Wolff al comando dopo il terzo giro ma sarà battaglia fino alla fine

Matthew Wolff ha ottenuto un brillante round in 65 per prendere un vantaggio di due colpi nel round finale dello US Open 2020, ma sarà molto lunga per Wolff.


Il 21enne giocherà solo il suo secondo Major questa settimana, ma nella terza giornata sembrava molto a suo agio.

Wolff si era ben comportato anche il mese scorso a San Francisco quando si era assicurato una top 5 al PGA Championship.

"È il golf, può succedere di tutto, specialmente in un campo come questo", ha detto.
"So che se rimango calmo e non lascio che le mie emozioni abbiano la meglio su di me, potrei avere davvero buone possibilità.

Un trionfo di domenica lo renderebbe il più giovane vincitore Major dai tempi di Tiger Woods al Masters Tournament nel 1997, e sarebbe il quarto Major consecutivo ad avere un neo vincitore.


I cinque sotto totali dell'americano gli hanno assicurato un vantaggio di due colpi sul connazionale Bryson DeChambeau e Louis Oosthuizen l'unico altro giocatore sotto il par.


I favoriti di casa Harris English e Xander Schauffele sono rimasti pari al Par insieme al giapponese Hideki Matsuyama e al quattro volte vincitore Major Rory McIlroy .


Mentre grande delusione per Patrick "Capitan America" Reed che è scivolato in undicesima posizione.



DeChambeau è emerso come sfidante principale per Wolff. Il vincitore dell'Omega Dubai Desert Classic del 2019 aveva fatto una partenza da bogey-bogey ma ha realizzato 3 birdie alla 7, 16, e 17 prima di fare bogey all'ultima.

Nella giornata di Domenica sarà una battaglia e forse vincerà chi sbaglierà meno, dato che il percorso del Winged Foot Golf Club non sembra perdonare molto.


Attenzione quindi ai giocatori che vengono da dietro come Mcilroy e Zach Johnson, già vincitori di Major e con poco da perdere.