Riaprono le scuole italiane: il primo ministro italiano afferma che la riapertura delle scuole è la “priorità” del Paese

ROMA: La priorità assoluta dell’Italia è riaprire le scuole a seguito dell’epidemia Covit-19, mentre il presidente del Consiglio Mario Draghi si è detto favorevole alla decisione di rendere obbligatoria la vaccinazione per gli ultracinquantenni.

È probabile che la variazione di Omicron porti a un aumento della pratica dell’apprendimento a distanza nelle prossime settimane, ma l'”uso diffuso dell’istruzione a distanza” dovrebbe essere evitato, ha detto Draghi in una conferenza stampa congiunta con i ministri della salute e dell’istruzione.

Congratulazioni!

Hai votato con successo

Secondo le attuali regole antiepidemiche, quando un certo numero di studenti risulta positivo, un’aula dovrebbe essere messa interamente in modalità didattica a distanza, riporta l’agenzia di stampa Xinhua. “Non ha senso lasciare aperte altre attività e chiudere le scuole, e non abbiamo motivo di imporre chiusure pubbliche”, ha spiegato.

Ha sottolineato che i giovani sono stati fortemente colpiti dalla chiusura di scuole e università nel Paese dall’inizio dell’epidemia.

Il ministro dell’Istruzione Patricio Bianchi ha affermato che circa il 6% degli insegnanti e il 4,5% degli studenti non hanno riaperto le scuole a causa di un test positivo al Covit-19.

Tra le tensioni tra i funzionari federali e regionali sull’opportunità di consentire la riapertura delle scuole dopo le vacanze di Natale e Capodanno, Draghi ha deciso di spiegare l’ultima serie di restrizioni.

Un altro punto di attrito è la decisione di rendere obbligatorie le vaccinazioni per le persone di età pari o superiore a 50 anni. L’Italia è stato uno dei pochi paesi in Europa a farlo e la mossa è stata controversa perché la vaccinazione è obbligatoria solo per alcuni gruppi di lavoro nel paese.

READ  40 La migliore bottarga di muggine del 2022 - Non acquistare una bottarga di muggine finché non leggi QUESTO!

Drake ha affermato che la regola è stata introdotta “sulla base di nuovi dati epidemiologici”, che hanno mostrato un aumento delle infezioni da Govt-19, ma una minore gravità nei nuovi casi.

Ha sottolineato che l’attuale pressione sull’Organizzazione nazionale della sanità dovrebbe essere in gran parte dovuta a coloro che non sono vaccinati.

I non vaccinati ora costituiscono i due terzi di tutti i pazienti Covit-19 in terapia intensiva, ha detto il ministro della Salute Roberto Speranza.

Secondo i dati ufficiali, oltre l’86% della popolazione di età superiore ai 12 anni è stata completamente vaccinata e il 59% ha ricevuto un’iniezione di richiamo.

Le recenti norme hanno inasprito la vita quotidiana delle persone anti-Vox a cui è stato vietato l’accesso a ristoranti, bar, uffici pubblici e trasporti pubblici.

Lunedì, l’Italia ha registrato oltre 101.000 nuovi casi rispetto al giorno precedente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto