouTube
  • Instagram

© 2020 golfmag.it Tutti i diritti riservati

Giro record in 65 per rose, molinari ottavo



Ottima partenza dell'azzurro, che nel primo giro del terzo Major chiude a 68 (-3) e si trova a sole tre lunghezze della vetta occupata da Justin Rose. Più staccato Woods (-1), dietro Paratore (+4). 


Francesco Molinari non sbaglia la partenza dell'US Open, terzo major 2019 in programma fino al 16 giugno sul percorso del Pebble Beach Golf Links, di Pebble Beach in California (diretta esclusiva Sky Sport Golf). Il campione torinese ha infatti chiuso il primo giro con 68 colpi (-3), che gli consente di entrare nella Top 10 all'ottavo posto, a sole tre lunghezze dalla vetta. E' stato un Molinari in versione 'laser Frankie', come dimostra il solo bogey alla buca 9. Sono però arrivati anche quattro birdie alla 2, 4, 7 e 18 che hanno regalato all'azzurro un ottimo 8° posto al pari di altri big come Stenson e McIlroy.

Si tratta di una ottima notizia perchè Molinari stava soffrendo un calo dall'ultimo giro del Masters di Augusta e non era scontata una partenza così buona per Molinari che ha anche giocato con le condizioni più difficili, avendo giocato nel tardo pomeriggio e con molto vento.

"Il percorso di Pebble Beach mi piace molto, ho fatto qui il mio esordio in un Mjaor nel 2009, sarà una grande sfida nei prossimi giri" ha detto Molinari.

In testa troviamo uno scatenato Justin Rose con 65 (-6), seguito a -5 da un quartetto formato da Fowler, Schauffele, Wise e Oosthuizen. Il campione in carica Brooks Koepka, a caccia di uno storico tris, ha chiuso a -2, mentre l'uomo più atteso, Tiger Woods, è 28° con 70 (-1). La Tigre undici anni dopo l'ultimo trionfo insegue il poker di successi su un percorso che nel 2000 ha visto il campione americano distruggere ogni record in un major. Woods punta anche a raccogliere l’82^ gemma sul PGA Tour per diventare, insieme a Sam Snead, il recordman di successi sul massimo circuito americano. Solo 116° con 75 (+4) l'altro italiano in gara, Renato Paratore, all'esordio in un Major.