Dicembre 8, 2021

GolfMag

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il Padiglione Expo ecosostenibile in Italia è stato creato utilizzando bucce d’arancia e fondi di caffè

Tre barche a grandezza naturale, compatibili con l’oceano, con i loro tetti e sfaccettature realizzate con corde marine di plastica riciclata, hanno un design riutilizzabile per il padiglione italiano all’Expo 2020 di Dubai.

Desiderato per una sistemazione eccellente nel sito Expo – con aree tematiche “seamless” e “sostenibilità” e viste frontali e laterali senza soluzione di continuità – il padiglione ha attirato un quinto del pubblico complessivo all’evento durante le settimane di apertura. Molto successo.

“La più grande ispirazione alla base del nostro design è l’economia circolare”, afferma l’architetto Italo Rotta, riferendosi all’idea di riciclaggio, riparazione e riutilizzo piuttosto che semplicemente smaltimento dei rifiuti.

Uno dei progettisti del Padiglione Rota, ha lavorato molto a Parigi, dove ha brillato sulle rive della Cattedrale di Notre Dame e della Senna. “Le corde del mare ne sono un esempio (economia circolare): sono state prodotte riciclando 2 milioni di bottiglie di plastica e, se combinate, raggiungerebbero una lunghezza di 70 chilometri (43 miglia). Riciclate dopo l’Expo”.

Ridurre la quantità di rifiuti al termine dell’evento è stata una priorità anche per il co-designer Carlo Rudd, architetto e ingegnere che insegna al Massachusetts Institute of Technology. “Una cosa che non mi piace degli eventi temporanei – come varie mostre internazionali o le Olimpiadi – è che dopo poche settimane o mesi una grande quantità di rifiuti finisce per terra. Per questo abbiamo voluto il padiglione Italia. Riutilizzabile, riutilizzabile o riutilizzabile.”

READ  L'Italia 'Shoshine' lancia l'accademia di genere cinematografico straniero - The Hollywood Reporter

Rota e Rutty hanno entrambe precedenti esperienze all’Expo Mondiale e hanno lavorato ai progetti per l’ultima edizione, che si è svolta a Milano nel 2015. L’attuale mostra è stata posticipata dall’apertura lo scorso anno a causa di un’epidemia, quindi mantiene il suo soprannome “2020”. Aperto a Dubai fino alla fine di marzo 2022.

Il padiglione integra un design riutilizzabile nella sua struttura – con l’uso di elementi organici come scorza d’arancia e fondi di caffè nei materiali da costruzione – e un sistema di mitigazione del clima naturale che utilizza ombra, nebbia e ventilazione per cambiare l’aria condizionata. Non ci sono pareti regolari, le corde marine rappresentano lo spazio espositivo e la superficie multimediale si attiva tramite LED che visualizzano colori e immagini differenti.

Il padiglione in Italia ha 2 milioni di bottiglie di plastica riciclate sulla parte anteriore delle corde del mare. debito: Michael Nostasi

Entrando, i visitatori si trovano su uno skywalk a 36 piedi (11 metri) sopra il livello del suolo e sotto il primo strapiombo.

Tra le attrazioni, “Belvedere”, una struttura a cupola, è ricoperta di erbe mediterranee selvatiche e ispira giardini rinascimentali. Copia stampata in 3D della famosa statua del David di Michelangelo, Realizzato da scansioni dettagliate della forma originale del XVI secolo a Firenze. La figura di 17 piedi estende due basi e la metà inferiore è attaccata alla rotonda, che limita parzialmente la sua vista a favore della sua testa e della parte superiore del busto. “Troviamo che sia un’idea stimolante per gli spettatori vedere David dal basso verso l’alto, va dritto all’originale a Firenze, ma dritto ai suoi occhi”, dice Rudd.
Copia stampata in 3D del David di Michelangelo.

Copia stampata in 3D del David di Michelangelo. debito: Getty Images di GIUSEPPE CACACE / AFP / AFP

READ  La Sicilia registra la temperatura più alta d'Europa; Una persona è morta in un incendio nel sud Italia

La struttura poggia su un tumulo alto 16 piedi fatto di sabbia di derivazione locale, con la sensazione di sperimentare modi diversi per unire il mondo naturale e artificiale. I percorsi e i marciapiedi interni sono decorati con 160 specie botaniche, sviluppate in collaborazione con botanici del Consiglio Nazionale delle Ricerche.

Le tegole delle barche sono state costruite da Fincondieri, uno dei più grandi costruttori navali europei, e hanno il potenziale per diventare alla fine barche operative, dice Rudd.

Tuttavia, ci sono discussioni in corso sulla trasformazione del padiglione in un centro di design mentre l’Esposizione mondiale volge al termine. “Quindi le tessere delle barche possono essere vittime del loro stesso successo e possono impiegare più tempo per viaggiare”, afferma Rutty.