Maggio 22, 2022

GolfMag

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il proprietario del Chelsea, Abramovich, e il capo della Rosneft Sechin sono soggetti alle sanzioni britanniche

Il proprietario del Chelsea, Abramovich, e il capo della Rosneft Sechin sono soggetti alle sanzioni britanniche

  • Il Regno Unito ha imposto sanzioni ad altri sette oligarchi legati al Cremlino
  • La vendita del Chelsea è stata sospesa, la Gran Bretagna potrebbe vendere il club
  • Sospensione delle negoziazioni sulle azioni Efras

LONDRA (Reuters) – La Gran Bretagna ha imposto sanzioni, congelamento dei beni e divieti di viaggio al proprietario del Chelsea FC Roman Abramovich e all’amministratore delegato Igor Sechin, a causa dei loro legami con il presidente russo Vladimir Putin.

I miliardari, oltre a Oleg Deripaska e quattro magnati degli affari russi, sono alcuni dei migliori uomini d’affari da aggiungere alla lista delle sanzioni britanniche da quando la Russia ha invaso l’Ucraina. La mossa segue le critiche secondo cui la Gran Bretagna sta agendo troppo lentamente.

La misura mette in ghiaccio i piani di Abramovich di vendere il club della Premier League Chelsea, mettendo di fatto gli attuali campioni d’Europa sotto il controllo del governo. La squadra può continuare a giocare ma il governo ha detto che è disponibile a vendere il club finché lo stesso Abramovich non ne trarrà vantaggio. Per saperne di più

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Il primo ministro Boris Johnson ha dichiarato: “Non può esserci rifugio sicuro per coloro che hanno sostenuto il feroce attacco di Putin all’Ucraina”. “Perseguiremo spietatamente coloro che aiutano a uccidere civili, distruggere ospedali e occupare illegalmente alleati sovrani”, ha aggiunto.

Ci sono state forti richieste da parte dei legislatori britannici di agire contro Abramovich e altri miliardari russi, con critiche sul fatto che il governo di Johnson non si sta muovendo abbastanza velocemente rispetto all’Unione Europea e agli Stati Uniti.

Londra è sempre stata una delle principali destinazioni per il denaro russo, con i ricchi russi che la usavano come un parco giochi di lusso e istruivano i loro figli in scuole pagate. Gli fu dato il soprannome di Londra.

READ  Paige Bueckers si è ripresa da un intervento chirurgico al ginocchio, si unirà alla squadra di basket femminile UConn Huskies per la partita di venerdì

Sechin, descritto dalla Gran Bretagna come il braccio destro di Putin, era già negli elenchi delle sanzioni di Stati Uniti e Unione Europea e il suo yacht è stato sequestrato dalle autorità francesi la scorsa settimana. Per saperne di più

Dall’invasione dell’Ucraina, che Mosca descrive come una “operazione militare speciale”, la Gran Bretagna ha imposto sanzioni a circa 20 persone legate alla Russia. E l’Unione Europea ha annunciato, mercoledì, nuove sanzioni contro altre 14 sentenze, il che significa che le sue restrizioni si applicano a 862 persone e 53 entità. Per saperne di più

15 miliardi di sterline

Altri aggiunti alla lista britannica sono Deripaska, che ha partecipazioni nel gruppo En+; Dmitry Lebedev, Presidente del Consiglio di Amministrazione della Banca di Russia; Alexei Miller, CEO del colosso energetico Gazprom; e Nikolai Tokarev, presidente della compagnia di oleodotti statale russa Transneft.

EN+ ha affermato che l’annuncio non avrà alcun impatto sul gruppo o sulle sue sussidiarie e che Deripaska ha rinunciato alla proprietà di maggioranza e al controllo del gruppo come parte di un accordo con le autorità statunitensi nel 2019.

In tutto, la Gran Bretagna ha affermato che le sette cifre, escluso Abramovich, che era stato sanzionato dagli Stati Uniti o dall’Unione Europea, avevano un patrimonio netto collettivo di 15 miliardi di sterline (19,74 miliardi di dollari).

L’azione di giovedì significa che ad Abramovich, 55 anni, è vietato effettuare transazioni con individui e società britanniche e non può entrare o rimanere in Gran Bretagna. La sua portavoce ha rifiutato di commentare.

Abramovich, che detiene la doppia cittadinanza israeliana e portoghese, è diventato uno degli uomini d’affari più potenti della Russia guadagnando enormi fortune dopo lo scioglimento dell’Unione Sovietica nel 1991. Forbes ha stimato il suo patrimonio netto a $ 13,3 miliardi.

Ha acquistato il Chelsea nel 2003 per £ 140 milioni e il suo investimento ha contribuito in modo significativo all’era di maggior successo nella storia della squadra, vincendo cinque titoli di Premier League, cinque FA Cup e due volte la Champions League.

Ha battuto la squadra brasiliana del Palmeiras a febbraio diventando campione del mondo per club FIFA per la prima volta, dopo aver sconfitto la squadra inglese del Manchester City diventando campione d’Europa la scorsa stagione.

Abramovich ha annunciato la scorsa settimana che avrebbe venduto il Chelsea FC e donato i soldi della vendita per aiutare le vittime della guerra in Ucraina. Il portavoce di Johnson ha detto che il governo era disposto a vendere il club ma avrebbe richiesto un’altra licenza. Per saperne di più

“Se il club viene venduto, Abramovich non ne trarrà vantaggio”, ha detto ai giornalisti il ​​ministro dello sport Nadine Doris. Per saperne di più

Il governo ha rilasciato una licenza speciale per consentire al Chelsea di giocare partite e pagare il personale, ma limiterà la vendita di biglietti e merce. Per saperne di più

Anita Clifford, un avvocato specializzato in questioni di congelamento dei beni e sanzioni, ha affermato che le azioni hanno temporaneamente privato Abramovich dei suoi beni, ma il Chelsea potrebbe essere venduto con il suo accordo con il governo. Il denaro può andare ad aiutare le vittime ucraine della guerra.

“I proventi saranno congelati … inoltre e non fluiranno semplicemente alla persona designata a meno che non sia in atto una licenza o un accordo per coprire questo, o per coprire i proventi che vanno a un beneficiario specifico che le parti hanno ritenuto appropriato”, ha ha detto a Reuters.

READ  MLB, MLBPA continuano i negoziati; La MLB propone che martedì sia l'ultima "scadenza" per la stagione di 162 partite

Clifford ha affermato che Abramovich potrebbe presentare domanda al Ministero degli Esteri britannico per una revisione interna del congelamento dei beni o rivolgersi all’Alta Corte di Londra per una revisione della decisione, un processo che potrebbe richiedere 18 mesi o più.

La voce nell’elenco delle sanzioni britanniche descriveva Abramovich come “un importante uomo d’affari russo e oligarca filo-Cremlino che aveva avuto uno “stretto rapporto per decenni” con Putin.

La voce afferma che questa associazione ha portato ad Abramovich un beneficio finanziario o materiale direttamente da Putin o dal governo russo.

Ha detto che era “coinvolto nella destabilizzazione dell’Ucraina” e nel minare la sua sovranità e indipendenza attraverso il produttore siderurgico russo quotato a Londra Evraz. (EVRE.L) di cui è il maggiore azionista.

Il Tesoro britannico ha affermato che Evraz è stato coinvolto nella fornitura di servizi finanziari, denaro, beni o tecnologia che potrebbero danneggiare l’indipendenza dell’Ucraina, inclusa la fornitura di acciaio che potrebbe essere utilizzato per fabbricare carri armati russi.

La società ha affermato di non considerare Abramovich una persona che esercita il controllo sulla società e ha respinto la dichiarazione di aver partecipato a minare l’indipendenza dell’Ucraina.

Ha affermato che le sanzioni non dovrebbero applicarsi alla società, le cui azioni quotate a Londra sono diminuite del 16% dopo l’annuncio delle misure, spingendo l’Autorità di vigilanza finanziaria britannica a sospendere temporaneamente le negoziazioni.

(dollaro = 0,7599 sterline)

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Segnalazione di Kate Holton, Alistair Smoot e Paul Sandel) Scritto da Michael Holden; Montaggio di William James, Frank Jack Daniel, Angus McSwan e Mark Heinrich

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.