Ottobre 22, 2021

GolfMag

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Leonardo d’Italia punta a quotare l’unità TRS quando le condizioni di mercato sono giuste

Francesca Landini

CERNOBIO, Italia (Reuters) – Il team di sicurezza italiano Leonardo mira a quotare la sua unità statunitense TRS quando ci saranno le giuste condizioni di mercato, ha detto venerdì l’amministratore delegato Alessandro Profumo.

L’organismo di regolamentazione del governo a marzo ha rinviato l’offerta pubblica iniziale di una quota di minoranza nel DRS.

“Abbiamo richiesto la lista TRS e stiamo aggiornando i documenti per l’IPO … Quando ci saranno le condizioni di mercato per una transazione di successo, lo faremo”, ha detto Profumo ai giornalisti. Como.

Il gruppo italiano ha offerto il 22% di DRS da $ 20 a $ 22 per azione.

“Il limite di rating per l’unità rimane invariato”, ha affermato Profumo, aggiungendo che nei prossimi mesi il gruppo potrebbe testare nuovamente il mercato delle IPO.

ProFumo ha affermato che il gruppo prevede di vendere la sua piccola attività di automazione e ha rifiutato di commentare la rimozione della sua unità OTO Melara, che costruisce sistemi di sicurezza per le navi.

Una fonte a conoscenza della questione stava parlando con Reuters il mese scorso dell’acquisizione di OTO Melara da parte del costruttore navale italiano Fincondori Leonardo.

Qualsiasi fusione tra Fincondori e OTO richiederebbe l’approvazione sia del governo italiano che dell’istituto di credito statale CDP, che sarebbe un investitore nella società di costruzioni navali, ha affermato un’altra fonte.

ProFumo ha affermato che Leonardo, che produce parti per aeromobili Boeing e Airbus, presenterà i piani per la sua attività di aerostrutture entro la fine di quest’anno.

Questo segmento sta soffrendo per il calo della domanda e quest’anno si prevede che alcuni dei suoi impianti bruceranno di denaro poiché operano sotto la loro capacità di produzione.

READ  Tabelle di federazione guidate DIM per il Cloud Center d'Italia

(Relazione di Francesca Landini, a cura di Giulia Secreti e Alison Williams)