Maggio 23, 2022

GolfMag

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Perché gli Stati Uniti hanno rifiutato il piano della Polonia di inviare aerei da combattimento in Ucraina

Perché gli Stati Uniti hanno rifiutato il piano della Polonia di inviare aerei da combattimento in Ucraina

Il segretario alla Difesa degli Stati Uniti Lloyd Austin ha detto al ministro della Difesa polacco che gli Stati Uniti non supportano il trasferimento di aerei da combattimento MiG-29 all’aviazione ucraina “in questo momento”, ha detto l’addetto stampa del Pentagono, né dalla Polonia che li ha trasferiti all’aviazione ucraina . . L’Ucraina con gli Stati Uniti riempie la flotta della Polonia o la Polonia trasferisce i MiG-29 negli Stati Uniti per darli all’Ucraina.

Kirby ha detto che Austin “ha sottolineato che in questo momento non supportiamo il trasferimento di ulteriori aerei da combattimento all’aeronautica ucraina, e quindi non desideriamo nemmeno vederli sotto la nostra custodia”.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha chiesto all’Occidente di acquisire i caccia MiG-29, che sono stati utilizzati durante la Guerra Fredda e che i piloti ucraini sono stati addestrati a utilizzare, per mantenere il controllo dei cieli del suo paese poiché sono ancora sotto attacco dalla Russia.

Gli Stati Uniti e la coalizione hanno respinto l’altra richiesta di Zelensky di aiutare a creare una no-fly zone sull’Ucraina, vedendola come una mossa che li avrebbe messi direttamente contro la Russia. Il presidente russo Vladimir Putin ha anche avvertito che considererebbe i paesi che impongono una no-fly zone “partecipanti a un conflitto militare”.

Con una no-fly zone fuori dal tavolo, gli Stati Uniti pesano Selezione Fornire supporto all’esercito ucraino aiutando a facilitare la consegna di aerei da combattimento polacchi in Ucraina. Ma si è rivelata una questione politica spinosa e un obiettivo logisticamente complesso.
Il Pentagono afferma che la proposta polacca di trasferire aerei negli Stati Uniti per darli all'Ucraina non è accettabile.

Durante il fine settimana, gli Stati Uniti hanno affermato di essere in trattative con la Polonia su un possibile accordo in base al quale la Polonia avrebbe fornito all’Ucraina i caccia MiG-29 ordinati dall’Ucraina, e quindi gli Stati Uniti avrebbero fornito alla Polonia gli F-16 statunitensi.

La Polonia, invece, martedì ha sorpreso gli Stati Uniti e offerto per la pubblicazione Tutti i suoi caccia MiG-29 vengono per aiutare l’Ucraina nella sua lotta contro la Russia, ma prima inviando gli aerei alla base aerea statunitense di Ramstein in Germania, anch’essa un paese della NATO.

Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha respinto la proposta come “inaccettabile” e l’ha considerata troppo rischiosa.

READ  Le azioni scendono, i prezzi del petrolio salgono mentre la Russia attacca l'Ucraina

“La prospettiva di caccia “a disposizione del governo USA” in uscita da una base USA/NATO in Germania per volare nello spazio aereo conteso con la Russia sull’Ucraina solleva serie preoccupazioni per l’intera NATO”, ha affermato Kirby in una dichiarazione martedì.

Funzionari statunitensi hanno descritto la questione alla CNN come duplice: un problema logistico con l’arrivo degli aerei in Ucraina e un problema politico per evitare l’escalation con la Russia. Funzionari statunitensi hanno descritto il piano polacco come un fallimento nell’affrontare adeguatamente entrambi.

I membri della NATO hanno espresso preoccupazione per il fatto che la fornitura di aerei da combattimento all’Ucraina, anche se effettuata bilateralmente, potrebbe essere vista dalla Russia come l’alleanza direttamente coinvolta nella guerra, hanno detto alla CNN i diplomatici della NATO.

Funzionari polacchi hanno detto alla Galileus Web che la Polonia, membro della NATO e vicina dell’Ucraina, era anche preoccupata per i rischi di condividere i jet da combattimento con l’Ucraina, perché non volevano diventare parte del conflitto e aggravare la situazione lungo il confine. .

L’ambasciatore polacco negli Stati Uniti Marek Majerowski ha dichiarato mercoledì sera che la Polonia è “pienamente consapevole” delle conseguenze della sua proposta.

“Siamo stati sottoposti a tremende pressioni da parte dei nostri alleati e dell’opinione pubblica anche qui negli Stati Uniti. Eravamo ben consapevoli di tutte le conseguenze tecniche, legali e diplomatiche di una tale mossa, che ovviamente era molto rischiosa”, il corrispondente della CNN Wolf Blitzer ha detto nel programma “Situation Room”.

“Ecco perché abbiamo trovato una soluzione logica e coscienziosa. I nostri partner americani hanno respinto questa proposta, perché sono giunti alla conclusione che era troppo escalation. Bene, lo capiamo e penso che possiamo continuare a coordinare i nostri sforzi congiunti con i nostri partner americani e con altri membri della NATO per aiutare gli ucraini a difendersi nel modo più efficace possibile”.

Se un attacco russo si estendesse a un paese vicino alla NATO, potrebbe esplodere Articolo 5 Dal trattato istitutivo della NATO, il principio che un attacco a un membro dell’alleanza è un attacco a tutti i membri.

Se viene invocato l’articolo 5, gli Stati Uniti e gli altri membri della NATO sarebbero quindi obbligati a fornire risorse per proteggere gli altri membri della NATO e potrebbero trovarsi direttamente coinvolti nel conflitto tra Ucraina e Russia.

READ  "Criminale di guerra" o "uomo forte intelligente"? L'invasione di Putin accresce il divario repubblicano | repubblicani

Le discussioni continuano

Prima che Kirby annunciasse che il Pentagono era fermamente contrario alla proposta della Polonia mercoledì pomeriggio, alti funzionari dell’amministrazione hanno detto alla CNN che gli Stati Uniti stavano continuando a consultarsi con la Polonia e altri alleati della NATO sulla possibilità di fornire aerei da combattimento all’Ucraina.

Funzionari statunitensi e polacchi hanno avuto “una serie di conversazioni” da quando la Casa Bianca è stata sorpresa dalla dichiarazione di Varsavia, ha detto alla Galileus Web un funzionario dell’amministrazione statunitense, aggiungendo che le relazioni tra i due paesi rimangono forti nonostante la disputa.

Lo è anche il vicepresidente degli Stati Uniti Kamala Harris viaggiare in Polonia Questa settimana dovrebbe essere discussa la questione.

Funzionari statunitensi hanno anche detto alla CNN che non credevano che l’incidente precludesse il tipo di accordo che avrebbe consentito ai jet di raggiungere l’Ucraina.

Finora, tuttavia, non ci sono soluzioni immediate e ovvie per gli Stati Uniti per facilitare la consegna di aerei all’Ucraina poiché l’offerta della Polonia è stata respinta.

“Penso che quello che stiamo vedendo sia che la proposta della Polonia mostra che ci sono alcune complessità che il problema pone quando si tratta di fornire sistemi di sicurezza. Dobbiamo assicurarci di farlo nel modo giusto”, ha detto il segretario di Stato Anthony Blinken ha detto ai giornalisti mercoledì al Dipartimento di Stato.

sfide logistiche

Gli Stati Uniti hanno chiarito che inviare aerei in Ucraina è una “decisione sovrana” che la Polonia dovrà prendere, ma è stata disposta ad aiutare a superare le sfide.

Oltre al pantano politico, ci sono sfide logistiche legate all’invio di caccia in Ucraina in modo che gli Stati Uniti e gli alleati della NATO possano continuare a risolverle.

READ  Il rublo russo ha raggiunto meno di un centesimo dopo che l'Occidente ha inasprito le sanzioni

“Il segretario Austin, il presidente Milley e i membri del nostro Dipartimento della Difesa sono in contatto con le loro controparti ucraine e della NATO per discutere chiaramente delle sfide logistiche qui”, ha affermato mercoledì il segretario stampa della Casa Bianca Psaki.

Psaki ha citato alcune sfide logistiche e operative: portare gli aerei in Ucraina in modo non escalation, eventualmente dover smontare gli aerei e rimontarli e garantire un movimento sicuro degli aerei nel mezzo della guerra.

In seguito lo ha definito un “grave collo di bottiglia logistico”, dicendo che le discussioni sulla questione stavano continuando.

Le domande aperte includono come l’aereo sia stato effettivamente trasportato dalla Polonia all’Ucraina e quanti piloti ucraini sono disponibili, ha detto lunedì l’ambasciatore degli Stati Uniti alla NATO Julian Smith al giornalista della CNN Christian Amanpour.

Un’idea inizialmente lanciata era che gli ucraini si recassero in Polonia per recuperare i caccia e riportarli nel pericoloso spazio aereo dell’Ucraina, cosa che secondo i funzionari statunitensi rimane una controversia.

L’Ucraina si è presentata alla fine del mese scorso richiedere per i MiG-29 in Polonia, Slovacchia e Bulgaria, e Zelensky sabato ha fatto appello in una chiamata con i legislatori statunitensi per aiutare gli Stati Uniti a riportare a casa i caccia.

Alcuni paesi sembrano disposti a prendere in considerazione una mossa del genere prima che la Polonia si offra di inviare i propri MiG-19. A partire da mercoledì, i funzionari statunitensi non escludono colloqui con questi tre altri paesi europei mentre cercano di trovare un modo per trasportare aerei da combattimento in Ucraina.

Questa storia è stata aggiornata con ulteriori informazioni.

Oren Lieberman, Barbara Starr, Kylie Atwood, Eli Kaufman, Kevin Liptak, Jeremy Diamond, Jennifer Hansler, Betsy Klein e Paul LeBlanc hanno contribuito a questo rapporto.