Giugno 28, 2022

GolfMag

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il generale italiano lascia la Russia mentre Indesa fa il punto sugli affari

La più grande banca italiana, Intesa Sanpaolo, sta conducendo una revisione strategica della sua presenza in Russia, aiutando i dipendenti ucraini a lasciare il Paese, ha affermato un portavoce.

In uno degli avvertimenti più chiari di una società occidentale sul potenziale impatto della crisi ucraina, la Société Générale ha avvertito in precedenza della possibilità che la Russia rimuova la sua banca operativa locale.

La banca francese ha affermato che l’esposizione di $ 20 miliardi alla Russia è stata uno dei maggiori prestatori esteri, che lavora per ridurre i rischi nel Paese.

Il generale ha dichiarato in una dichiarazione che rinuncerà anche ai suoi seggi su Ingosstrak Group, uno dei maggiori assicuratori russi con una quota del 38,5%.

“Non ci sono piani immediati per vendere le azioni a breve termine, ma il gruppo sta valutando le sue opzioni”, ha detto generalmente a Reuters una fonte vicina alla questione.

La compagnia assicurativa n. 3 in Europa ha affermato che la sua esposizione al mercato russo in termini di investimenti e attività assicurative è sotto costante controllo. La mossa arriva quando il presidente Vladimir Putin ha ordinato alle sue truppe di raggiungere la vicina Ucraina mentre le nazioni occidentali cercano di prendere le distanze dal commercio russo.

Indesa ha finanziato importanti progetti di investimento in Russia, come la vendita di azioni del gasdotto Blue Stream e del produttore di petrolio Rosneft. Gestisce più della metà di tutte le transazioni commerciali tra Italia e Russia.

Condanna

Con 800 dipendenti in Ucraina, Intesa ha dichiarato che fornirà assistenza ai propri dipendenti sul campo fornendo riparo negli altri paesi in cui opera.

READ  Modifica A-List: Cortina d'Ampezzo, Italia

Nell’Europa centrale e orientale, Indesa ha filiali anche in Slovacchia, Slovenia, Ungheria e Repubblica Ceca.

“Condanniamo pienamente ciò che sta accadendo”, ha affermato il suo portavoce.

Alla fine del 2021, il debito di Indesa verso la Russia era pari a 0,55,57 miliardi ($ 6,16 miliardi) o l’1,1% del suo totale, mentre le sue filiali in Russia e Ucraina avevano un patrimonio rispettivamente di 1,1 miliardi e 300,300 milioni, per un totale di appena 0.1. % del suo totale.

Un portavoce di UniCredit ha rifiutato di commentare se la seconda banca italiana potrebbe intraprendere un’azione simile sulla propria attività in Russia, dove gestisce la quattordicesima banca del Paese con circa 4.000 dipendenti.

Unicredit rivela un totale di 14 miliardi di euro alla Russia, che con le sue vaste riserve di capitale può facilmente assorbire l’intero sconto del suo business russo.

Ma lascerà altri 6 miliardi di euro con un’esposizione fuori limite, compresi i prestiti alle grandi aziende.

Fonti hanno detto a Reuters mercoledì che una rinuncia completa alle attività russe di UniCredit costerebbe più di ப 1 miliardo.

($ 1 = 0,9045 euro)

(Reporting di Valentina Jah, Gianluca Semaro, Agnieszka Flock e Stephen Jokes; montaggio di Giulia Secreti, Jason Neely, Jane Merriman, Jonathan Odyssey e Alexander Smith)