Ottobre 26, 2021

GolfMag

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le famiglie delle vittime del governo italiano chiedono un risarcimento al governo | Italia

Il caso è stato avviato da più di 500 famiglie di vittime del governo A titolo di risarcimento è richiesto un totale di m 100 milioni E’ in corso a Roma il primo processo nella peggiore eruzione d’Europa nel continente, con il governo italiano che arriva in tribunale.

Gli avvocati che rappresentano i parenti delle vittime del virus corona hanno presentato giovedì un documento di oltre 2.000 pagine, contenente centinaia di testimonianze e prove di “legittima negligenza” da parte delle autorità italiane, che ha portato alla morte di migliaia di persone.

“L’Italia è stata in ritardo nell’introdurre misure per controllare l’esplosione del governo”, ha detto al Guardian il console Logatti, rappresentante legale delle famiglie. “Quando finalmente l’hanno fatto, queste misure non erano sufficienti. ” ‘

Come L’anno scorso il Guardian ha rivelato per la prima voltaQuando l’emergenza sanitaria ha travolto l’Italia, nel Paese c’era un vecchio e insufficiente piano epidemico che non faceva menzione degli scenari e delle ipotesi progettuali.

Quando l’Organizzazione mondiale della sanità e il Centro europeo per il controllo e la prevenzione delle malattie hanno stabilito nuove linee guida, secondo quanto riferito le autorità italiane non sono riuscite ad aggiornarle.

Secondo un rapporto di 65 pagine compilato dal generale dell’esercito in pensione Pierre Paulo Lunelli, decine di migliaia di morti potrebbero essere state dovute alla mancanza di adeguati protocolli di prevenzione dell’epidemia.

Il piano epidemico e le strategie per prevenire l’epidemia non hanno tenuto conto dei difetti strutturali degli ospedali e del sistema sanitario italiano”, ha affermato Locatti. “Questa causa civile mette in discussione le responsabilità di politici e aziende e chiede loro di assumersi le proprie responsabilità di fronte ai cittadini che sono chiamati a difendere, di cui hanno violato i diritti, sia il diritto alla salute che il diritto alla vita. “

READ  La Ryder Cup 2023 si fonderà con l'alta moda in Italia

Documentazione inclusa Scoperte recenti, che è in fase di test da parte degli avvocati italiani, sostiene che il virus corona si sia diffuso in tutto il Paese poche settimane prima che fosse ufficialmente diagnosticato il primo caso di diffusione locale perché non conforme alle linee guida sulla sorveglianza epidemiologica.

Secondo le cartelle cliniche, un uomo sulla cinquantina è stato ricoverato alla fine di gennaio 2020 con polmonite bilaterale a Bergamo, in Lombardia. quella provincia gravemente picchiato Durante la prima ondata di contagio. Secondo gli esperti, queste informazioni potrebbero “cambiare la cronologia dell’epidemia in Italia”.

Da quando è iniziata l’epidemia in Italia, i medici hanno affermato che il virus si è diffuso nel Paese poche settimane prima che fosse ufficialmente diagnosticato. Alcuni medici della Lombardia, la regione più colpita, hanno affermato alla fine di dicembre 2019 che ai pazienti era stata diagnosticata una “strana polmonite”. Nonostante ciò, le società hanno ignorato i ricorsi.

Secondo i pm, gli effetti di questa possibile negligenza avrebbero potuto evitare molti morti.

Alla prima udienza, iniziata giovedì a Roma, decine di rappresentanti delle famiglie delle vittime sono stati costretti ad attendere fuori dal tribunale perché le restrizioni del governo erano ancora in vigore.

A Bergamo, avvocati Sono ancora oggetto di indagine La negligenza criminale è sospettata dalle autorità italiane nell’affrontare l’epidemia.

L’ex direttore del ministero della Salute della Regione Lombardia e i cinque dirigenti sanitari indagati hanno negato ogni addebito.

L’Italia è il primo Paese occidentale ad essere colpito dall’epidemia e il secondo più alto numero di decessi legati al covid in Europa dopo il Regno Unito (127.718 a mercoledì).

READ  Giornata campale per valutare i vitigni freschi in Italia