Ottobre 27, 2021

GolfMag

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Verona italiana torna con le più grandi opere nei set di supporto video 3D

È stato un lungo anno senza eventi personali e mentre le campagne di vaccino si preparano, il mondo dell’arte è tornato in azione. In quest’ottica, torna il famoso Anfiteatro dell’Arena di Verona nel nord Italia Dirige opere complete Il COVID-19 è la prima volta dall’infezione, ma c’è un sequestro sotto forma di pacchi virtuali.

I pacchetti di monumenti che tipicamente riempiono l’ampia griglia dell’anfiteatro sono stati sostituiti da immagini 3D dinamiche trasmesse su grandi schermi LED, ricreando il villaggio siciliano o la backdoor del film Fellini-SQ.

L’eccezione alla regola è quella di limitare il palcoscenico in movimento della scenografia sul palco di crisi dell’anfiteatro all’aperto di epoca romana, che ridisegna il 98° Festival lirico dell’Arena di Verona.

Questa stagione, la tecnologia è sinonimo di set popolari nell’arena, abbastanza da riempire un ampio palco e coinvolgere anche gli spettatori più distanti nei posti extra.

“A novembre dello scorso anno avevamo già capito che non potevamo utilizzare grandi progetti”, ha dichiarato Cecilia Castia, direttore generale dell’arena. “Soprattutto l’Arena di Verona è abituata a fare grandi spettacoli, un po’ forensi, con una qualità artistica eccellente”.

Il vicedirettore creativo Stefano Drespedi ha bussato alle guide tecniche di DWOK, dove l’azienda italiana è specializzata in video design avanzato. Presidente del Consiglio della stagione 2020 della Scala tutta virtuale E ha progettato i set virtuali per la produzione di “Ida” alla Sydney Opera.

“Sono sia artisti che tecnici allo stesso tempo, e non è facile”, ha detto Drespidi. “È una grande invenzione; ci vuole tempo per mettersi al passo con l’innovazione. Il processo che abbiamo iniziato oggi non sa dove andrà. Certo, ci porterà avanti”.

READ  Vedi: Ferrari Roma bloccata in una stradina in Italia

La premiere di apertura della stagione di venerdì è un doppio cartellone di “Cavaleria Rustigana” di Pietro Muscagni e “Bagliacci” di Rugirio Liancavallo, una produzione prevista per la stagione 2020 che non si è mai tenuta a causa delle restrizioni sui concerti. Al Laboratorio Cavernoso dell’Arena alle porte della città, infatti, è incompiuta la lavorazione del legno della “Cavalleria” dello scorso anno, riservata a un’edizione futura.

È stato invece creato un villaggio siciliano con 400 metri quadrati (4.305 piedi quadrati) di schermi a LED, con piani collinari, facciata di chiesa e edifici robusti, tutti con profondità tridimensionale. Le nuvole in movimento davano energia alla scena, mentre i cantanti e gli attori si muovevano su e giù per una scala fisica e attraverso un fronte pieno di tavoli e sedie per creare una piazza centrale.

Mentre “Cavalleria Rusticana” era nostalgica in bianco, nero e grigio, gli attori di “Bugliachi” indossavano costumi technicolor sgargianti, sottolineando il conflitto reale e teatrale contro le parti extra ispirate al set del film Fellini. Nell’opera.

Le cinque nuove opere negli elementi video includono immagini cameo provenienti da musei italiani, tra cui “Ida”, “Nabuko” e “La Traviada”. Le collaborazioni, tra cui i Musei Vaticani, gli Ufizi e il Museo Egizio di Torino, sono viste come un segno di solidarietà con un altro ramo culturale che è stato colpito dalle restrizioni durante le epidemie.

“Hanno trovato molto bene questa meravigliosa soluzione”, ha detto il tenore Youssef Ivasoff, che canta il personaggio di Kenio/Bagliasio. “È così bello da vedere, non si vede che non è un vero set. E il pubblico può vedere un vero spettacolo, non solo un concerto”.

READ  Una guida locale in Perù, Italia: Cinque grandi cose da fare | Vacanze Umbria

Evsof ha affermato che gli schermi hanno un ulteriore vantaggio: “È molto comodo per la voce, è un muro, fornisce anche supporto sonoro ed è molto importante nell’arena perché cantiamo fuori”.

I controlli antivirus in corso significano che l’arena può ora ospitare un massimo di 6.000 ospiti, invece dei 13.500 pre-epidemia. I musicisti dell’orchestra sono separati da una distanza di due metri, il coro si allarga come un coro greco seduto sul palco seduto nell’anfiteatro e gli attori che non cantano indossano maschere mentre la folla sul palco cresce.

Per molti tra la folla, guardare il teatro dal vivo è stato un piacere, un nuovo elemento per assorbire la nuova tecnologia.

“Anche quando viene utilizzato sul palco con grandi collezioni, sembra ancora bello”, ha detto un normale Kia Veronese nell’arena, il cui figlio di 8 anni Bagliyachi ha cantato nel coro dei ragazzi. “Sembra quasi reale ad un certo punto.”