• Facebook
  • Twitter
  • YouTube
  • Instagram

© 2020 golfmag.it Tutti i diritti riservati

Jason Day ottimista per il Players


IL numero 12 del mondo Jason Day conferma di stare meglio dopo i problemi alla schiena

La scorsa settimana l'australiano Jason Day è stato costretto a ritirarsi dall'Arnold Palmer Invitational per via di un dolore alla schiena. Immediatamente si è fatto controllare e i dottori gli hanno prescritto delle iniezioni di cortisone per cercare di alleviare il dolore e permettergli di giocare con un minor dolore.

Non è la prima volta che Day soffre di problemi alla schiena e in conferenza stampa Jason Day ha svelato che in realtà è un qualcosa che gli provoca sempre fastidio ma che ha iniziato a accentuarsi mentre preparava l'Arnold Palmer Invitational.


L'australiano ha cercato di distrarsi andando a Disneyland con la sua famiglia, cosa che ha fatto storcere il naso a qualcuno e sono arrivate anche delle polemiche in quanto l'atteggiamento di Day sia stato giudicato poco professionale ma Jason Day ha tagliato subito corto dicendo che voleva passare del tempo tranquillo con i suoi figli.


In conferenza stampa si è anche parlato di come Woods abbia giocato diverse volte con dolori alla schiena e sul fatto che abbia già fatto delle iniezioni di cortisone per sentirsi meglio e Day ha rivelato di averci parlato e di avergli chiesto dei consigli ma che spera che l'effetto sia più duraturo possibile per permettergli di giocare.


Jason Day ha vinto il THE PLAYERS nel 2016 e è in ogni caso ottimista di scendere in campo e far vedere a tutti di cosa sia capace di fare.