Collegamenti rapidi

Masters 2020: I 10 giocatori più in forma per la vittoria

Mentre ci dirigiamo verso il Master, diamo uno sguardo ai dieci giocatori più in forma per vincere ad Augusta.



masters Augusta golf

Nonostante il suo rinvio al mese di Novembre, il Master 2020 sarà caratterizzato dal solito campo, l'Augusta National, in Georgia. Alcuni dei partecipanti, tuttavia, arriveranno più in forma che altri.

E sebbene i tornei di golf siano notoriamente difficili da prevedere, il miglior indicatore delle prestazioni future è di solito il rendimento delle ultime gare giocate. Ciò rende questi 10 giocatori, da noi selezionati, i candidati più probabili di indossare la giacca verde alla fine del Masters.


Questa classifica si basa sui 10 eventi del PGA Tour più recenti dal riavvio di giugno.


Noterai che un importante giocatore non è incluso. Bryson DeChambeau è si il campione in carica degli US Open, ma il sui ultimi 10 tornei sono stati poco costanti a livello di prestazioni. Nei suoi ultimi 10 eventi solo due risultati degni di nota: lo US Open e un 8 posto allo Shriners di Las Vegas. Ma lo scienziato pazzo arriva come Numero Uno della FedEx Cup.


10. Hideki Matsuyama:

Il suo secondo posto allo Houston Open è stato il miglior piazzamento di Matsuyama dal riavvio, è il numero 18 del Mondo. Un taglio mancato allo Shriners del mese scorso è stato certamente un inciampo, ma abbastanza raro.


9. Scottie Scheffler:

Scheffler è l'unico debuttante al Masters in questa lista. Sfortunatamente, i suoi ultimi tornei sono stati un pò in chiarsoscuro. Le sue ultime cinque partenze non includono niente di meglio che un17esimo posto allo Zozo. Ha anche mancato il taglio allo Shriners.

Ma le sue performance, quando c'è pressione possano diventare migliori e così può succedere ad Augusta. Nel mese ad agosto, si è classificato quarto al PGA, di nuovo quarto al Northern Trust , 20 ° posto a BMW ed è arrivato quinto al Tour Championship.


8. Webb Simpson:

La vittoria di Simpson all'RBC Heritage di giugno tecnicamente non conta ai fini di questa valutazione poiché è arrivata 11 partenze fa, una oltre il limite. Ma mentre i suoi ultimi 10 tornei non hanno raggiunto quell'apice, sono stati di buon livello.


Un terzo posto al Wyndham, e in sette delle sue ultime 10 gare è arrivato tra i primi 20. Quindi è stato costante. In effetti, Simpson si è ampiamente preparato per Augusta riposando.

I suoi migliori risultati sono un ottavo posto a pari merito agli US Open, 13 ° allo Shriners e 17 ° allo Zozo.

Ciò significa che Simpson si contenderà almeno una delle prime 20 posizioni.


7. Tony Finau:

Un 24 ° posto a Houston potrebbe non sembrare un grande risultato. In 10 partenze dal Memorial, ha quattro top 10 e altri due top 25. Finau si è sempre comportato bene al Masters però ll suo recente curriculum include anche un taglio mancato al Northern Trust e un 65esimo al FedEx St. Jude.


6. Rory McIlroy:


La recente classifica delle prestazioni di McIlroy è molto simile a quella di Simpson. Dal riavvio, ha fatto ogni taglio e il suo record include un ottavo posto sia al Tour Championship che agli US Open. Quello che non ha fatto di recente è mettersi nelle condizioni di vincere davvero.

La sua ultima vittoria è arrivata quasi esattamente un anno fa ai WGC-HSBC Champions. Dalla sua prestazione all'Open - una dozzina di colpi dietro DeChambeau, per la cronaca - anche lui ha fatto solo due partenze. Ha fatto un 21 ° posto alla CJ Cup e un 17 ° allo Zozo. Una vittoria Masters è significherebbe per lui entrare nella storia.

Ovviamente ha la capacità di vincere, stiamo parlando di uno dei 3 giocatori più forti degli ultimi 15 anni ma ; ha la forma attuale per farlo ?


5. Patrick Reed:

Il campione del Masters 2018 è stato una forza costante sin dal riavvio. Ma gli manca una grande prestazione, il suo miglior risultato è arrivato al Tour Championship quando ha pareggiato con McIlroy per l'ottavo posto e un nono posto al Wyndham.


Il piano di gioco di Reed prevedeva di restare ai margini della contesa e poi sperare per il meglio. Dal riavvio, quell'approccio gli ha portato sette piazzamenti tra i primi 20. Tuttavia, non è ancora arrivata una prestazione degna di nota. Va anche detto che a parte il 2018, non ha mai fatto particolarmente bene ad Augusta, la sua altra migliore prestazione è stato un 22 ° nel 2015. Ma sicuramente arriverà con grandi motivazioni.


4. Jon Rahm:

È molto probabile che il Masters se lo giochino in 4 giocatori, Rahm è uno di loro.

Dopo il riavvio, ha vinto due volte, al Memorial e al BMW, con un lungo putt spettacolare per battere Dustin Johnson. Al Tour Championship, Rahm è arrivato quarto.


Si è piazzato al 23 ° agli US Open , 17 ° posto alla CJ Cup e 28 ° allo Zozo.

Rahm ovviamente ha il gioco per contendersi il titolo; quello che deve fare è ritrovare la forma che ha mostrato durante l'estate.


3. Justin Thomas:

Vincitore del FedEx St. Jude a luglio, Thomas è stato tra i giocatori più costanti del Tour sin dal riavvio.

A parte quella vittoria, i suoi 10 eventi più recenti includono un secondo posto al Workday, Tour Championship e allo Zozo. Thomas, in altre parole, è in formissima.


Questo slancio, combinato con il suo straordinario talento, fa di Thomas una delle migliori scommesse per scendere per domenica nella contesa per il titolo.


Questa prospettiva è rafforzata dalla sua costanza. Thomas non è finito fuori dalla top 50 in nessun torneo dal Workday. Sebbene non abbia ancora gareggiato ad Augusta, è costantemente migliorato lì, finendo T-39, T-22, T-17 e T-12 nelle sue quattro ultime partenze.


2. Dustin Johnson:

Johnson è salito al Numero 1 del mondo grazie a un'estate dominante. È arrivato secondo dietro a Collin Morikawa al PGA, ha vinto il Northern Trust, è arrivato secondo dietro Rahm al BMW, ha vinto il Tour Championship ed è arrivato sesto agli US Open.

In precedenza aveva vinto il Travelers Championship a luglio.


Ha anche un secondo posto allo Houston Open, dove è tornato dopo la positività al Covid.

Questa volta potrebbe essere la volta buona per DJ per vincere il Masters.


1. Xander Schauffele: Come Thomas, Schauffele sta arrivando in forma.

Le sue 4 prestazioni più recenti includono un secondo posto al Tour Championship, un quinto allo US Open, un secondo alla CJ Cup e un pareggio per il 17 ° allo Zozo.


Schauffele non vince. dal Tournament of Champions di gennaio 2019 alle Hawaii. Ma è stato straordinariamente costante, con 11 prestazioni consecutive nella Top 25. Vale anche la pena tenere presente che si è sempre adattato bene ad Augusta, incluso un secondo posto dietro a Tiger Woods nel 2019.

In più gli piace giocare i Major perchè Schauffele ha fatto sette top 10 dal 2017, quinto agli US Open di quest'anno e decimo al PGA: sicuramente una scelta solida per essere uno dei top questa settimana.