Sergio Garcia torna alla vittoria


Stavolta Sergio Garcia non sbaglia e torna alla vittoria sul PGA Tour. A Jackson (Mississippi) lo spagnolo vince in volata il Sanderson Farms Championship dopo tre anni di digiuno in terra americana (ossia dalla storica affermazione al Masters 2017). Lo spagnolo rientra così nella top 50, dopo esservi uscito nei giorni scorsi per la prima volta dal 2011: oggi è 38esimo.


“Questa è una vittoria speciale che arriva a conclusione di una settimana perfetta. Voglio dedicarla ai miei zii, Paco e Angel, morti durante la pandemia. Non ho vissuto un periodo entusiasmante sotto il profilo dei risultati. Uscire prima dalla Top 20 e poi dalla Top 50, non è stato bello. Ma questo è il golf. Ci sono ragazzi che giocano bene e con cui devi fare i conti. Dimostrare di essere ancora in grado di batterli è qualcosa che mi conforta” ha detto Garcia a fine gara.

Un trionfo anche per i genitori che causa coronavirus non hanno potuto conoscere il nipote Enzo, nato ad aprile in pieno lockdown. “Lo hanno potuto vedere – ha spiegato Garcia (che vive negli Stati Uniti, ndr) con rammarico – solo su FaceTime. Speriamo tutti di poter tornare presto in Spagna per farglielo conoscere”.


Una rimonta netta


El Nino ha chiuso il primo giro in 17esima posizione salvo poi chiudere al settimo posto il secondo round. Nel terzo l’accelerata decisiva e il primato condiviso con altri due giocatori. Nell’ultima giornata con un parziale di 67 (-5) su un totale di 269 (-19), Sergio Garcia è riuscito a contenere il grande recupero dell’americano Peter Malnati, risalito dalla 14/a alla 2/a posizione (270, -18) ed entrato in clubhouse in anticipo e con due colpi di vantaggio sull’iberico. Garcia, nel finale, ha innescato il turbo realizzando prima un eagle e piazzando poi la zampata decisiva con un birdie alla 18esima buca di giornata che gli ha permesso di trionfare.



Il palmares di Sergio Garcia

Per il 40enne di Borriol si tratta dell’undicesima vittoria (su 368 partenze) sul PGA Tour. Il successo ha fruttato a Garcia un assegno di 1.188.000 dollari a fronte di un montepremi di 6.600.000.