Giugno 28, 2022

GolfMag

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un funzionario ha affermato che hacker volontari e specialisti IT sono entrati nella guerra dell'informazione in difesa dell'Ucraina

Un funzionario ha affermato che hacker volontari e specialisti IT sono entrati nella guerra dell’informazione in difesa dell’Ucraina

Un alto funzionario della sicurezza informatica del governo ucraino ha confermato venerdì che migliaia di hacker volontari e professionisti IT in tutto il mondo stanno aiutando a difendere l’Ucraina, e alcuni lo stanno facendo prendendo di mira le organizzazioni russe con attacchi informatici.

I media russi, che “mentono costantemente ai propri cittadini” e le organizzazioni finanziarie e i trasporti che supportano lo sforzo bellico, sono tra i potenziali bersagli degli attacchi digitali del cosiddetto “esercito informatico” dell’Ucraina, secondo Viktor Zora, un funzionario della sicurezza informatica dell’Ucraina agenzia incaricata di proteggere le reti governative. .

L ‘”Esercito IT” è un gruppo sciolto di cittadini ucraini e stranieri che non fanno parte del governo ucraino, ma sono incoraggiati da Kiev. È un esempio di come il governo ucraino abbia fatto tutto il possibile per cercare di rallentare l’offensiva militare russa e mostra come gli attacchi informatici abbiano svolto un ruolo di supporto nella guerra.

L’obiettivo dell ‘”Esercito IT” dell’Ucraina è “fare tutto il possibile … [the] “L’attaccante si sente a disagio con le sue azioni nel cyberspazio e sul suolo ucraino”, ha detto Zora ai giornalisti in una videoconferenza venerdì.

Hacker di ogni genere – dai bielorussi contro la guerra agli hacker russi autodefiniti – sono entrati nella guerra dell’informazione e affermano di aver violato i loro oppositori.

Il sito web del media statale russo TASS è stato violato lunedì e ha mostrato brevemente un messaggio che si riferiva alle vittime russe della guerra in Ucraina e denunciava il presidente russo Vladimir Putin. Sebbene non fosse chiaro chi fosse l’esempio responsabile dell’hacking, sul sito web di TASS è apparso il logo del collettivo di hacker Anonymous.

READ  Il vicepresidente venezuelano incontra il "buon amico" russo Lavrov

Più sfondo: Sabato scorso, in un appello per hacker volontari, il ministro della Trasformazione digitale ucraino Mykhailo Fedorov ha twittato un collegamento a un elenco di potenziali obiettivi che includevano le principali società energetiche e finanziarie russe.

Ha affermato falsamente che qualsiasi hacking da parte dell ‘”esercito IT” era di natura difensiva e che il governo ucraino non era responsabile degli attacchi informatici effettuati da volontari contro organizzazioni russe.

Zura ha affermato che i funzionari ucraini della sicurezza informatica stanno continuando il loro lavoro per proteggere le reti governative nonostante i bombardamenti russi delle principali città ucraine.

“Non abbiamo paura” di qualsiasi escalation nel cyberspazio dalla Russia, ha detto Zora.

“Abbiamo più paura dei missili che prendono di mira scuole, ospedali e quartieri residenziali ucraini”, ha aggiunto.