Ottobre 26, 2021

GolfMag

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il leader italiano esplode con Jacobs sospetti di doping

Giovanni Malago, capo del Comitato Olimpico Italiano (Coni), ha affermato che i sospetti doping rivolti al campione olimpico italiano dei 100 metri Lamont Marcel Jacobs erano imbarazzanti e indesiderabili.

Jacobs ha vinto l’oro colossale domenica, stabilendo un tempo record europeo di 9,80 secondi nella finale showcase a Tokyo, anche se non è andato in 10 secondi fino a quest’anno.

Tuttavia, il 26enne vincitore inaspettato ha scritto che il Washington Post “mette in dubbio l’improvviso ed enorme progresso della storia dell’atletica leggera”, che è un riferimento a precedenti casi di doping.

“Jacobs merita il beneficio del dubbio, ma questo non si applica al suo gioco”, ha aggiunto l’articolo.

Il Times ha scritto che la storia oscura dell’atletismo con il doping era “sospetto dell’arrivo di una nuova stella”.

Ma Malago non ha espresso alcun suggerimento di commettere un errore.

“I commenti di alcuni tuoi colleghi sono molto tristi e imbarazzanti sotto ogni punto di vista”, ha detto Malako Roy a Radio 1.

“Stiamo parlando di atleti che, in questo caso, sono sottoposti a test antidoping sistematici e quotidiani.

“Quando stabilisci un record nazionale o continentale, quel numero raddoppia, quindi ha detto che il numero di assegni è stato impressionante.

“È davvero spiacevole. Mostra come alcune persone non possono accettare il fallimento”.

Jacobs è stato uno dei tanti atleti di punta che ha indossato il nuovo Running Spike con suole in carbonio che “miglioravano le prestazioni” mentre vincevano l’oro.

Gli atleti di Tokyo hanno elogiato la pista veloce, che ha stabilito record mondiali, continentali e nazionali dallo sprint alla media distanza.

READ  Sassuolo Inter Target potrebbe sostituire Giacomo Rapadori con Lorenzo Luca del Pisa, media italiani