Gli eredi di Tupac minacciano di citare in giudizio Drake per voci false generate dall'intelligenza artificiale

Gli eredi di Tupac Shakur stanno minacciando di citare in giudizio Drake per una recente canzone contro Kendrick Lamar che includeva una versione generata dall'intelligenza artificiale della voce del defunto rapper, definendola una “flagrante violazione” della legge e un “palese uso improprio” della sua eredità.

Nella lettera di cessazione e desistenza di mercoledì ottenuta esclusivamente da pitturadenuncia Howard King Drake (Aubrey Drake) dice a Graham che deve confermare che ritirerà il suo “Taylor Made Freestyle” in meno di 24 ore altrimenti l'azienda “perseguirà tutti i rimedi legali” contro di lui.

“La famiglia è profondamente sconvolta e delusa dal tuo uso non autorizzato della voce e della personalità di Tupac”, ha scritto King nella lettera. “Non solo la registrazione è una palese violazione della pubblicità di Tupac e dei diritti legali dell'Estate, ma è anche un palese abuso dell'eredità di uno dei più grandi artisti hip-hop di tutti i tempi. L'Estate non avrebbe dato il suo consenso a questo uso.”

Drake ha pubblicato “Taylor Made” venerdì, segnando l'ultimo capitolo nella guerra di parole tra il rapper canadese e Lamar. Insieme ai servizi fotografici di Kendrick e Taylor Swift, la canzone ha fatto notizia per il suo notevole uso della tecnologia AI per creare versi falsi di Tupac e Snoop Dogg, due leggende della West Coast che Lamar, residente a Los Angeles, idolatra.

“Kendrick, abbiamo bisogno di te, salvatore della West Coast/Incidi il tuo nome nella storia dell'hip-hop”, rappa Tupac nella canzone generata dall'intelligenza artificiale di Drake. “Se la prendi troppo duro/sembrerai un po' nervoso per tutta questa pubblicità.”

In una lettera di martedì, gli eredi di Tupac hanno avvertito Drake che l'uso della sua voce viola chiaramente i cosiddetti diritti di pubblicità di Tupac: l'autorità legale per controllare come gli altri usano la tua immagine o somiglianza. Hanno espressamente escluso di usare la sua voce per licenziare Lamar.

READ  Ray: Il cantautore entra nella storia vincendo sei Brit Awards

“L'uso non autorizzato e altrettanto scioccante della voce di Tupac contro Kendrick Lamar, un buon amico dell'amministrazione che non ha dato altro che rispetto a Tupac e alla sua eredità sia pubblicamente che privatamente, aggrava l'insulto”, ha scritto King.

Un rappresentante di Drake ha rifiutato di commentare le rivendicazioni immobiliari di Shakur.

Non è chiaro se Snoop Dogg, la cui voce è presente anche in “Taylor Made”, intende sollevare obiezioni legali simili alla traccia di Drake. Sabato ha postato sui social un video in cui sembrava stesse imparando la canzone per la prima volta: “Hanno fatto cosa? Quando? Come? Sei sicuro?” Un rappresentante di Snoop Dogg non ha risposto a una richiesta di commento.

L’uso non autorizzato della tecnologia di clonazione audio è diventato uno degli argomenti legali spinosi nel settore musicale, poiché gli strumenti basati sull’intelligenza artificiale rendono più facile che mai imitare in modo convincente i veri artisti.

La questione è esplosa sulla scena l'anno scorso, quando un artista anonimo di nome Ghostwriter ha pubblicato una canzone chiamata “Heart On My Sleeve” che ironicamente includeva versi falsi della voce di Drake. Da allora, con la diffusione della clonazione audio su Internet, gruppi industriali, esperti legali e legislatori hanno discusso su come eliminarla al meglio.

Non è così semplice come può sembrare. È difficile far rispettare direttamente i diritti d'autore federali, poiché le canzoni clonate di solito contengono nuovi testi e musica che differiscono dalle canzoni già protette da copyright. I diritti di pubblicità citati dall'Estate sono più adatti perché proteggono l'immagine di qualcuno di per sé, ma storicamente sono stati usati per fare causa per la pubblicità, non per opere creative come le canzoni.

READ  Jussie Smollett è stata rilasciata dalla prigione della contea in appello

Di fronte a questa incertezza giuridica, l’industria discografica e i grandi artisti hanno esercitato pressioni affinché una nuova legislazione affrontasse il problema. Il mese scorso, il Tennessee ha approvato una legge chiamata ELVIS Act che mira a reprimere la clonazione audio espandendo le leggi statali sul diritto alla pubblicità oltre la semplice pubblicità. Anche i legislatori di Washington, D.C., stanno prendendo in considerazione progetti di legge simili che creerebbero nuovi e più ampi diritti di pubblicità a livello federale.

Tuttavia, in una lettera mercoledì, la fondazione ha affermato che le attuali leggi della California sul diritto alla pubblicità proibiscono chiaramente qualcosa di così palese come l'uso della voce di Tupac da parte di Drake in “Taylor Made”. King ha sostenuto che la canzone ha causato “danni economici e reputazionali significativi” creando “la falsa impressione che l'estate e Tupac stiano promuovendo o sostenendo testi simili”.

L'azienda ha anche affermato che la canzone è stata probabilmente creata utilizzando un modello di intelligenza artificiale che ha violato il copyright dell'azienda “addestrandosi” su registrazioni esistenti della musica di Tupac. La legalità dell’utilizzo di “input” protetti da copyright è un’altra difficile questione legale attualmente messa alla prova in diverse cause legali attentamente monitorate contro gli sviluppatori di intelligenza artificiale, inclusa una intentata dai principali editori musicali.

“È difficile da credere [Tupac’s record label]”La proprietà intellettuale di Tupac AI per creare il falso Tupac AI registrato non è stata espropriata”, ha scritto King, prima di chiedere anche a Drake di fornire “una spiegazione dettagliata di come è stato creato il sosia e della persona o azienda che lo ha creato, inclusa tutte le registrazioni e gli altri dati” “scansionati”.

READ  Richard Dreyfuss fa commenti transfobici alla proiezione di "Jaws" e il locale si scusa

Il messaggio di mercoledì ha inoltre evidenziato chiaramente che lo stesso Drake ha precedentemente espresso obiezioni nei confronti di altri che utilizzano la sua immagine privata. Oltre all'incidente dell'anno scorso relativo alla canzone “Heart on My Sleeve” — che fu rapidamente cancellata da Internet — King ha citato una causa federale meno conosciuta in cui gli avvocati di Drake accusavano un sito web di usare la sua immagine senza permesso.

“IL [“Taylor Made Freestyle”] “A questo punto ha generato oltre un milione di stream ed è stato ampiamente distribuito dalla stampa generale nazionale e da siti e pubblicazioni di intrattenimento popolari”, ha scritto la proprietà. “Senza dubbio, è molto più pericoloso e dannoso della tua foto con altre persone su un sito web a basso volume.”

Nei paragrafi conclusivi, la lettera richiedeva conferma scritta entro giovedì pomeriggio che i rappresentanti di Drake stanno “prendendo con urgenza tutte le misure necessarie per rimuoverlo”.

“Se ci conformiamo, l'Estate valuterà se i negoziati informali per risolvere la questione abbiano senso”, ha scritto King. “Se non rispetti, il nostro cliente ha autorizzato questa società a perseguire tutti i rimedi legali inclusi, ma non limitati a, una richiesta di violazione… danni punitivi e spese legali.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto