• Facebook
  • Twitter
  • YouTube
  • Instagram

© 2020 golfmag.it Tutti i diritti riservati

Il ruggito della Tigre, Woods vince il quinto Masters

Quindicesimo Major in carriera per il fuoriclasse statunitense, che non ne vinceva uno dal 2008 (Us Open): bruciati sul filo di lana Koepka, Schauffele, Johnson e Molinari, in corsa fino all'ultimo.


Un finale da cardiopalma ha portato Tiger Woods ha vincere il suo 15esimo Major e il suo quinto Masters.

Sembra passato un secolo dalla sua ultima vittoria ad Augusta, allora Tiger era il più forte golfista al mondo ed unica superstar del golf ma poi è arrivato lo scandalo con la ex moglie e erano arrivati i primi problemi fisici alla schiena che lo avevano portato due anni fa ad operarsi definitivamente.

Nessuno si poteva aspettare una vittoria del genere, Wood aveva addirittura confessato di non sapere con certezza se il golf avesse fatto parte ancora della sua vita, a stento riusciva a camminare figuriamoci a giocare a golf.


Questa è stata una delle più belle e grandi imprese sportive, a congratularsi con Woods sono arrivati tutti dal presidente Trump alla Williams, regina del tennis e anche al suo eterno rivale Phil Mickelson che si dice felice per la grande vittoria e per tutto il mondo del golf.



A noi italiani però questa vittoria ha lasciato l'amaro in bocca per quanto successo a Molinari che fino all'ultimo ha provato a vincere la sua prima green jacket ma una eccessiva sfortuna e forse la minore esperienza rispetto a Tiger ha portato a due doppi bogey sul finale e così Woods è riuscito a passare in vantaggio ma sorpassato l'ostacolo Molinari ci sono stati quelli di Koepka e Johnson davvero fenomenali che per solo un colpo non sono riusciti a prendere Woods alla vetta.



Per tutti i 4 giorni di gara Woods ha continuato a lottare e ad attaccare nonostante troppi putt mancati e occasioni perse ma un atteggiamento davvero solido e glaciale lo hanno portato a non perdere mai la pazienza e ad avere la giusta lucidità nelle ultime buche della giornata finale e con il birdie della 16 si è messa la fine del Masters con le 40mila persone in festa per il ritorno alla vittoria in un Major del più grande golfista di tutti i tempi, ormai non ci sono più scuse.


Ora Jack Nicklaus che detiene il record di 18 Major è avvisato perchè Tiger Woods cercherà con tutto se stesso di raggiungerlo e ora che è a 15 ci aspettiamo di vedere un Woods all'attacco più che mai.