Ottobre 22, 2021

GolfMag

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il Family Office di New York acquisisce una quota di proprietà dell’Ascoli Calcio, squadra di Serie B

L’Ascoli Calcio, squadra italiana di Serie B, ha aggiunto il suo nome all’elenco dei club italiani di proprietà del Nord America, acquisito da North Sixth Group, LLC, una holding di family office con sede a New York. 31% di partecipazione nel club La settimana scorsa.

Matt Rissetta, presidente di North Sixth Group, ha rivelato alcuni dettagli sulla nuova partnership con l’azionista di maggioranza dell’Ascoli Calcio Massimo Bullcinelli dal 2018 attraverso l’amministratore delegato di Friunwest Italia SRL e l’amministratore delegato di Brigofer Group Spa, una delle più grandi catene di vendita al dettaglio italiane. -I tuoi e articoli per la casa.

L’accordo tra North Sixth Group e Ascoli Calcio conferma il crescente interesse degli investitori americani per il mercato calcistico italiano registrato negli ultimi anni.

Ascoli Calcio-Accordo Sesto Gruppo Nord

“L’acquisto dell’Ascoli ha un valore di circa 20 milioni di dollari (23,7 milioni di dollari) e il club paga un premio in più se promosso in serie A”, mi ha detto Ricetta.

L’operazione conferisce a North Sixth Group una quota di minoranza del 31% dell’Ascoli Calcio e due seggi nel consiglio di amministrazione del club. Tuttavia, la percentuale di azioni è destinata ad aumentare sensibilmente al termine della stagione di Serie B 2021-22.

“Abbiamo acquistato il 31% iniziale fino al 51% dell’opzione e possiamo ritirarlo entro la fine della stagione”, continua Ricetta.

Rissetta spiega che la sua priorità è sempre stata quella di lavorare a stretto contatto con la famiglia Bullcinelli, indipendentemente dalle dimensioni del titolo, per la quale hanno espresso grande apprezzamento per il modo in cui hanno gestito gli affari al club e al Bricofer.

“Ho molto rispetto per Massimo [Pulcinelli] E la sua famiglia ha creato un impero da 500 500 milioni nel commercio al dettaglio”, afferma Rissetta.

Ricetta ha aggiunto che alcuni altri investitori statunitensi si sono uniti al Northern Sixth Group nel sostenere il progetto Ascoli Calcio. È il defensive end della NFL Tampa Bay Buccaneers e il vincitore del Super Bowl LV Ndamukong Suh, ex Vince Saduski, CEO di Univision Communications, KM Sports Ventures, una società di investimento con sede a Wavemaker Partners e Los Angeles, una società di capitali di rischio.

Il marchio Ascoli cresce fuori dall’Italia

Ascoli è basato sul Calcio Zona di marzo Nel Medio Oriente della penisola italiana è un club con 120 anni di storia del calcio italiano. Per la squadra North Sixth, la tradizione e il glorioso passato di Askoli rappresentano una storia unica da raccontare a tanti appassionati di sport in tutto il mondo.

“Vogliamo preservare il patrimonio di Ascoli e gli appassionati del mercato internazionale non conosceranno mai la bellezza, il patrimonio e il patrimonio di Ascoli”, afferma Ricetta.

Il suo desiderio di raggiungere un pubblico calcistico globale è evidente nel consistente piano di investimenti di North Sixth Group per sviluppare il marchio Ascoli Calcio negli Stati Uniti.

“Stiamo investendo ingenti dollari nel mercato nordamericano, con oltre 3 milioni di dollari tra risorse e contenuti delle nostre imprese familiari NSG, marketing e importanti iniziative di sviluppo come l’Ascoli Club NYC e un’accademia giovanile in futuro”.

La decisione del Gruppo Sesto Nord di investire nell’Ascoli Calcio è frutto di una lunga ricerca. Rissetta concorda sul fatto che vorrebbe unirsi a qualcuno che condivide una visione simile per la globalizzazione del club di calcio sviluppando una strategia internazionale che potrebbe aprire nuovi flussi di entrate al di fuori dell’Italia.

In questo senso, Ricetta è grata alla famiglia Bullcinelli per aver costruito una solida base finanziaria nell’Ascoli Calcio, in quanto consente al North Sixth Group e ad altri investitori statunitensi di far crescere il proprio club piuttosto che aumentare gradualmente il proprio potere.

“Era davvero unico e attraente per noi perché ci consente di aprire nuovi mercati senza dover ricreare nuove capacità, nuove reti e infrastrutture”, spiega Ricetta.

In un momento in cui gli investimenti statunitensi nel panorama calcistico italiano sono in aumento, Ascoli Calcio ritiene che la combinazione vincente di pacchetti efficienti sotto la sua gestione dovrebbe avere successo quando si opera in modo innovativo nel mercato internazionale.

Al centro della partnership tra il Gruppo Sesta Nord e la famiglia Bullcinelli, continua Ricetta, c’è l’interesse e la visione condivisa per il futuro dell’Ascoli Calcio, che sperano possa riunire le sue gloriose giornate di Serie A.

Investimenti nordamericani nel calcio italiano

Dei tre campionati di calcio professionistico in Italia, il numero di club con un interesse significativo da parte dei proprietari nordamericani è passato da zero a 10 in un decennio, con un investitore canadese e i restanti nove dagli Stati Uniti.

Sei di questi 10 club nordamericani stanno attualmente gareggiando in Serie A.AC Milan, Bologna, Fiorentina, Roma, Specia e Venezia), due Serie B (Ascoli Calcio e Birmania) e due Serie C (Catania e Combopaso, di cui North Sixth Group è il primo proprietario dallo scorso dicembre).

“Credo che ci sia una visione più ampia del calcio italiano negli Stati Uniti”, ha detto Bullcinelli quando gli è stato chiesto del panorama mutevole dei campionati di calcio professionistici italiani. “Gli investimenti che fanno loro (investitori nordamericani) hanno un grande potenziale e valore perché saranno valutati in futuro. Ovviamente bisogna sempre portare a casa la decisione!”

Secondo l’ultimo rapporto di Gazzetta dello SportIl presidente del Genoa Enrico Prescio sta per venderlo Grifone A 777 partner, una società di investimento privata con sede a Miami. Sale così a sette il numero dei club di Serie A di proprietà nordamericana, che rappresentano un terzo delle squadre che gareggiano nel calcio italiano.

READ  Partner con l'operatore italiano Toscana Aeroporty Online Parking Aggregator