Ottobre 26, 2021

GolfMag

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Benvenuti nel borgo italiano che offre vacanze gratuite per promuovere il turismo sostenibile

d.Situato tra l’oceano cristallino, le montagne sullo sfondo e gli Appennini della costa adriatica, il Molise è la seconda area più piccola d’Italia ed è uno scrigno di bellezze naturali e artistiche. Centinaia di villaggi medievali si estendono sulle lussureggianti colline verdi della regione e i loro edifici tradizionali sono costruiti in pietra su un terreno quasi incontaminato dall’industrializzazione.

Uno di questi mille borghi antichi è San Giovanni in Calto. Come molti insediamenti molisani, ha conosciuto negli anni la migrazione dei suoi cittadini, emigrati nelle zone più ricche d’Italia o fuggiti all’estero. Ora, solo 553 persone vivono tra gli stretti vicoli congestionati del villaggio.

“Solo negli Stati Uniti ci sono 2.500 Sangiovannari”, dice Stefano Trotta, presidente dell’Associazione Culturale. Amici di Moroto, nata nel 2013 per favorire il recupero e il rilancio del borgo antico. Il nome Moroto è una versione colloquiale di “Muro Roto”, che significa “muro rotto”, nel senso che il terremoto ha distrutto le mura dell’insediamento in precedenza.

Nel periodo pre-epidemia, l’associazione si è organizzata per riunire il gruppo “Sangiovannari” che si era reinsediato in Nord America per accoglierlo nuovamente alle proprie radici. Alcuni dei loro nonni si stabilirono durante la prima guerra mondiale e non tornarono mai più. A gennaio, quando il villaggio si preparava a riaccogliere i suoi 70 stranieri, è scoppiata l’epidemia.

Amici del Moroto ha rimandato la reunion, ma ne ha creata una nuova per l’estate. «Ci ​​siamo guardati: ‘Perché non dovremmo curare le famiglie?’», racconta Stefano, che l’hanno costruito nell’ambito di un ampio progetto denominato ‘Piccolo, Locale, Slow Tourism’ che è al centro del progetto, che mira creare una rete di ospitalità aprendo case abbandonate nei borghi storici della regione.

READ  'Il calcio è come il cibo': le calciatrici afgane trovano casa in Italia

(Amici di Moroto)

Amici del Moroto ne è diventato membro ufficiale Rete per l’occupazione rurale, Un progetto sviluppato dalla raccolta fondi spagnola Santa Maria la Real, che integra organizzazioni europee che si occupano di disoccupazione ed esclusione sociale nelle aree rurali. “Il nostro piano può essere replicato in altre campagne europee, salvarli dalla morte e aiutarli a crescere”, dice Stefano.

Quando ha lanciato il suo programma di vacanze gratuite, San Giovanni in Caldwell è stato, sorprendentemente, travolto da oltre 9.000 richieste da tutto il mondo. Hanno selezionato 240 persone, espellendo quelle motivate dal desiderio di viaggi più lenti, interazione umana e sostenibilità. Quando le restrizioni sono state allentate in estate, sono arrivati ​​i turisti e hanno iniziato a sviluppare il villaggio.

Ora San Giovanni in Calto ha lanciato una nuova sfida e aprirà le sue porte ai visitatori, naturalmente gratuitamente, tutto l’anno. “Ci piace dedicare alcuni fine settimana al territorio e invitare le persone a raccogliere olive e uva per produrre olio e vino”, afferma Stefano.


Molte persone hanno scelto il Molise come luogo insolito per uscire dallo shock della serrata

Ad accogliere gratuitamente i visitatori le stanze di un locale palazzo di villeggiatura, un tempo appartenuto al cardinale Vincenzo Maria Orsini, divenuto poi papa Benedetto XIII nel 1724. All’ingresso, lo stemma cardinalizio ricorda il passato del paese, ma i tesori archeologici di San Giovanni in Caldo sono ancora radicati nella storia. Fuori dal paese si trovano i resti di un tempio sannitico del II secolo aC.

“Molte persone hanno scelto il Molise come luogo straordinario per uscire dallo shock della serrata”, racconta Stefano. “Altri volevano riscoprire le proprie radici”. Alcune coppie liguri, romane e Les hanno chiesto di trasferirsi definitivamente a San Giovanni in Caldwell, conquistata dal lento stile di vita del paese.

Dovrebbe consentire ai turisti di stabilire un forte legame con la natura, gustare i veri prodotti locali e godere dell’ospitalità degli abitanti del villaggio. I visitatori sono stati invitati a cena nelle case locali e il bar locale ha servito loro colazioni e caffè gratuiti. Come incentivo per lo sviluppo sostenibile dell’intera regione, Mollis in Regalti ha promosso una collaborazione con gli agricoltori locali.

San Giovanni nel centro di Caldo

(Amici di Moroto)

“Una volta alla settimana chiedevamo ai turisti di stare con noi in paese”, racconta Stefano. “Abbiamo mostrato loro le nostre tradizioni, li abbiamo accolti con il gruppo folk, e poi la sera ci siamo ritrovati a cena e abbiamo mangiato i prodotti della regione”.

Una delizia per il palato molisano: serve formaggi, generi alimentari, olio d’oliva raccolto localmente e vini. ‘Dindilia’ è la varietà distintiva del mollusco a bacca rossa.

Solo i prodotti locali sono ammessi nel programma di U Vetere du Merrutte, un ristorante gestito dalla piccola famiglia locale del villaggio. Lucia Sasani è una chef, e il suo marchio di fabbrica Pizza e zuppa, Un piatto a base di erbe selvatiche e varietà locali di grano, Agostinello di grano. Lucia ha bandito i prodotti surgelati dalla sua cucina; Tutto proviene dalla zona, e le verdure sono spesso raccolte direttamente da lei o da altri produttori locali. L’atmosfera di una casa è governata dal tetto in pietra proibita del suo ristorante, e intorno al buon cibo si instaurano buoni rapporti.

Da Lucia Sasani . è stato servito il piatto della tradizione “Pizza e Minestra”

(Lucia Sasani)

Nell’ambito di questo progetto i turisti hanno instaurato un profondo rapporto con Lucia e suo marito. “Ci hanno chiamato nei prossimi mesi per chiedere come stavamo”, ha detto. “Erano nei nostri cuori. Siamo rimasti con loro”.

Mentre il vaccino avanza e il mondo si apre, l’esclusiva ospitalità gratuita di Caldo e il turismo lento e locale a San Giovanni, hanno solo bisogno del turismo locale per renderli più facili durante le vacanze.

Scopri di più sul progetto su morrutto.com